Kanji del 4° anno (200字)

Salta ad un kanji:
441451461471481491
501511521531541551561571581591
601611621631
Sbagliato anno? Vai ai kanji del 1° anno2° anno3° anno4° anno5° anno6° anno

Quelli che seguono sono i 200 kanji imparati al quarto anno delle elementari (441-640).
A fine pagina trovate delle note di consultazione (abbreviazioni ecc.).
I link di ciascun kanji conducono a pagine del sito in inglese Yamasa, con esempi di calligrafia e diverso font del kanji (scrittura a mano e col pennello).
I link sulle letture ON e kun rimandano a wikipedia, ma potete trovare una breve lezioncina sull’argomento in questo articolo scritto da me. Se poi foste interessati, per esempio, alla storia dei kanji o altro, potete andare all’indice, sezione kanji o usare la tag.
Ingrandite i kanji con lo zoom! Premendo Ctrl usate + e – (con Ctrl+0 torna normale)
Commentate per favore, per farmi sapere che ve ne pare, se avete consigli per migliorare il tutto, richieste particolari, ecc. …e poi 2136 kanji sono TANTI: voglio sapere se qualcuno mi segue e in quanti lo fanno (se lo fanno).

Kanji Lettura On Lettura Kun Significato NB
441 AI (ito.shii) amore; (caro, amato; anche ito.oshii, ma più raro) #
442 AN, (AN.jiru/zuru)
idea, piano, suggerimento, guida; (preoccuparsi, essere in ansia)
443 BAI ume prugna giapponese !!
444 便 BEN, BIN tayo.ri comodo; notizie (p.e. – di sé), voci; lettera, (posta), messaggio; bagno; cfr. benri, fuben, tayori, yuubin, benjo
445 BETSU waka.reru separarsi (es. 友と da un amico); essere divisi (死に dalla morte);
(agg+no; agg+na) altro, diverso;
(BETSU+ni) in particolare; (gen. in frasi neg.) no, di/per niente, niente affatto; figurati; ti sbagli
446 BOKU maki pascolo, (fattoria)
447 BOU nozo.mu desiderare, sperare
448 CHI o.ku posto; mettere o lasciare in un posto, collocare;
nb1: forma in -te+oku = fare un’azione per un fine futuro;
nb2: …ni oite = riguardo a…
449 CHI, JI osa.maru / osa.meru, nao.ru/su esser ben governato, controllato (es. nazione o malattia); controllare (es. nazione, disordini); esser curata (es. ferita, malattia) /curare (es. malattia)
450 CHO ta.meru* metter da parte (denaro o beni)
451 CHOU kiza.su dar segno (della propria presenza, es. primavera, dubbi…); segno, sintomo, presagio; migliaia di miliardi
(vd. man, oku, chou)
452 CHOU
intestino
453 CHUU naka rapporto, relazione !!
454 DEN tsuta.waru/eru, tsuta.u
trasmettere (cfr. idenshi),
far sapere, comunicare
!!
455 DO tsuto.meru sforzo; impegnarsi in (qc.saに)
456 DOKU
veleno
457 DOU hatara.ku lavoro
458 DOU
salone, hall
459 EI saka.eru; ha.eru* prosperare, (kouei, gloria); fiorire
460 EI
Inghilterra; gloria, (eroe)
461 EN shio sale !!
462 FU tsu.ku/keru attaccarsi/e, applicare, allegare
463 FU
prefettura urbana (es. Osaka); governo; ufficio governativo
464 FU, BU
non (pref. neg., denota l’opposto)
465 FU, FUU otto marito
466 FUKU
vice-, assistente
467 FUN kona, ko polvere di…; (farina)
468 GA me germoglio, bocciolo
469 GAI
danno, ostacolo
470 GAI machi quartiere; strada (gen. in senso lato, es. agg., “di strada”)
471 GAN nega.u chiedere, (favore); desiderare
472 GEI
arte
473 GI
discussione, dibattito
474 GUN
esercito, milizia
475 GUN
distretto rurale, (contea)
476 GYO, RYOU [asa.ru]* pescare; *[gen. fig.: p./adescare uomini; p./cercare, es. gomi wo, nella spazzatura]
477 HAI yabu.reru fallimento, essere sconfitti
478 HAKU
esperto, dottore; esposizione, (museo, hakubutsukan)
!!
479 HAN meshi pasto, cibo
480 HEI, HYOU tsuwamono* soldato, (militare)
481 HEN ka.waru/eru cambiare (rif. a variazione;
es. henkou); strano, anormale
(vd. hen+na, hentai…)
482 HEN ata.ri, -be i dintorni, (qui) vicino; lungo, a fianco o vicino a qc.sa; nb. stud. differenza kono hen – kono atari
483 HI tsui.eru/yasu tariffa, spese; ess. speso/spendere (denaro, tempo o sforzi)
484 HI to.bu volare/far volare (anche fig., macchina, pagine, alcol…)
485 HITSU kanara.zu di sicuro, certamente; (necessario)
486 HOU tsutsu.mu, tstsumi, (kuru.maru/mu)* avvolgere, imbustare; pacco; *(esser avvolto/avvolgere, esser coperto/coprire)
487 HOU
metodo; legge
488 HYOU
segno, simbolo (distintivo o rappresentativo); obiettivo
489 HYOU
voto (elettorale); etichetta
490 I (mo.tte)* X 以Y, da X(parola) verso Y (kanji), Y indica luogo, tempo, quantità; *もって, 以って, 以て, per mezzo/causa di (qc.saを), vd. exp. motte.suru, motte no hoka
491 I kurai°, -gurai°
rango, grado posizione; °(in gen. è in kana) circa, all’incirca; qualcosa del livello di
492 I kako.u, kako.mu circondare
493 I
stomaco
494 I koromo veste !!
495 IN shirushi marchio, segno, simbolo
496 JI ya.meru parola, espressione; ritirarsi (es. lasciare il lavoro, la scuola…)
497 JI, (NI)
infante, bambino; (diverso da 子) !!
498 JUN
ordine, turno
499 KA kuwa.waru/eru essere aggiunto/aggiungere
500 KA ha.teru/tasu aver fine/compiere; ottenere (un risultato); *frutto; dolce !!
501 KA
sezione (es. libro o ufficio)
502 KA
beni, prodotti; valuta
503 KAI arata.maru/meru riformare, cambiare; (nb exp. arata.mete, in un’altra occasione, di nuovo…)
