Siete spiazzati, spaesati, non sapete come cavarvela, ecc.?

Forse posso aiutarvi, però prima controllate l’elenco qui sotto!

✔ Avete una domanda da fare, di lingua o cultura?

  1. Controllate l’indice delle Lezioni e le Domande comuni (FAQ). N.B.: Tra le domande più comuni sono comprese…
  2. Cercate una parola chiave nella casella di ricerca. Forse c’è un post che ne parla già!
  3. Avete trovato un articolo in tema, ma non la vostra risposta? Chiedete nei commenti a quel post!
  4. Avete cercato ma non si trova niente?
    Domandina breve? C’è il gruppo Facebook, Imparare il Giapponese
    Domandona? Entrate nella community di SdG! Iscrivetevi e potrete chiedere creando voi un post! Vedrete, è facilissimo! ^__^

✔ Avete un suggerimento? Postate nella community di SdG e scrivete la parola “suggerimento” nel testo del post e/o nel titolo!

✔ Vi andrebbe di parlare di qualunque altra cosa…? Potete postare un parere sul vostro anime preferito (o una recensione!), potete postare video musicali, immagini, tutto quello che volete… Sempre nella community di SdG o se preferite sul gruppo Facebook Imparare il Giapponese

Per tutti gli utenti: NON MI OCCUPO DI TATUAGGI perché oltre ad aver avuto “brutte esperienze” in passato, questo sito è dedicato a tutt’altro.

971 thoughts on “Domande

    1. No, è sostanzialmente impossibile. Mia moglie lo ha fatto, studiando 10-12 ore al giorno, per potersi poi trasferire in Giappone… Però lei è cinese e non ha, in buona sostanza studiato kanji e vocaboli!

    2. Dimenticavo… fonti ufficiali, ridicole, davano 900 ore di studio per l’N1 (non è chiaro se a queste vadano sommate le ore dei livelli precedenti (per un totale di 2000 circa).
      Fonti più ragionevoli e attendibili danno da 2700 a 4500 ore. In particolare il JLEC, o meglio Japanese Language Education Center, stima addirittura tra 3100 e 4500 ore di studio perché chi non sa nulla di kanji possa passare l’N1… e anche qui non mi è chiaro se vadano sommati i livelli precedenti, ma presumo di no).
      4500 ore sono 900 giorni a 5 ore al giorno (ovvero 2 anni e mezzo) o 1125 giorni a 4 ore al giorno (cioè 3 anni tondi)… e questo senza un giorno di pausa

        1. Da hiragana e katakana. Poi prendi un libro e lo segui. Sotto l’indice del sito trovi sia pagine per imparare i kana, sia delle lezioni introduttive alla lingua (e un link alla pagina con delle utili lezioni sul jlpt), sia una pagina che suggerisce dei testi da studiare.

    1. Quale libro? Hoepli? Con un libro sei all’n5, con tutto il corso sei tra n4 e n3.
      Ti ho già scritto cosa fare per la scrittura. Usa quadretti da un centimetro o scrivi un kanji ogni 4 quadretti.

      1. Sì me l’hai già detto cosa fare infatti lo farò, ma la mia domanda era un’altra. Come sto scrivendo è comprensibile? Se un giapponese lo vedesse riuscirebbe a leggerlo?

        1. Certo, la forma è quella, è impossibile non riuscire a leggerlo.
          Il problema è sia la differenza di altezza, sia che li allarghi troppo (specie 館)…
          E non penso ti stupirà sapere che non è una bella calligrafia.
          Ci siamo passati tutti. Ora sei alle elementari. Poi imparerai a scriverli bene e uniformemente, infine svilupperai una calligrafia tua, come ce l’ha un giapponese… Se ti ci metti tutti i giorni per qualche anno.

  1. Non miro all’eccellenza, quindi sapere che siano perlomeno comprensibili mi rallegra. Mi rammarica invece che sto sbagliando “inizio”, uso fogli inadeguati e scrivo con una BIC.
    La calligrafia è pessima pure in italiano purtroppo…
    Comunque hai beccato subito uno di quelli con cui ho più difficoltà: 図書館, sono tre kanji ma quando vado a scriverli sembrano quattro. Ho notato che i kanji “facili” li riesco a scrivere con nonchalance (図, 学, 生, 田, 中, 人, 国) mentre su quelli complessi perdo tempo sui tratti e nel cercare di renderli proporzionati.
    Aspetto con molto interesse il tuo post sui kanji e i loro tratti.

