Siete spiazzati, spaesati, non sapete come cavarvela, ecc.?

Forse posso aiutarvi, però prima controllate l’elenco qui sotto!

✔ Avete una domanda da fare, di lingua o cultura?

  1. Controllate l’indice delle Lezioni e le Domande comuni (FAQ). N.B.: Tra le domande più comuni sono comprese…
  2. Cercate una parola chiave nella casella di ricerca. Forse c’è un post che ne parla già!
  3. Avete trovato un articolo in tema, ma non la vostra risposta? Chiedete nei commenti a quel post!
  4. Avete cercato ma non si trova niente?
    Domandina breve? C’è il gruppo Facebook, Imparare il Giapponese
    Domandona? Entrate nella community di SdG! Iscrivetevi e potrete chiedere creando voi un post! Vedrete, è facilissimo! ^__^

✔ Avete un suggerimento? Postate nella community di SdG e scrivete la parola “suggerimento” nel testo del post e/o nel titolo!

✔ Vi andrebbe di parlare di qualunque altra cosa…? Potete postare un parere sul vostro anime preferito (o una recensione!), potete postare video musicali, immagini, tutto quello che volete… Sempre nella community di SdG o se preferite sul gruppo Facebook Imparare il Giapponese

Per tutti gli utenti: NON MI OCCUPO DI TATUAGGI perché oltre ad aver avuto “brutte esperienze” in passato, questo sito è dedicato a tutt’altro.

971 thoughts on “Domande

  1. @massimo Vai avanti, fai finta di niente, io ho un quadernone ad anelli di quelli giganti(saranno duecento pagine) e sul mio mobile del computer c’è un blocco di quelli settimanali, mi metto in cuffia ascolto anime e scrivo come sento le parole che mi interessano. Prima o poi tra i testi delle canzoni o tra i sottotitoli delle sigle degli anime quella parola capita, e tu la riscrivi, una volta – due – tre -poi devi lavorare un po’ anche con un dizionario e vedrai che alla fine i conti cominciano a tornare. Quando sono sicuro di averla scritta bene, la passo sul quadernone e lì trovo i vari settori: i saluti, la famiglia, il mangiare (a casa e al ristorante), i verbi ecc. dall’altro verso il quadernone riporta gli appunti presi dal blog di Riccardo(sarò indietro di almeno trenta post da ricopiare!) così ho tutto a portata di mano.
    Ti assicuro che è più complicato da dire che da fare, non mollare, oltretutto sei più avanti di me, non vorrai mica fare marcia indietro, vero?

    1. grazie @Diego, non mi scoraggio cerco solo di perfezzionare il poco che conosco, magari riusciro a fare giusto una piccola frase, qualcosa di banale o una piccola risposta in giapponese, ma per lo meno dirla bene senza essere fraintesi, lo so che per imparare la lingua giapponese ci vorra qualche anno, ma per questo primo anno parlare, un po meno scriverlo, con una certa corettezza. Dopo quando saro in grado di fare qualche discorso, su facebook o su qualche altro sito si puo fare amicizia con giapponesi, per sperimentare e confronttarsi nel parlare, ma ora è proprio troppo presto per me, io studio con calma e quando lavoro e famiglia di danno del tempo, poi il giapponese è una passione perciò quale modo migliore di farlo con calma e passione ciao e grazie e un grande inbocca a lupo anche a te

  2. quando lavoro e famiglia di danno del tempo, volevo dire mi danno del tempo, avevo il piccolino che mi saltava sulle ginocchia e non mi faceva ne vedere e ne scrivere.

  3. Figurati, se il mio “piccolino” lo facesse mi sfonderebbe le gambe.
    avanti al passo e continuiamo così!

  4. ciao, mi piacerebbe sapere come si scrivono, in verticale, le parole: PASSIONE E EMOZIONE.
    Non sono sicuro ma in orizzontale credo che si scrivano cosi: 情熱 e 感情 però vorrei sapere perfettamente come si scrivono in verticale visto che mi servirebbe per un tattoo.
    Ti ringrazio per l’attenzione in anticipo, saluti.
    P.s. complimenti per il blog! 🙂