504 KAI
macchinario, strumento, apparato
505 KAKU onoono, (ono)* (in genere è prefisso!) ogni, ciascun. *(solo in 各々/各各)
506 KAKU obo.eru, sa.meru/masu percezione; ricordare, (imparare); aprirsi/e (rif. agli occhi, me ga/wo sa.meru/masu = svegliarsi)
507 KAN
perfetto; completo/ezza; (fine)
508 KAN
ufficiale del governo
509 KAN kuda tubo; gestire, amministrare
510 KAN mi.ru* guardare; *(rif. a spettacoli, tv…)
511 KAN seki°, kaka.waru (raro kakawa.ru) barriera°; relazione; aver a che fare, esser influenzato/coinvolto
512 KEI kata tipo, modello; forma (es. circolare); gruppo sanguigno (es. B-gata, gruppo B)
513 KEI
diametro; asse
514 KEI
paesaggio !!
515 KEN sukoyaka+na sano
516 KEN
test; prova (verifica o esperienza) #
517 KEN, [KON]* ta.tsu/teru ergersi, essere costruito/costruire, erigere; edificio; *[vd. konryuu]
518 KETSU ka.keru / ka.ku, (ka.kasu)* difetto, mancanza; scheggiarsi/e, mancare di (に欠ける); venir meno a (を欠く); *(kakasenai, indispensabile) !!
519 KETSU musu.bu, (yu.u, yui)° unire, legare; legame; conclusione; °acconciare, legare (i capelli) #
520 KI yoroko.bu gioire
521 KI utsuwa contenitore; strumento
522 KI
stagione
523 KI
aspirazione; raro; (scarso, debole)
524 KI hata bandiera
525 KI [hata] macchina(rio), (aereo); opportunità; [telaio, tessere]
526 KI
cronaca
527 KO kata.i, kata.maru/meru duro (anche fig. testardo); indurirsi/e !
528 KOKU tsu.geru dire, informare; confessare (il proprio amore; vd *koku.ru 告る)
529 KOU sourou° tempo, clima; segno, sintomo (choukou 兆候); attesa, (candidarsi, kouho 候補); °vd. souroubun 候文, isourou 居候
530 KOU
risultato, obiettivo raggiunto
531 KOU su.ku, su.ki+na, kono.mu; *[yo.i, i.i] piacere; che piace; preferire; *[bello, positivo, amabile]
532 KOU
salutare (che fa bene alla salute)
533 KOU
navigazione (per aria o per mare)
534 KUN
istruzioni, (allenamento); pronuncia d’origine giapponese
535 KYO a.garu/geru essere elevato/aumentare, elevare
536 KYOKU, GOKU -kiwa.maru, kiwa.meru, *kiwa.mi estremità, estremamente; Polo (es. Nord); esser estremamente; portare/andare fino all’estremo (di qc.sa); *apice
537 KYOU tomo insieme; suf. plurale (gen. domo)
538 KYOU
cooperazione
539 KYOU kagami specchio !!
540 KYOU, [KEI] kiso.u, se.ru competere, gareggiare; [solo in keiba, corsa di cavalli]
541 KYUU suku.u salvare
542 KYUU moto.meru cercare (di ottenere), perseguire, desiderare; richiesta, pretesa
543 KYUU na.ku piangere
544 KYUU [tama.u]* salario, paga; fornitura, riserva; *(tamau equivale a “kureru”, ma segue base in -masu; è più brusco e usato gen. solo all’imperativo)
545 MAN mi.chiru/tasu, (mi.tsu)° esser pieno (di, に), completato; riempire con (水を満たす), riempire (es. hara wo m., lo stomaco); soddisfare (condizioni); °(costr. neg. con num.: …ni mitanai = non arriva a, meno di…)
546 MATSU sue fine; finale (vd. 末っ子 suekko)
547 MI (ma.da)*, (ima.da)* non, non ancora (pref. negativo che indica incompletezza)
548 MIN tami popolo
549 MU, BU na.i niente; non esserci, (non avere); pref. indica mancanza di qc.sa
550 MYAKU
vena; battito
551 NEN
idea, pensiero/i, ricordi
(vd. kinen)
552 NETSU atsu.i caldo (in senso generico, ma non atmosferico); passione; febbre
553 OKU
cento milioni
554 REI
ordini
555 REI tato.eru esempio
556 REI tsume.tai, hi.ya, hi.eru/yasu, (hi.yayaka+na)°, hi.yakasu, sa.meru/masu freddo (bibita, atteggiamento…); acqua fredda (ohiya*; hiya-, pref., freddo); raffreddarsi/e; °(freddo, indifferente); far freddare (qc.sa), (fig.) prendersi gioco di (qc.uno); raffreddarsi/lasciar freddare, far abbassare la temperatura (febbre)
NB! sa.meru/masu da alta temp. a temperatura ambiente; hi.eru/yasu invece da temp. amb. in giù.
*ling. da osteria o snack bar
557 REKI
storia (la Storia o “storia personale”, curriculum)
558 REN tsu.reru, ¹tsura.naru, ²(tsura.neru), tsu.re*
in serie, a catena; con continuità; portare con sé; ¹estendersi (catene montuose); passare a, ess. trasmesso; ²mettere (un nomeを in una listaに); *compagno (es. di viaggio), (slang) amico, bro (eng)
559 RI ki.ku funzionar bene, avvantaggiare (gen. v.i., ma cfr. kuchi wo kiku) !
560 RIKU
terra (spec. se in opp. al mare)
561 RIN wa anello; circolo; ruota
562 ROKU
registro, copia; (registrare)
563 ROU ita.waru*
(= itawa.ru)
lavoro (manuale), fatica, sforzo; *aver compassione di chi sta peggio e trattarlo bene
564 ROU o.iru, fu.keru invecchiare !!
565 RUI tagu.i tipo, genere; simile (dello stesso tipo, es. ruigo, sinonimo)
566 RYOU
ingredienti, materiali; tariffa, costo
567 RYOU haka.ru quantità; misurare, quantificare
568 RYOU, [RA]* yo.i (i.i) buono, positivo !!
569 SA sa.su differenza; tirar su/buttar fuori (es. kasa/te/mizu …wo sasu) !
570 SAI motto.mo il più (prefisso superlativo) !!
571 SAI na verdura, vegetali
572 SAKU
precedente !!
573 SAN mai.ru partecipare; arrivare; andare (termine umile); (visitare, gen. per pregare, un tempio o una tomba)
574 SAN chi.ru/rasu, chi.rakaru/rakasu cadere (in modo sparso)/spargere; essere/mettere in disordine; (ma vd. pure: sanpo, kaisan, chirashi)