  2. Salve, studio il coreano e il russo, e mi sto dando da fare con il giapponese. L’argomento che sto studiando ultimamente sono i verbi, ma su internet non riesco a trovare nessun sito che mi proponga esercizi. In questo sito (che ho scoperto un mese fa hahah) non ci sono esercizi, o almeno è quel che io ho notato. Tutto questo per chiedervi: qualcuno conosce dei siti che diano esercizi di giapponese? O altrimenti qualcuno perderebbe una mezz’oretta a scrivermi un po’ di verbi (con kanji, pronuncia e traduzione, se è possibile ; 😉 e magari anche aggettivi se vi va, così potrei esercitarmi un minimo con le regole di base che ho imparato. Grazie mille^^
    Ah, e complimenti per il sito, è molto ben strutturato: posso dirlo con certezza perchè ho visto alcuni siti molto dispersivi, a volte troppo. Continua così!

    1. Qui nell’indice, al capitolo 3 ci sono esercizi su verbi e aggettivi (molto pochi purtroppo):
      http://www.guidetojapanese.org/learn/grammar

      Poi puoi comprare dei libri. C’è poco quanto a eserciziari, specie in italiano. Uno che si può seguire da autodidatti è l’eserciziario di il giapponese a fumetti (in 2 volumi)
      Il giapponese a fumetti. Esercizi: 1
      Il giapponese a fumetti. Esercizi: 2 (ignora la recensione, è una sciocchezza)
      In inglese gli stessi libri costano quasi la metà, sempre su amazon.it
      Japanese in Mangaland: Workbook 1
      Japanese in Mangaland: Workbook 2 (stesso libro, ma recensioni ottime)

      Puoi anche prendere degli handbook tematici per fare esercizio.
      The Handbook of Japanese Verbs: A Kodansha Dictionary, Taeko Kamiya
      Japanese Sentence Patterns for Effective Communication: A Self-Study Course and Reference, Kamiya
      The Handbook of Japanese Adjectives and Adverbs, Kamiya
      How to Tell the Difference Between Japanese Particles: Comparisons and Exercises, Naoko Chino

  3. ciao,
    lavoro in una palestra di arti marziali che si chiama NENRYUKAN.
    Sapete cosa significa questa parola e quali kanji corrispondono ad essa?
    Vorrei fare un regalo al maetro…
    Grazie in anticipo e complimenti per il sito è veramente molto bello e chiaro!
    ciao
    stefi

    1. Nonntrattandosi di una parola, nel complesso, esistente, posso solo immaginare per esperienza.
      念流 Nenryuu è il nome di una scuola di kendou, uno stile, una corrente… non so come chiamate queste cose. A dire il vero poi è una scuola che si è spezzata in due diversi stili… ma lasciamo stare. La traduzione diretta può essere qualcosa tipo “flusso di pensieri/sentimenti”, ma anche i dizionari in giapponese, gli unici dove si trovi la parola, non danno un senso di questa parola, la considerano nome della scuola.

      Poi c’è kan. Anche questo non è facile da immaginare, ma suppongo sia 館 che si riferisce a un grande edificio (es. a Tokyo c’è il Budoukan, “edificio delle arti marziali”), che a volte ho trovato riferito a dei 道場 doujou, a quanto ho verificato su internet.

  4. Salve,
    innanzitutto grazie. Ho cominciato a studiare giapponese da sola, da poco e se non avessi trovato il tuo sito, con in mano solo il libro della hoepli avrei desistito :),… invece persevero ( il giapponese a fumetti pare introvabile purtroppo 🙁 ).
    Avrei una domanda, ho provato a cercare tra le varie risposte che hai dato, per non farti ripetere cose già dette, ma non mi sembra di aver trovato nulla. Forse è la domanda in se che è stupida, quindi nel caso, scusami.
    Ho letto che, se conosco riferimenti di nomi o titoli è sempre bene NON usare anata, per rivolgersi alla persona con cui parliamo.Ma questo vale anche per dire tuo (anata no…..) ?
    Cioè se chiedo qualcosa tipo ” questo è il tuo gatto?” uso “anata no neko” oppure meglio dire “NOMEINERLOCUTORE no neko”?
    grazie mille per la risposta.