  5. Le due parole sono jòonétsu e kànjòo… e la u in joonetsu non si sente molto.
    La scrittura verticale mette banalemente il kanji che è più a sinistra, per primo in alto.
    Esempio, kanjoo diventa:
    感 (kan)
    情 (joo)
    La parola “passione” è generica (vale anche se dici “metto molta passione nel mio lavoro”).
    Se intendi “passione” in senso amoroso/sessuale ( 情欲 jooyoku) e nel senso quasi di “pulsione”, le parole più adatte sono forse 熱情 (netsujoo = ardore) o 情念 (joonen = le passioni, es. le proprie passioni/pulsioni)
    Se invece l’idea è qualcosa di intenso, come nella frase “essere acceccato dalla passione” allora, magari una parola tipo 激情 gekijoo è più indicata.

    Per tutti gli altri utenti: non lo avevo mai detto prima, ma NON MI OCCUPO DI TATUAGGI!
    Non avendolo mai detto prima, per stavolta ok, ma ora mi attrezzo in qualche modo e rinvierò tutti allo stesso post di diniego… specie le richeste fatte nei commenti ad un articolo che non c’entra proprio nulla.

      1. Sì, sono nell’ordine in cui le hai scritte, ma leggi il resto del commento perché non sono certo che joonetsu sia quel che volevi intendere e come dicevo a Tenshi qui sotto, i tatuatori non sono esperti da cui farsi consigliare e i loro book riportano un sacco di fesserie.

        1. Grazie mille, quindi, per concludere, se io volessi scrivere “emozione e passione” verrebbe cosi:




          E’ corretto? 🙂

  6. ciao, spero di non sbagliare sezione ma mi sembra una domanda generica, non ricordo più dove avevi parlato di un dizionario (almeno credo) on line (o da scaricare) molto utile, dicendo che se non fosse stato per quello forse avresti smesso di studiare.. mi ricordo che hai detto di scaricare rikaichan per firefox ma secondo me c’era anche un altro programma….

    ps. scusami se ti chiedo un’altra piccola cosa, giuro che è solo per curiosità: dici di non volerti occupare di tatuaggi perchè non ti assumi la responsabilità se sono sbagliati una volta che sono fatti? perchè in fin dei conti la persona sopra aveva solo chiesto come si scrivono due parole quindi cosa ci fa dopo sono affari suoi no? d’altra parte però bisogna essere ben consci che quella di tatuarsi i kanji è una moda non proprio adatta a chi non conosce perfettamente il giapponese (una ragazza giapponese che ho incontrato, ha detto che è una vergogna vedere che sono quasi sempre sbagliati o scritti al rovescio ecc…)

  7. Diciamo che avrei trovato enormi difficoltà e avrei rischiato di smettere… ma a dire il vero non ricordo quale avessi citato^^
    Ti cito quelli utili. Tagaini jisho, innanzitutto. Scaricabile, interamente gratis ovviamente.
    Jisho.org poi è un gran bel sito, spesso citato, ma io preferisco tangorin.com (comunque famoso) specie come dizionario di vocaboli.
    Già questi poi forniscono delle frasi d’esempio, ma per vederene di più si possono usare siti come tatoeba.org (in italiano e inglese) o alc.co.jp (in inglese)
    Rikaichan è essenziale, specie per usare bene l’ultimo sito che ti ho citato, parzialemnte in giapponese e senza furigana… e ovviamente per provare a leggere qualunque pagina giapponese con un minimo di velocità. E’ forse lo strumento più utile e pratico in assoluto anche se credo che SOLO per quel che riguarda lo studio, la fatica dello sfogliare un dizionario sia in qualche modo collegata all’imparare… be’, è una mia ipotesi, ovviamente^^