575 SAN u.mu/mareru, ubu-° produrre; partorire/nascere; °(pref.) da bambino, neonatale !!
576 SATSU su.ru stampa
577 SATSU
esaminare, investigare
578 SATSU fuda banconota; (pezzo di carta, rif. a vari usi: etichetta, talismano buddista); vd. satsutaba, kirifuda
579 SATSU, (SAI)
koro.su, ya.ru*
uccidere; *spesso vb. fare (yaru), nel senso di “far fuori” usa 殺  #
580 SEI na.ru° diventare; °kanji gen. presente solo nei composti (es. naritachi)
581 SEI, -SHOU³ kaeri.miru¹, habu.ku² ¹riflettere (sulle proprie azioni); ²omettere, tralasciare, risparmiarsi; ³(suff.) ministero
582 SEI, (JOU) shizu.ka+na, shizu-, (shizu.kesa), shizu.maru/meru tranquillo, silenzioso; (calma, pace; irreg., “shizukasa” non esiste); calmarsi/e, zittirsi/e
583 SEI, [SHOU] kiyo.i, kiyo.raka+na, kiyo.maru/meru puro, limpido, chiaro; esser puro, purificato/purificare, ripulire/si !!
584 SEKI
posto a sedere !!
585 SEKI tsu.moru/mu, °tsu.mori accumularsi/e; °intenzione
586 SEN ikusa, tataka.u guerra, battaglia; combattere
587 SEN asa.i superficiale
588 SEN era.bu, [yo.ri- o yori-]*
scegliere; opzione; selezione, (atleta); *(pref. per verbi, gen. in kana, implica scelta; es. yoritori]
589 SETSU o.ru, o.reru (ri)piegare, spezzare; rompersi, esser piegato, girare a (es. destra)
590 SETSU to.ku° teoria; °predicare, spiegare (l’importanza di qualcosa)
591 SETSU, (SECHI) fushi° giuntura, nodo (anatomia; °bambù); stagione; paragrafo; moderazione; °musica; (piatti tipici di capodanno, o-sechi ryouri)
592 SHAKU ka.riru prendere in prestito
593 SHI
storia
594 SHI
autorità ufficiale (es. un superiore)
595 SHI
uomo di valore; suff. per mestieri !!
596 SHI uji suff. onorif. (simile a -san); persona (term. cortese); famiglia; cognome; [氏神 divinità locale]
597 SHI kokoro.miru, tame.su provare
598 SHIN, JIN°
dipendente, sottoposto; °ministro
599 SHIN, SHIN.jiru
fiducia; credere in/a (qc.unoを)
600 SHITSU ushina.u perdere, smarrire (in senso generico; vd. shitsurei, shisshin); anche ausiliare (es. miushinau)
601 SHO hatsu-, haji.me, haji.mete, *haji.memashite, [ui-], (-so.meru) primo (es. hatsukoi, primo amore); inizio (temp., es. toshi no hajime, inizio dell’anno; hajime no hi, primo giorno); per la prima volta; *piacere di conoscerla;
[primo/a, cfr.
ui-jin,uiuishii];
(vd. saki-someru, kaki-zome)
602 SHOU tona.eru cantico; intonare, salmodiare
603 SHOU matsu pino
604 SHOU ya.ku, ya.keru cuocere (piastra, griglia o forno); bruciato/rsi (anche col sole)
605 SHOU te.ru/rasu, te.reru° risplendere/illuminare; °esser timido, imbarazzarsi
606 SHOU wara.u, (e.mu) ridere; (sorridere, vd. 微笑む hoho-e.mu/mi) !!
607 SHOU
premio
608 SHOU, ZOU°
fenomeno; rappresentazione, immagine mentale; °elefante
609 SHU tane seme; tipo, varietà
610 SHUKU iwa.u celebrare !!
611 SHUU mawa.ri intorno, vicinanze; circonferenza; attenzione all’uso di 一周 (isshuu)
612 SOKU -gawa, soba* lato (sul/di lato), a/di fianco
613 SOKU taba, taba.neru, [tsuka]* fascio, mazzo (es. hanataba); raggruppare (in un mazzo); controllare; *(vd. tsuka-no-ma) !!
614 SON mago nipote
615 SOTSU -tozo* diploma(to), laurea(to); [arruolato]; [sos.suru, morire];
*cfr. nanitozo
616 SOU araso.u conflitto
617 SOU kura magazzino
618 SOU su nido
619 TAI obi, o.biru cintura, fascia; portare con sé, prendere su di sé (cfr shuki wo –)
620 TAI
squadra
621 TAN
semplice
622 TATSU tachi* abile; ottenere (vd. tas.suru); *suff. per fare il plurale !!
623 TEI hiku.i, hiku.maru/meru basso, breve; diminuire (v.i./v.t.)
624 TEI
fermarsi/e; fermata (es. del bus)
625 TEI soko fondo, il profondo (es. del cuore)
626 TEKI mato obiettivo, proposito
627 TEN
codice (es. leggi), testo ordinato (es. dizionario) o qualcosa di codificato (es.rituale); (i classici)
628 TO
compagno; seguace; (seito, 生徒 = allievo, studente)
629 TOKU (e.ru), [u.ru] vantaggio, profitto (vd. toku+na, toku.suru, toku ni naru); (esser possibile); [nb più letterario di eru, cfr. ariuru e arienai; verbo irregolare, ni-dan]
630 TOKU
speciale
631 TOU hi lampada, lanterna
!!
632 YAKU
promessa; accordo; (pref.) circa
633 YOKU abi.ru, a.biseru 1. farsi il bagno con (acqua o soleを fig. sake), lavarsi nel(la docciaを); 2. fig. ricevere una pioggia di (es. critiche, proiettili, difficoltà); per a.biseru, vd. 2. !!
634 YOU i.ru, kaname° (esser) necessario; °punto essenziale
635 YOU yashina.u far crescere, nutrire (bambino gen. adottato, famiglia, abilità, atteggiamento, mentalità)
636 YUU isa.mu, isa.mashii* coraggio; esser incoraggiato; *coraggioso
637 ZAI
materiale; legname; talento
638 ZAN noko.ru/su restare/far restare, lasciare; (zankoku+na, 残酷 , crudele) !!
639 ZEN, (NEN) (shika.shi)* 然 segue un kanji, creando un agg. o avv., per esprim. l’ess. in un dato stato o una qualità, es.: shizen, totsuzen, zannen, tennen; *tuttavia, ma
640 ZOKU tsuzu.ku/keru;
く/つける
continuare (v.intr./v.tran.); tsuzukeru segue base in -masu per indicare che si continua un’azione; Eccez. è “furu”: 降り続く

