I 103 kanji del livello N5 (ex livello 4 o 4級 , yon-kyuu, che dir si voglia) sono stati postatati e si trovano nel menù del JLPT. Vi ricordo che l’N5 è il livello più semplice del jlpt (nihongo nouryoku shiken), per studiarne i kanji dovreste impiegare circa un mese a una media di 3 al giorno (è un consiglio, ovviamente, potete farne velocemente 10 al giorno e poi ripassare per il resto del tempo… o impiegare 3 mesi, 1 kanji al giorno, vedete voi).

Per ora trovate: kanji (sono riuscito a usare l’html per scriverli grandi! *__*), on’yomi e kun’yomi (cioè pronuncia d’origine cinese e pronuncia d’origine giapponese). Avere queste pronunce è tipico dei kanji. Il motivo è semplice, i kanji sono stati importati dalla Cina e legati a parole giapponesi già esistenti (pronuncia kun), ma con sé hanno portato anche la/le loro pronuncia/e (pronuncia ON). Inoltre nel corso del tempo l’evoluzione della lingua ha fatto sì che i kanji cambiassero, nella forma e/o nella pronuncia; certi kanji sono arrivati dalla Cina, a volte da regioni diverse, a volte in periodi diversi, assumendo così in Giapponese diverse pronunce (raramente più d’un paio, tranquilli). Ecco svelato il mistero delle varie pronunce associate ad ogni kanji.

Per finire, ovviamente, trovate il significato del kanji.

Spero di fare un post per kanji in cui inserire qualche vocabolo e magari una gif che fa vedere come scrivere il kanji, ma non ci giurerei.

2 thoughts on “JLPT – i 103 kanji del livello N5

Rispondi a I kanji sono caratteri “cinesi”, ma attenti al significato! | Studiare (da) Giapponese Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.