    Sui tatuaggi – No, assolutamente, non è per il timore di sbagliare^^ Non perché non mi importerebbe, ma perché so di non sbagliare su queste sciocchezze.
    No, il motivo è che ho avuto molto a che fare con tatuaturi e hanno 2-3 caratteristiche impossibili da digerire per tanto tempo.
    – non ringraziano
    – sui forum puntualmente ignorano i regolamenti e se glielo fai notare si arrabbiano pure dicendo che solo per una richiesta, per loro non dovrebbe valere… senza capire che a chi gestisce il forum interessa una comunità d’utenti da far crescere, non esaudire il suo capriccio.
    – credono che i kanji siano rune elfiche con magici poteri per cui chiedono un kanji che esprima un concetto lungo e assurdo (in pessimo italiano poi) per cui ottieni frasi tipo “vorrei un kanji che significa vita interiore, ma non nel senso di animo, quanto nel senso di tutti i miei desideri passioni amori… e Franco”.
    SE riesci a suggergli una parola poi succedono una di queste due cose:
    – no, io intendevo: altra lunghissima frase che non c’entra NULLA con la precedente
    – eh?!? ma io sapevo che si diceva in quest’altro modo perché me l’ha detto mio cugino che a. è al primo anno di giapponese oppure b. ha chiesto a un tizio che fa il tatuatore…
    Ultime notizie: i tatuatori non sanno il giapponese… e se andate da un asiatico, è cinese e usa i kanji in base al cinese …che non è la stessa cosa (vd. il mio articolo nell’indice delle curiosità sui kanji).
    A volte prendono per i fondelli le persone… infatti ho visto un sito una volta che raccoglie foto di tatuaggi sbagliati, con quello che la persona ha chiesto e cosa gli hanno tatuato… a volte insulti tipo “maiale bianco” “pene piccolo” ecc.!

    Ora, ovviamente capisco che molte persone saranno educate e tranquille, ma gli altri sono davvero troppi da sopportare e io non voglio perdere la pazienza continuamente, rischiando magari che qualcuno più scafato mi segnali il blog, la pagina facebook, ecc. o semplicemente mi riempia di spam per ripicca…. ho avuto perfino una cyberstalker che mi diffamava tempo fa (motivo per cui sto sempre sul chi vive e non diffondo mai i miei dati reali)

    1. ah ho capito allora… e hai ragione, infatti come ti ho detto credo che non si dovrebbero utilizzare (men che meno farsi tatuare) cose che non si conoscono bene… e poi certi kanji hanno solo un tratto di differenza o cose così e bisogna stare molto attenti..
      cmq sì non intendevo proprio “sbagliare” so che non saresti qui se non sapessi il giapponese ad un livello molto alto… ma ho visto varie volte che prima di dare una traduzione per una parola chiedevi molti chiarimenti allora mi sembra che la varietà semantica giapponese e le diverse sfumature di significato siano così ampie che è difficile usare la giusta parola per quello che si vuole intendere… va beh è un po’ complicato quello che pensavo..
      ancora grazie di tutto,
      mata ne

  8. Comunque puoi dire alla tua amica giapponese che è una vergogna che tanti giapponesi portino maglie con scritte inglesi assolutamente assurde. Senza considerare i loro prodotti… la “diet water” o il famoso “pocari sweat” (sudore del signor Pocari?) fino ad arrivare alla pipì di Cal (nome inglese come saprai), la Calpis(s).
    Non solo potresti parlargli delle scritte inglesi in aeroporti e stazioni ferroviarie (inutile considerare i nomi e le vetrine dei negozi, i menù dei ristoranti, ecc.) spesso clamorosamente sbagliate… (es. ricordo un “erevatar” invece di “elevator”).
    Al sukiya, che è come dire il loro McDonald, c’era un esilarante “when it’s an order press button”… In un tempio di Kyoto c’era un ascensore per “persons concerned only” (solo persone preoccupate …e “persons” non si dice nemmeno^^)

    Sai cosa? Penso che farò un post sull’engrish perché ho anche delle foto da morir dal ridere^^

    1. beh si questo genere di cose sono sempre divertenti quindi se pubblichi un po’ di queste curiosità (foto e frasi/parole) c’è da ridere!!! però una piccola CURIOSITA anche da parte mia… ho parlato a mio marito di questo tuo post e lui mi ha detto che “persons” esiste… all’inizio non ci credevo ma poi ho visto diversi siti che dicono il contrario.. tra tutti questo articolo è interessante: http://www.dailywritingtips.com/people-versus-persons/

      1. Sì, ma diciamo che è un po’ il classico pelo nell’uovo…
        Come dice lì si usa solo in rari casi: “legal and very formal texts still use persons as the plural form”. Non era certo il nostro caso.