Salta ad un kanji:
441451461471481491
501511521531541551561571581591
601611621631
Sbagliato anno? Vai ai kanji del 1° anno2° anno3° anno4° anno5° anno6° anno

NOTE:
Esempi/simboli → significato
♠ shiro.i → prima del punto ho la pronuncia del kanji, il resto è in kana
♦ a.ku/keru e aprirsi/e → corrispondono a aku/akeru, cioè aprirsi/aprire (rispettivamente)
♠ chii.sa+na → +na, indica la possibilità di creare un aggettivo in -na (vd. prossimo)
♦ masa+ni → +ni, idem per gli avverbi in -ni (la pron. può essere a sé: masayume)
♠ ama- → pronuncia che è solo prefisso/compare solo a inizio parola
♦ -ri → pronuncia che è solo suffisso/compare solo a fine parola
mit.tsu = みっつ (scritto 三つ) → la pronuncia del kanji termina in “tsu piccolo” (っ)
♦ mi+ → come il precedente (ma l’okurigana non è specificato)
♠ (nan) → pronuncia che si trova in poche parole ma abbastanza comuni
♦ [BAI] → pronuncia di secondaria importanza che potete anche non ricordare
♠ +++ → ho trascurato delle pronunce che vale la pena controllare
♦ * → pronuncia irregolare/non ufficiale, p.e. (-ri)* che è bene sapere (se non ha le […])
♠ # → kanji per cui ho trascurato delle pronunce di scarsa importanza
♦ !! → il kanji possiede una pronuncia irregolare (identificabile o no)
♠ ! → il kanji compare in un composto importante in cui un altro kanji ha pron. irregolare
♦ ° → semplice rimando che lega un significato a una pronuncia (ma non viceversa)
♠ ¹,² → rimandi che legano strettamente significato e pronuncia