      1. whaaa grazie mille per la risposta istantanea :D.
        so che c’è in inglese, ma prima di lanciarmi stò cercando di trovarlo in qualche fondo di magazzino in italiano. Uno dimenticato in qualche posto ci sarà no? 😀 ….se poi non lo trovo, mi rassegnerò a prenderlo in inglese….PEr ora vado alla grande con le tue spiegazioni e hoepli…. lentamente…. ma alla grande 😀

        1. Sarà banale, ma… Hai provato il sito della Kappa edizioni?
          Lo dico perché nessuno me ne ha mai parlato… tutti cercano su siti generici, ma non su quello della casa editrice…

        2. quando ho visto che sui vari siti internet non era disponibile ho provato una “libreria analogica” della mia città, ma nemmeno loro tramite prenotazione….. allora ho sguinzagliato la mamma di un’amica che pare essere una ricercatrice di libri fuori catalogo per hobby ….. se fallisce anche lei l’ultima spiaggia è una libreria che tratta usato…. che sono tipo dei cacciatori di taglie dei libri…..Magari provo a scrivere anche alla casa editrice però ^^

  5. Ciao 🙂 sono un’appassionata del Giappone e ho cominciato a studiare la lingua da poco. Avendo guardato un numero infinito di anime e dorama ho notato che la parola “itadakimasu” non viene utilizzato solo prima di consumare un pasto ma ha anche altre funzioni: ora non mi ricordo in quale dorama l’ho sentito ma c’era un personaggio che lo aveva utilizzato nell’ambito del lavoro (forse era un avvocato?).
    Grazie

  6. Ciao a tutti, sono da poco approdata allo studio del giapponese, sto entrando in punta di piedi,ho imparato i kana e sto iniziando a studiare il verbo essere e alcune particelle,sono partita cercando a caso video lezioni su youtube e materiale su internet, ma non mi ero ancora confrontata con uan realtà vasta come questa….è due giorni che non mi stacco più dal pc!
    vengo alla mia domanda che magari sarà stupida, ma la faccio lo stesso, non riesco a capire come usare Wa e Ga, se non super questo scoglio impazzisco!

  7. Ciao!
    Ho iniziato a studiare da poco il giapponese da autodidatta, ho appena finito l’hiragana e sto iniziando il katakana.. Girando in rete ho trovato per fortuna il tuo blog che è proprio una miniera d’oro! Le “Lezioni del corso di Giapponese – livello base” le ho già lette, quello che volevo sapere è come poter studiare il resto, la grammatica e quella sezione “JLPT” al meglio, l’ordine da seguire diciamo per non andare in confusione.
    Poi avrei anche una domanda anche sui Kanji, ma per ora me la risparmio!

    Grazie mille anche solo per aver perso tempo a leggere la mia domanda!

  8. Salve a tutti!
    Sono un altro novellino della lingua giapponese venuto ad elemosinare la conoscenza del sommo Kazeatari-sensei xD
    La mia domanda riguarda il livello n5 del jlpt, ho scaricato infatti dal sito ufficiale gli esempi delle domande presenti nel test, (da quì http://www.jlpt.jp/e/samples/sample12.html) e ho notato che sia nella parte di grammatica che in quella di lettura, su tutti i kanji è presente il furigana. Ora la mia domanda è: Sarà così anche nel test, o (come credo xD) mi sto solo illudendo?
    In ogni caso ringrazio infinitamente kazeatari, se mai riuscirò a superare il test sarà solo merito suo e delle sue chiarissime (quanto chilometriche xD) lezioni 🙂

    1. Grazie dei complimenti. Purtroppo non so che dirti, perché non ho mai dato l’N5 e i test ufficiali non possono essere visti in altro modo se non dando l’esame. Se però sono davvero negli esempi, ie nel test di prova sul sito, io tenderei a credere siano anche nel test ufficiale.

      Spero qualcun altro sappia dirti di più.

    2. Vero, vero, preciso, affidabile e conciso…quanto un’onda di piena nel periodo del disgelo primaverile sul ghiacciaio della Tribolazione!
      (il ghiacciaio esiste veramente, si trova sopra la Valnontey in Valle D’Aosta)
      saluti al nostro caro Sensei!

  9. Ciao, è da poco che ho iniziato a studiare giapponese da autodidatta ed ho intenzione di aiutarmi con il tuo sito che a quanto vedo contiene molte informazioni utili. Per ora ho imparato sia il katakana che l’hiragana e mi sto aiutando a memorizzarli con kanatrainer 2.0, ma ora? Qual è il prossimo passo? Da come ho capito dovrei iniziare a studiare i kanji ma ho letto da varie fonti che ci sono i radicali e i tratti da memorizzare ed inoltre non so da quali partire, vorrei studiare solo i più importanti perchè il mio obiettivo è solo leggere ed imparare a tradurre ma non miro a scrivere e parlare giapponese.