  9. Ciao. Vorrei tradurre il mio nome e cognome (Giannino Botti) in katakana per realizzare il mio sigillo. per un sigillo i caratteri devono essere scritti da un calligrafo esperto? Potresti aiutarmi grazie. Saluti. Giannino

  10. …mmm, Giannino, avevamo già parlato di questo nei commenti all’articolo “Come scrivo il mio nome in Giapponese” ed era meglio continuare lì^^
    Tra l’altro qui ti avevo risposto una 2a volta perché ho scoperto un sito che ti disegna un timbro con il tuo nome
    http://studiaregiapponese.wordpress.com/2011/07/27/come-scrivo-il-mio-nome-in-giapponese/comment-page-2/#comment-2836
    Il sigillo non viene fatto in katakana che io sappia, ti fanno scegliere dei kanji pronunciati di norma come le sillabe del tuo nome.
    Il problema è che non c’è modo di rendere correttamente la pronuncia di Botti con in kanji, perché viene al più “bocchi” (pronuncia italiana: bocci; però è veramente forte perché 没血 suonerà come senza sangue o morte-sangue o rifiuto del sangue… anche se a dire il vero sarebbe più appropriato scriverlo con un secondo kanji diverso e non sangue, ma “terra” 没地 invece, o altro, non so, 没知 “conoscenza”).
    Ad ogni modo, l’unico modo di avere la pronuncia corretta del cognome è usare il katakana:
    ジャンニーノ・ボッティ
    Giannino・Botti

  11. Una piccola curiosità sulla parola 稲妻 (fulmine), qualcuno sa come mai si scrive usando i caratteri pianta di riso e moglie?

    Riporto la frase:
    稲妻の光はきれいに見えますがとても危険です。

  12. Domanda interessante ^__^
    Dunque, prima una precisazione. inazuma viene da 稲 ine/ina/tou (il primo kanji), che come dicevi è la pianta di riso, e da “tsuma”… che però in origine era scritto diversamente: con il kanji di “marito”!!
    夫 otto/fuu (marito), infatti, aveva come pronuncia secondaria proprio “tsuma”.
    In pratica questo kanji, in passato, si usava – SE letto con la pronuncia “tsuma” – in riferimento al modo di chiamarsi tra moglie e marito o all’interno di una coppia, a prescindere dal sesso… cioè un po’ come il nostro “tesoro” o “amore”, parole maschili riferibili sia a lui sia a lei.

    Poiché nella stagione in cui il riso maturava c’erano molti fulmini e sulle marcite dove si coltiva il riso se ne scaricano anche di più che altrove, c’era la credenza popolare che il fulmine fosse una “divinità” che inseminava le piante di riso (si può mettere giù con meno sottintesi sessuali, ma la sostanza è questa).

    Insomma, l’origine di 稲妻 inazuma è 稲の夫 (letto “ine no tsuma”) cioè “l’amante del riso/l’amante delle piante di riso”). Ovviamente, poi, nel tempo, poiché “tsuma” era la pronuncia di quel kanji, si è passati ad usare il kanji la cui pronuncia “ufficiale” e principale è “tsuma” e cioè il kanji di moglie 妻 (a volte cose simili succedono per errore, eh! Un po’ come il congiuntivo che verrà eliminato dall’italiano a furia di errori^^)

    p.s. la frase è: la luce dei fulmini è bella a vedersi, ma è molto pericolosa”.

  13. Ciao! Ho trovato il tuo blog per caso e mi piace molto! =D E penso che lo userò per provare il livello 5 del JLPT! *__*
    Volevo chiederti, che ne pensi di un articolo dettagliato sui radicali giapponesi?? =D
    Grazie in anticipo!
    Irene

  14. E’ in programma da tempo, ma è un lavoraccio. Mah, se si trattasse solo di elencarli non sarebbe una tragedia, ma l’elenco si può trovare ovunque, anche, banalmente, su wikipedia. Il problema è “renderli utili allo studio”.
    Per far ciò il discorso è più complesso, serve parlare della loro origine (cosa rappresentano) ed evoluzione, del loro significato (a volte più d’uno, in kanji diversi).
    Vedremo presto però^^

  15. Ciao, mi sposto qui a rispondere al tuo ultimo commento (https://studiaregiapponese.wordpress.com/kanji-anno-1/comment-page-2/#comment-3197) perchè ormai siamo fuori tema rispetto a kanji del 1° anno.