A proposito degli ultimi punti…
Una pronuncia irregolare identificabile implica, in genere, che l’altro (o gli altri) kanji nel composto abbiano pronuncia regolare. P.e. 手 possiede pronuncia irregolare identificabile in “jouzu“, mentre la pronuncia dei kanji in 今日 kyou (oggi), non è chiaramente identificabile per nessuno dei due. Le pronunce irregolari sono molte proprio perché si tratta di kanji di base, andando avanti diminuiranno (e in generale avremo anche meno pronunce regolari).
Ho pubblicato una lista dei composti con pronuncia irregolare di (almeno) un kanji che è bene sapere (116 secondo il ministero dell’istruzione). Prima o poi la amplierò. Ho usato dei riferimenti nella lista per chiarire cosa va imparato prima e cosa dopo (non è detto che una parola con pronuncia irregolare che contiene un kanji del primo anno vada imparata subito. P.e. 弥生 , Yayoi, contiene 生 , ma non serve certo impararlo subito).
Dove dico di “controllare” altre pronunce, mi riferisco ad usare un programma (gratuito) come tagaini jisho o zkanji.
Per lo studio vi consiglio l’uso di un programma SRS come Anki che vi permette di creare “mazzi di carte”, flashcard, “virtuali” e studiarle con la giusta, studiata tempistica per ricordarle al meglio (il programma decide quando riproporvi vecchie carte e quando proporvene di nuove. Non siete nemmeno obbligati a crearvi un mazzo: potete scaricare quelli creati da me, con Anki o da questa pagina.
In tagaini jisho è integrato un programma simile (un po’ meno evoluto… non potete scaricarvi alcun mazzo già pronto, ma vale la pena dargli un’occhiata).

