Informazioni su Kazeatari

Forzato della scienza, aspirante traduttore, appassionato di Giappone e pazzo per il Giapponese, viaggiatore per passione coltiva sogni da fotografo e scrittore. E poi?! - direte voi. Be', ovvio: "Fisico, filosofo eccellente. Musico, spadaccino, rimatore, del ciel viaggiatore, amante, non per sé, molto eloquente" ...nonché appassionato di Rostand e del suo Cyrano.

Stranezze giapponesi (29)

Forse sapete che in Giappone, nel vostro konbini preferito, potete acquistare non solo bibite fresche, ma anche calde (specie in inverno). Té, caffè, limonata, bibite allo zenzero… Però questo non stupirà i più esperti tra voi.

Quel che invece vi stupirà tutti è la nuova 天然水 tennensui, che significa “acqua naturale”, ma è anche un marchio della ditta Asahi… No, non fa solo birra.

La Asahi produce infatti varie altre bibite e tra queste c’è la nostra 天然水 “tennensui”, “aromatizzata” con vari gusti. Fin qui niente di troppo strano.

E allora perché farne un post per Stranezze giapponesi? – vi chiederete voi.

Perché è uscito un nuovo gusto… potenzialmente letale!

Curiosi?

Continua a leggere

Kanji allo specchio!

ovvero Invertendo l’ordine dei kanji… il risultato cambia! (o no?)

Il tema di questo post origina da un giochino per ragazzini giapponesi che stanno imparando i kanji; è un gioco che consiste nel trovare parole che abbiano senso anche invertendo la posizione dei kanji che la compongono.

Ok, sì, lo ammetto: alcuni dei kanji che vedremo oggi sono un po’ difficili, per cui per ora prendete il tutto come una curiosità. Più avanti, però, durante il vostro studio, ricordatevi del metodo perché sarà un buon modo per imparare e ricordare facilmente alcuni vocaboli e memorizzare varie pronunce.

Be’, almeno per me è un buon modo; vedete se si adatta a voi come metodo e se sì… sono ansioso di sapere che ne pensate… e se trovate nuove “coppie” del genere!

Continua a leggere

Siti – Esercizi per il JLPT

Salve a tutti i lettori di studiaregiapponese.com! Kazeatari mi ospita gentilmente sul suo sito perché lavoro a un progetto che può dare una mano a tutti voi che vi state preparando per il JLPT!

Sto realizzando un sito web per fare pratica con le domande del test e sebbene sia ancora molto spoglio mi farebbe piacere avere dei vostri commenti sul sistema dei quiz. Per il momento troverete materiale per i livelli dall’N5 all’N2 (gli EnneUniani dovranno aspettare ancora un poco…)

Il sito si chiama www.jlptsos.com, qualunque cosa possiate dirmi, qualunque sia il feedback che vorrete darmi, sarà più che gradito. Grazie ancora e un in bocca al lupo a tutti per il 7 Dicembre!

Fabrizio, JLPTSOS admin

Domande (FAQ) – Differenza tra pronunce ON e kun

N.B. Da adesso comincerò a taggare certi articoli che rispondono a domande frequenti con la tag FAQ (Frequently Asked Questions) ovvero, come dicono i giapponesi, よくある質問 yoku aru shitsumon.

Da una domanda di Sara:

Ciao :) è da più o meno 5 mesi che studio Giapponese da autodidatta e non ho compreso molto bene la differenza tra la lettura On e kun :/ cioè da quel che ho capito la lettura On si usa quando c’è un kanji da solo?!

xxx
La regola generale – che però NON è sempre rispettata – è un po’ l’opposto di quel che immagini…

Continua a leggere

Chiedere e dire l’ora

nanjiPer dire “Che ora è?” si dice 何時ですか, che va letto letto “nanji des(u) ka” (la “u” non si sente affatto, inoltre il tono è ovviamente quello di una domanda). L’immagine sopra aggiunge un 今 ima (adesso, ora) all’inizio, dandoci così: “Che ore sono adesso?”. Non bellissimo, ma si sente abbastanza spesso… o si sentiva, ormai oggigiorno tutti girano con il cellulare e quindi non chiedono l’ora, giusto?

La risposta – tenetevi forte – varia a seconda dell’ora. Siete sconvolti, dite la verità… Ok, forse non proprio, ma aspettate perché la roba forte deve ancora arrivare.

Continua a leggere

Stranezze giapponesi (28)

suica 01Forse avete sentito parlare della Suica. Si tratta della carta che vedete nell’immagine qui sopra e funziona da prepagata per muoversi con i mezzi (metro e treni) perlomeno nell’area di Tokyo (in realtà con accordi vari e altre tessere si può usare anche in altri posti, ma sono dettagli che vanno indagati a seconda delle proprie esigenze). All’occorrenza viene “trasformata” in abbonamento: il terminale dove avete pagato la quota mensile del vostro abbonamento registra che su una data tratta non deve farvi pagare, mentre sulle altre tratte continuerete a usarla come al solito… Ma non è tutto qui!

Continua a leggere

Ore Giapponesi

Non mi riferisco allo splendido libro di Fosco Maraini, Ore giapponesi, che comunque vi consiglio, mi riferisco banalmente all’orario espresso in giapponese, perché è di questo che parleremo oggi. Banale! – penserà qualcuno, ma si sbaglierebbe, vedremo anche due o tre espressioni che ben più di rado vengono insegnate sui testi, ma sono molto utili nel linguaggio quotidiano!

Invece il modo di esprimere l’ora, quasi banale, si trova un po’ ovunque, per l’appunto, e tuttavia partiremo proprio da lì (capirete che è inevitabile se si vuole fare un bel discorso completo sull’argomento).

Partiamo dal “formato“. Se passate sopra la data con il mouse, inoltre, vi comparirà l’ora della pubblicazione, in questo formato: hhmmss秒 , così come vedete qui sotto.

formato orarioA proposito, se voleste inserire la data e l’ora nel vostro blog su wordpress basta che sotto le “impostazioni generali” del blog scriviate Y年n月j日 e H時i分s秒 lì dove vi permette di inserire i formati personalizzati per data e orario.

Ok, nell’immagine vediamo 9時30分09秒 …ma come si legge?!

L’ora, 9時 , si legge “kuji”, come accennato nel precedente articolo sul tempo, dal titolo Che giorno é? Che anno è?. Ah, se anche l’avete già letto, tenete presente che vi ho aggiunto una parte sull’era Heisei e su come calcolare in che anno dell’era Heisei siamo (la data così scritta è molto più usata di quanto immaginiate).

D’accordo – direte voi - ma di “ku-ji”, ce lo avevi già detto. Cosa ci puoi dire di nuovo?

Molte più cose di quante ne possiate immaginare… ma andiamo con ordine.

Continua a leggere