    ho letto le tue regole e più o meno le conoscevo già a parte i messaggi lunghi faccio del mio meglio (ma alla fine non sono tutte domande è solo che sono prolissa di mio perchè ho paura di non spiegarmi e dettaglio tutto troppo…)

    allora, avevo scritto biribiri… forse mi sbaglio ma l’avatar che ti sei messo non è la railgun di “toaru???norailgun” (??? sta per non ricordo cosa c’è qui in mezzo) biribiri è un suo soprannome (se non sbaglio le dà questo soprannome un ragazzo che subisce la scossa)

    no la parte musica non l’ho messa a stampare però considera che non ho fatto copia e incolla ma ho stampato in pdf le pagine.. cmq ti farò sapere dovrebbero arrivarmi la prossima settimana… ma ovviamente non pago la stampa sono squattrinata anche io… se avessi i soldi sarei a fare il corso intensivo semestrale in giappone…

    infatti alcune cose su mdw non mi sono molto chiare ma avevo rinunciato a trovare un “autore” che mi rispondesse… inoltre ti ho detto ho fatto la prima letta (in un giorno solo) quindi magari devo solo fare più attenzione.. allora vedrò tanto con l’indice dovrei vedere subito a che pagina è l’argomento in comune… li segno e alla fine rimarrano fuori quelli che qui non hai ancora trattato!

    per quanto riguarda RTK in pratica avrai capito che lo uso per avere una lista di kanji in ordine di radicali in comune in pratica… poi sia il libro che gli utenti fanno notare di fare attenzione a kanji simili o a significati simili per il resto tagword storia e tutto le cambio… all’inizio lo avevo accantonato ma poi ho scoperto il sito collegato al libro http://kanji.koohii.com ed è molto più facile… tra l’altro c’è una sezione in cui puoi studiare vocabolario basato sui kanji che conosci già.. e questo è utile per le pronunce anche perchè comunque ricordare le ON e le KUN associandole solo al kanji è un po’ difficilotto (troppo solo mnemonico) mentre vedo che ricordo più facilmente le kun quando le associo a delle parole (come in tutte le lingue so che il vocabolario è un po’ da studiare a memoria) e le ON quando vedo che hanno elementi in comune (spesso kanji + complessi hanno la pronuncia ON di uno dei componenti)…

    sì kaori è la ragazza che ho conosciuto in Australia scusa se non l’ho specificato, avevo preso delle note su cosa scriverti mentre leggevo la risposta precedente e non avevo fatto attenzione nel riportarle…

    ok mi sembra di aver già recuperato tutte le tue note riguardo a kanji con significati simili, poi mi dirai tu quando li vuoi.. ma fin’ora non è che me ne hai scritti tanti.. quanto ti avevo mandato quel file word (era aggiornato al livello 4/5) non so se avevi notato che ho messo parecchi kanji per ogni concetto…anche dove era chiaro che era una cosa diversa ma il concetto si avvicinava prima o poi farò altri aggiornamenti… mi devo prima riorganizzare un po’ i file sul pc..
    じゃまたね

  16. Ho cambiato idea più volte e ho finito per dimenticare che avatar avevo messo! XDDD

    Conosco kanji koohii, ci ho trovato la splendida estensione per Firefox “rikaisama” (si chiama proprio così, non rikaichan), che ti consiglio anche:
    scaricare: http://rikaisama.sourceforge.net/
    Topic esplicativo e per domande: http://forum.koohii.com/viewtopic.php?id=5562
    Ti dico solo che passi col mouse su una parola, si apre il popup con pronuncia, traduzione e… se premi F anche l’audio!!
    Inoltre se lo configuri bene, con un tasto mandi la parola, lettura, significato, audio e frase d’esempio… tutto messo in una nuova carta per il mazzo di anki che tieni aperto in barra!!
    Se ci aggiungi la grande possibilità (per me almeno) di avere il dizionario monolingua… che dire? Un capolavoro. Programma dell’anno.