30 pensieri su “Kanji del 4° anno (200字)

  1. ciao, questo commento ti annoierà un po’ (per la lunghezza) ma sto studiando questo 4° anno e ho diversi dubbi… comunque hai proprio ragione, i kanji si imparano meglio per parole/composti di cui si conosce già il significato! ma leggendo cose qua e là è difficile che contengano solo kanji dei primi 4 anni e quindi sto continuamente a cercarli sui dizionari…

    cmq i maggiori dubbi riguardano altri significati che tu non hai indicato. alcuni kanji li ho trovati in frasi, dizionari o contesti con significati diversi… faccio riferimento ai numeri:

    – 445 betsu l’ho trovato in diverse frasi con un significato tipo “1 altro” o “diverso”… (giusto?) inoltre negli anime lo sento spesso all’inizio delle frasi ma non riesco a capirne il senso (cioè non mi sembra appropriato nè “separare” nè “diverso”… mi sembra più qualcosa di simile a “tokoro de”
    – 462 può significare anche attaccare?
    – 484 può significare anche saltare?
    – 489 si intende il voto in senso elettorale (non quello di scuola vero?)
    – 491 anche “gurai” = circa, approssimativamente.
    – 494 con veste intendi tipo vestito?
    – 537-591 questi non sono molto chiari
    – 558 anche collegare?
    – 588 scelto anche nel senso di eletto
    – 595 usato anche per scrivere samurai?
    – 600 si intende perdere un oggetto? (per perdere una battaglia ce ne sono già altri 2… spero non anche questo!!!)
    – 602 si può usare anche per coro?
    – 628 anche questo non è molto chiaro? inoltre non ho capito cosa significa SEITO.

    inoltre, non so se stai già lavorando al 5° anno… però nei primi 4 anni ci sono parecchi kanji che hanno significati analoghi… anzi sembra che aumentino negli anni (nel senso che già all’interno del 4° anno ce ne sono diversi con significati simili).
    Ho letto da qualche parte nei tuoi post che è per colpa dell’evoluzione del giapponese e soprattutto del cinese nel tempo (e forse c’entra anche il koreano?) se ci sono diversi kanji con significati simili… ma a volte penso che in alcuni casi probabilmente uno si usa in certi contesti e un altro in occasioni diverse… insomma secondo me sarebbe bello se aggiungessi (alla tua LUNGA lista di impegni) una specie di tabella di disambiguazione che spiega (quando possibile) la differenza tra kanji dai significati simili!

    visto che è una domanda lunghetta rispondi pure quando hai tempo…
    grazie,
    天使 (てんし)

    Mi piace

  2. Innanzitutto grazie degli appunti, mi hai dato modo di rivedere delle cose… purtroppo è un lavoro lungo e monotono, finire per saltare un kanji (parto da un elenco sfigatissimo, ma già fatto) o non finirlo come si deve è molto probabile.
    Di seguito trovi le risposte, scusa se ti sembrano sbrigative, ma era proprio un sacco di roba.