    Spero che tu possa indirizzarmi e complimenti per il sito 😉

    1. Leggere richiede la conoscenza di più kanji che non scrivere …e parlare, che non ne richiede affatto.
      A parte ciò, hai fatto i kana e questo è un punto a tuo favore. Non devi metterti a imparare tabelle di kanji e basta adesso. Scegli un libro qualunque e seguilo, studia tutti i giorni, cerca di memorizzare i kanji che trovi, tralasciando se vuoi la scrittura (cerca di memorizzarne la firma… Usa il programma gratuito Anki per questo).
      Buono studio

  10. Ciao Kaze, avrei una domanda di lingua da postare. Posso farlo tranquillamente qui o vado nella sezione corso? L’ho già postata sull’altro forum in cui sei moderatore, ma non ho ricevuto risposta. Poi mi sono ricordata che ne gestivi un altro e son venuta qui

      1. Ho cercato questi due termini sul dizionario e sono un po’ confusa per quanto riguarda le definizioni che esso mi dà.
        Itsumo sarebbe il nostro ”sempre”, ma il dizionario mi dà definizioni del tipo ”senza interruzione, senza fine”, oppure ”sempre: avverbio che indica continuità e ripetizione indefinita”. Domanda: indefinita si riferisce solo a ripetizione, altrimenti avrebbero scritto ”continuità e ripetizione indefinitE, giusto? Che significa ripetizione indefinita?
        Infinito = senza limiti
        Indefinito = di cosa incerta nei limiti
        Sembra la stessa cosa. Ma si tratta di sinonimi?

        Taezaru. Anche qui, il dizionario mi dà definizioni del tipo ”continuo, ininterrotto, perpetuo”. E poi mi mette alcuni esempi del tipo ”pianto ininterrotto, una fila continua di montagne”. Domanda: se continuo significa ininterrotto o perpetuo, possono un pianto umano o una fila di montagne essere perpetui, sena fine?

        1. Itsumo si usa come avverbio, l’altro, molto più raro, come aggettivo.
          La ripetizione indefinita per “sempre” c’è anche in italiano: “Certo che tu fai sempre così, eh?!”
          Non è che lo fa senza interruzione, lo fa molto spesso, giusto? Ripete quindi la cosa, spesso, ma non si precisa quanto spesso.
          Taezaru usa un particolare negativo del verbo taeru che ha a che fare con il tagliare, quindi suona come “senza soluzione di continuità”.

          Più interessante può essere la distinzione tra itsumo e itsudemo… Se non ti è chiara fammi sapere se vuoi.

  11. Perdonami Kaze se ti chiedo una cosa che già hai spiegato, non la trovo più.
    Come devo fare per poter scrivere le lettere dell’alfabeto Giapponese “speciali” nello specifico dovrei farti una domanda ma devo scrivere la lettera (O) con la barra sopra, la O lunga.
    Ricordo che era un codice ma non ricordo altro e dato che le impostazioni le avevo “due computer fa” ora le devo reimpostare da capo. Non ho fretta, fai con comodo, grazie.

    1. Non la scrivere quella o, scrivi “ou” (a meno che sia il kanji 大 nel qual caso è “oo”)

      Poi uno può anche usare dei caratteri del linguaggio html, ma non è un discorso semplicissimo… ō e Ō
      (si scrivono con la “and” inglese, il cancelletto, 333 e il punto e virgola (tutto di seguito).
      332 invece di 333 dà la O maiuscola: Ō

      Puoi anche copiare e incollare da wikipedia cercando Osaka o Tokyo

  12. Comunque, la domanda era la seguente: la parola KYOU la trovo con un kanji di quattro tratti(65) 凶 infelicità, sfortuna, cattiveria.
    come un kanji di dieci tratti (949) 恐 oppure 恭 ecc, ecc,
    ne ho trendadue diversi di kanji e tutti si scrivono allo stesso modo come lettere, cosa mi aiuta a capire quale usare, solo il senso della frase che sto scrivendo o anche dell’altro?
    Nel caso, c’è una regola da seguire visto che questo tipo di situazione si presenta molto spesso con questa lingua?

    1. In breve… la parola in cui il kanji si presenta e il senso complessivo, il contesto.
      Scendendo nei dettagli potremmo distinguere vari casi: quando scrivi, quando leggi e quando ascolti… ma lascia che lo faccia in un post a parte, che può essere interessante per tutti.

Comments are closed.