    Su RTK, se intendi kanji divisi per radicale, posso linkarti qualcosa di utile se vuoi… tipo questo http://japanese.about.com/library/weekly/aa070101a.htm ma magari un po’ meglio^^

    La lista che mi avevi mandato… aveva dei problemi mi pare.
    Certo, correggerla tutta e rimandarla è un lavoraccio, se vuoi possiamo vederne 2-3 alla volta (come con gli altri, ma a un ritmo di pochi kanji per post)

    >> anche dove era chiaro che era una cosa diversa ma il concetto si avvicinava prima o poi farò altri aggiornamenti
    Forse è questo fatto che ricordo come i “problemi” di cui sopra… però se ne potrebbe ricavare un progettino interessante, se ti va apro una pagina dedicata a questo e lì, nei commenti, portiamo avanti la cosa, scrivendo sia le cose giuste che hai messo giù, perché siano disponibili a tutti, sia risolvendo i dubbi che man mano scopri… poi tiriamo le somme e creo una lista, un mazzo di anki, qualcosa insomma, vediamo…
    Sempre che ti vada di partecipare ovvio (^_^)/°”

  17. quindi dici che rikaisama è migliore di rikaichan? sul fisso avevo già scaricato rikaichan e visto più o meno il funzionamento di passare sulle parole.. mi dicevo che dovevo scaricarlo sul netbook che uso più spesso perchè come ti ho detto viaggiando molto ce l’ho sempre dietro e quando sono in attesa di qualcosa lo accendo e ripasso… infatti lo sfrutto così tanto che si sta disintegrando… mi deve durare il più possibile perchè non sono pronta per altre spese… ma sto considerando la prossima volta di passare ad un pad per averlo ancora più portatile del netbook… ma non è che ne capisca tanto…

    già i monolingua arrivati ad un certo punto sono essenziali per migliorare… è l’unico vero modo per capire le sfumature di significato… però bisogna sapere leggere bene la lingua!!! per me sarebbe inutile… ma oggi è uno dei rari giorni in cui sono riuscita a capire un’intera frase senza dizionario…

    a proposito di programma dell’anno… l’applicazione per “apple” (io ho l’ipod) kotoba è davvero utile come dizionario… è offline, ci sono un sacco di ricerche di tipo diverso e quando cerchi una cosa ti da un sacco di informazioni aggiuntive.. considerando che è free è davvero ottima… volevo dire che se ancora non la conosci la puoi consigliare e se tra le varie cose consigli anche le apps se le conosci a qualcuno può essere utile (di solito sono tutte a pagamento quindi scoprirne una free che non sia una lite è spettacolare…)

    ho fatto un sacco di fatica con il 4° grado, trovo che impararli in ordine di “somiglianza” sia più facile… piuttosto che sforzare solo la memoria… quanto ai kanji in ordine di radicale, scusami non ho capito tanto bene se http://japanese.about.com/library/weekly/aa070101a.htm è meglio di RTK o hai anche altre cose ancora meglio di questo sito (lo guardo al più presto).

    dopo che ti avevo mandato la lista non ci siamo più sentiti per un po’ e non ti ho più detto niente perchè sapevo che era un progetto in stand by… per ora il maggiore problema che mi da non sapere la differenza è solo durante il ripasso (perchè dalla parola scrivo il kanji, trovo che il recognition sia più facile del recall!!) non so a quali problemi ti riferisci come ti ho detto erano appunti quindi scritti un po’ come venivano ma le fonti eravate tu e mahou (che mi pare che mi hai consigliato sempre tu…) quindi penso che come parole dovrebbero essere giuste… so che è un lavoraccio e non mi aspettavo che me la rimandassi corretta ma speravo che aprissi questo progetto sul blog (magari anche gli altri studiando i kanji si chiedono come mai ce ne sono tanti simili)
    comunque in quel file avevo scritto tutti i confronti che mi venivano in mente tra concetti simili o attinenti, giusto per tenerli sempre sott’occhio… per esempio ricordo sicuramente i diversi tipi di parlare e di pensare… li ho messi tutti quando li incontravo anche se per molti mi era abbastanza chiara la differenza…

    sì se posso e se riesco ad essere utile ti dò una mano (tra l’altro questo argomento te l’ho proposto io) ma mi chiedo in quanti leggano metodicamente tutti i commenti… magari tu apri la pagina io ti mando in un commento tutti i kanji che mi vengono in mente relativi ad un solo concetto e tu li dettagli nella parte principale dell’articolo in alto… (ed eventualmente ne aggiungi se ne ricordi altri) cosa ne pensi? o magari cominciamo in qualche modo e vediamo come va e facciamo gli aggiornamenti strada facendo…

    in un commento precedente hai detto che con l’ime quando scrivi e ti propone i diversi kanji per quella pronuncia ti spiega anche come sono usati… credo di aver notato una cosa del genere ma è scritto tutto in giapponese… chissà se usando ime e rikaisama in combinato arriverò a capirci qualcosa…