    – 445 betsu sia “diverso” che “un altro” inoltre è in parole come tokubetsu, sabetsu…
    betsu ni si usa in vari modi, perlopiù in modo colloquiale. E’ una sorta di negazione se usato “più o meno” a inizio frase. In effetti vuol dire “in particolare”, ma in genere è con frasi al negativo o nega le aspettative.
    Hai da fare? Iya, betsu ni. (No, non in particolare = No, nulla di particolare)
    Grazie, mi hai proprio salvato! Iya, betsu ni, taishita mono janakatta (No, figurati, non è stato nulla di speciale)
    Posso? Betsu ni kamawanai kedo…Betsu ni ii kedo… = Be’, sì, per me è uguale…
    Ti piace? Bettsu ni! (Per niente!)
    Betsu ni anta no tame ni tsukutta wake janai yo! = Non è che l’ho preparato per te!
    Le espressioni tipo “betsu ni shite” sono un discorso a parte.

    – 462 può significare anche attaccare? nel senso di appiccicare, applicare (ma gen. non usa il kanji, è in kana; il kanji si trova per lo più per i composti, es. ki ga tsuku = kizuku, e col significato di allegare es. CD付き
    – 484 può significare anche saltare? no! “saltare” è 跳ぶ
    – 489 si intende il voto in senso elettorale (non quello di scuola vero?) Sì, e più di rado “etichetta”, targhetta…
    – 491 anche “gurai” = circa, approssimativamente.
    gurai è solo sonorizzazione di kurai, ma ora mi pare sia pronuncia ufficiale, quindi l’ho aggiunta. Sì, vuol dire “circa” e anche “qualcosa del livello di” (es. ore mo souji kurai dekiru saa = anch’io una cosa del livello delle pulizie sono in grado di farla …brutta traduzione, ma spero renda l’idea).
    Con questi due significati però di norma appare in kana.
    – 494 con veste intendi tipo vestito? sì, ma vestito in senso banale (esco a comprarmi un vestito), lo direi in un altro modo, così ho scritto “veste”, un po’ più aulico.
    – 537-591 questi non sono molto chiari
    Per il kanji di tomo considera questi significati/espressioni:
    anata to tomo ni = anata to issho ni = insieme a te
    kyoutsuu = comune (es. comune a più persone); teikyou = collaborazione
    L’idea di essere o fare qualcosa INSIEME è forte in queste due parole, no?
    Inoltre è il suffisso plurale (generalmente -domo) per, ad esempio, watakushidomo (“noi” detto in modo formale) o “baka-domo!” (branco di idioti!/ehi, voi idioti! …ecc)

    – 558 anche collegare? Vagamente, per via di vocaboli come rensa e renraku, ma non come verbo “collegare”. Però dimenticavo “tsure”, che vuol dire “compagno” (es. di viaggio) o, in slang giovanile, amico, fratello, bro, buddy
    – 588 scelto anche nel senso di eletto
    I significati presenti mi sembrano abbastanza. Come parole direi che erabu (sceglierei), sentaku/sentakushi (scelta, opzione) e senshu (atleta, nel senso di “persona scelta” cioè “scelta per via delle sue abilità?”) rendono già bene il senso del kanji
    – 595 usato anche per scrivere samurai? Quello è “bushi” 武士 (guerriero), vedi anche 武士道 bushidou, la via del guerriero. Samurai ha un suo kanji 侍
    – 600 si intende perdere un oggetto? (per perdere una battaglia ce ne sono già altri 2… spero non anche questo!!!)
    Sì, vuol dire “perdere”-NON-nel-senso-di-essere-sconfitto …anche se quando perdi un oggetto perché l’hai fatto cadere usi otosu, es. “otoshita saifu wo mitsuketa”. Qui è perdere in senso generico (anche perdere conoscenza)…e poi ovviamente compare in una serie di parole composte (anche in shitsurei (lett.) = perdere le buone maniere = scortesia). Se uno perde l’orgoglio, i freni inibitori, ecc. usa ushinau.
    Per perdere la vita però si usa sia ushinau che otosu.
    – 602 si può usare anche per coro? Sì, coro si dice 合唱 gasshou
    – 628 anche questo non è molto chiaro? inoltre non ho capito cosa significa SEITO.
    Ma io non ho scritto “seito” (lo aggiungo ora)… e potevi cercarlo sul dizionario, no? comunque significa “allievo/studente”. Il kanji “a sé stante” però ha giusto quei significati lì.