  18. Non sono alla vostra altezza ma sono uno dei tanti che legge “tutti” i commenti, e soprattutto li salva e li mette da parte in singole catelle per argomento, arriverò anche io al punto di averne bisogno e li avrò già pronti per essere usati.
    Grazie fin da ora 天使 (てんし).
    ありがます追うござい

    1. Io ero convinta che tu fossi più avanti… Infatti quello che hai scritto non l’ho capito ( ho solo un sospetto ma aspetto l’illuminazione dal sensei)… Scusami sei tu che hai detto che tieni un raccoglitore con gli argomenti delle lezioni? Ti vorrei chiedere alcuni dettagli ma sto scrivendo con l’ipod ora…
      Oyasumi!
      Tenshi

    2. Direi che a Diego si è spostato il cursore mentre scriveva così arigatou gozaimasu è venuto scombinato
      ariga masu ou gozai
      …si vede dove c’è stato il mix^^

      1. è anche vero che un detto molto saggio dice più o meno: “se senti rumore di zoccoli devi pensare ai cavalli” nel senso che è meglio pensare prima la cosa più semplice piuttosto che farsi viaggi su cose elaborate… ma avevo notato la somiglianza quasi totale di sillabe con 有り難うございます。 ma mi vergognavo… credevo di aver letto “grazie” solo perchè con ARIGA all’inizio è stata la cosa più banale a cui pensare!!! quanto al commento successsivo “誰かに追いかけるってと思っていました。” io ci leggevo “ho pensato: chi è che è INSEGUITO?” forse mi sono fatta trarre in inganno dal NI che ho preso come “complemento di termine”? non sono sicura si dica così, la grammatica è il mio punto debole anche in italiano… intendo DAREKA NI = A CHI, come in ANATA NI = A TE (PER TE).

  19. Sì rikaisama è su tutt’altro livello, anche se lo usi solo per l’audio… e poi non è un “programma” vero e proprio, solo un’estensione, un micro-programma che si “lega” a firefox. Ti dico, mi ci è voluta qualche ora a capire le funzioni più complesse (per esempio come inviare dati ad anki in modo che crei automaticamente una carta con audio dalla parola che hai selezionato). Ad ogni modo per le cose più complesse penso che farò un articolo.

    Apple… non uso nulla di apple e non so nulla di apps purtroppo. Sono refrattario ai cambiamenti? Sono allergico al marleting aggressivo? Ai posteri l’ardua sentenza…

    >> penso che impararli in ordine di “somiglianza” sia più facile…
    Anch’io… Ho usato KanjiABC di tamura e foerster, un ottimo libro che sceglieva di riportare solo le pronunce indispensabili e il significato, per essere coinciso e aiutare a memorizzare, mentre il suo punto forte era proprio l’ordine basato sulla somiglianza, su elementi comuni che non sono proprio i radicali cui i vari kanji appartengono, ma delle “componenti” più caratteristiche.
    Per esempio, prendi 浅 (asai) e 残 (nokoru). Il loro radicale è la parte piccola a sinistra, ma il kanjiabc li cataloga in base alla parte di destra che i due hanno in comune!
    SPECIE nel tuo caso, che come me quando l’ho preso, hai iniziato da un po’ (risulta meno efficace se uno ancora non ha visto nemmeno un kanji perché il difetto è che non può partire da quelli del 1° anno e proseguire, deve seguire un ordine tutto suo), questo secondo me è il libro giusto, proprio per l’organizzazione, molto curata, con cui sono presentatii kanji… se lo trovi però, non so se è ancora in stampa^^
    p.s. Il sito che ti dicevo era solo un esempio di sito che propone i kanji divisi per radicale, visto che avevo capito che usavi rtk solo per questo e io, di mio, non amo rtk^^ (studiare 2000 kanji con 2000 storie, ma nemmeno una pronuncia è a mio parere una stupidata enorme).

    Allora, ho aperto la pagina ad hoc, cominciamo a parlarne nei commenti, man mano che tiro fuori discorsi decenti o tu copincolli le parti del tuo file che sono “già pronte” (ah, andiamo con ordine, a partire dai kanji più semplici)… man mano, dicevo, aggiorno la pagina del progetto… alla fine della cosa nessuno dovrà spulciarsi i commenti, vedrai (-_^)

    1. >> hai detto che con l’ime quando scrivi e ti propone i diversi kanji […] ma è tutto in giapponese… chissà se usando ime e rikaisama…

      La cosa non è semplice, rikaisama non puoi usarlo sulla finestrella dell’ime e non puoi nemmeno copiare quelle scritte in giapponese. L’unica è usare lo yahoo answer nipponico (o siti simili come goo o okwave), semplicemente cercando, anche su google, le due parole scritte con kanji diversi e poi aggiungendo “chigai” (p.e. se googli 暖かい 温かい 違い trovi sicuramente una spiegazione di cosa li differenzia… ma sarà tutto in giapponese, per questo è un progetto che mi richiederà molto tempo: tantissimi vocaboli, tante ricerche in lingua …ci vorrà tempo)

  20. Rieccomi qui.
    Scusate ma non mi ero accorto dell’errore nella frase(arigatou-gozai-masu) ありがとうございます avevo toccato inavvertitamente la barra spaziatrice e avevo inserito un kanji. Magari fossi più avanti come pensavi tu, è solo un anno che a fasi alterne studio la lingua ed ho appena iniziato a toccare i kanji, io sto usando il dizionario maxi della Vallardi(di Marina Speziali) dove per ogni singolo kanji mi danno numero, letture on e kun, sequenza dei tratti ed esempi del kanji abbinato con altri (es. 正 SEI-giusto(sost); originale(abbr.) SHŌ-maggiore, superiore(davanti un numero); 正式な seishiki na(uffuciale, formale)
    Comunque faccio prima a postare un paio di pagine scansionate, sicuramente sarà più chiaro, ma lo farò domattina e non ora in questo momento di insonnia e con il resto della casa addormentato(beati loro!)

      1. Difatti ho pensato: 誰かに追いかけるってと思っていました。 XD

        Io studio da tempo come autodidatta, dovrei decidermi a prendere seriamente la cosa, la voglia di studiare c’è, il tempo un pò meno.

        Ad ogni modo stimo chi vuole imparare questa lingua, perchè la ritengo fantastica a dir poco 🙂

        1. TRaduco per gli altri utenti (“ho pensato: chi è che insegue?”) … però oikakeru, come “ou” è transitivo: dareka WO oikakeru.
          Scusa Francesco, è una mia “deformazione professionale”, devo correggere tutto quel che vedo^^

      2. Non è importante, Diego, non perder tempo a correggere i typo, si capisce e capita a tutti… io dico sempre che sono un perfezionista e che ci tengo, ma negli articoli, se si tratta dei commenti, pazienza, va benissimo prendersela più comoda esser più “rilassati” ^_^

    1. @diegosauro – ciao sì avevo già visto dei dizionari del genere quindi se volevi scansionare le pagine per far capire cosa intendessi secondo me il tuo commento è chiaro… volevo chiederti se potevi spiegarmi un po’ come avevi organizzato il tuo raccoglitore per prendere spunto… (io all’inizio avevo una sola fonte per il giapponese e quindi avevo dei file sul pc ben ordinati ma da quando ho scoperto tanti nuovi siti a furia di salva e salva ho fatto un casino… i miei appunti sono decine e decine di file word sparsi quindi li vorrei organizzare meglio… e magari stampare e fare una cartella come te… se posso evitarmi di fare troppi tentativi sarebbe meglio!!! per non intasare troppo questa pagina potremmo spostarci in chat… nel senso se mi scrivi lì poi vengo a vedere….
      se potessi mi faresti un grande piacere, grazie,
      天使 (てんし)

      1. Se ho tempo ti mando l’immagine delle cartelle che mi sono fatto sul desktop, io a parte questo uso un quadernone a spirale di quelli che hanno i fogli staccabili già con i buchi fatti per inserirli su un blocco ad anelli.
        A tempo perso mi trascrivo le cose più importanti dei vari post tra Riccardo e noi tutti e li metto in salvo.
        io giro con i mezzi perciò mi porto dietro quello che mi serve al momento e ci studio sopra.

Comments are closed.