    Per aiutarti in futuro tieni presente che i link dei kanji rimandano a una pagina dove puoi trovare vari esempi di parole. Tagaini jisho inoltre ora offre significati in italiano per i kanji. Tatoeba.org fornisce esempi di frasi in cui si usano il kanji o la parola che hai cercato.

    inoltre, non so se stai già lavorando al 5° anno… (Sì!)

    però nei primi 4 anni ci sono parecchi kanji che hanno significati analoghi… anzi sembra che aumentino
    E’ così. Se prendi un dizionario di kanji e cerchi per pronuncia trovi che esistono molti modi di scrivere ageru o che so, okasu, osamaru, ecc. Ognuno presenta una diversa sfumatura (e va saputa!)

    Ho letto da qualche parte nei tuoi post che è per colpa dell’evoluzione del giapponese
    Il discorso è molto più complesso di come l’avevo buttata giù, ma pensaci.
    Tu puoi “saltare il pranzo” o “saltare la corda” o “saltare giù da un palazzo” no?
    Le sfumature sono diverse, inoltre esistono verbi come “attaccare” che hanno significati molto diversi (attaccare il nemico/attaccare un quadro)… e di certo potremmo trovare esempi ancora più adatti in italiano.
    Il giapponese usa kanji diversi per rendere sfumature diverse… mentre a volte trovi per coincidenza dei verbi che si pronunciano allo stesso modo ma non c’entrano nulla tra loro.
    Ad esempio kiku si scrive in 5 modi: 聞く 聴く e 訊く sono affini
    Anche 効く e 利く sono affini tra di loro, ma non c’entrano nulla con i primi tre kiku
    A tal proposito ti consiglio questo mio commento:
    https://studiaregiapponese.wordpress.com/2012/03/31/jlpt-livello-n5-grammatica-esercizi-riassuntivi/comment-page-1/#comment-2393

    insomma secondo me sarebbe bello se aggiungessi…
    E’ in programma, ma essendo un lavoraccio non ho idea di quando mi sarà possibile farla.

    Mi piace

  3. ovviamente grazie a te per i chiarimenti…
    ti chiedo ancora qualcosina (queste dovrebbero essere le ultime su questi kanji)

    482
    studiare differenza tra kono hen e kono atari
    io ho trovato in pratica sempre i dintorni forse kono atari più specificamente riguardo al quartiere es i vicini di casa… tu cosa intendevi?

    484 avevo visto saltare in qualche composto ma forse sono casi particolari devo guardare meglio…

    497 diverso da ko nel senso che questo ji si usa per i neonati o cmq più piccoli di ko? si può dire che ji<ko<shonen?

    544 con più brusco intendi meno educato?

    591 scusami non è molto chiaro per via di tutte le parentesi e gli altri segni…
    volevi dire che in anatomia è giuntura nodo, poi fushi significa anche musica o bambu come "take" mi sembra del primo anno. poi significa anche stagione, paragrafo, moderazione.. o sechi compare in sechi ryouri per piatti tipici di capodanno..

    627 cosa intendi con i classici?

    638 cosa intendi con crudele

    Se vuoi ti invio il mio file dei kanji con significati analoghi….. non so se li ho considerati proprio tutti ma io ce l'ho messa tutta! In ogni caso penso che sarebbe una base da cui partire se anche tu avevi pensato di fare un lavoro del genere…
    in questo file word ho scritto il kanji, l'anno scolastico (quasi sempre) e (alcuni) significati…
    in questi giorni non potrò connettermi tanto perchè per i ponti siamo dai miei e dai miei suoceri ma appena torno a casa posso caricarlo su internet e poi darti il link…
    e piano piano cerchi di scriverci le diverse sfumature ecc. e caricarli sul tuo blog…

    Mi piace

  4. atari/hen
    Atari indica una generica area/zona attorno a un preciso punto nello spazio o nel tempo, oppure segue il nome d’una persona (Nakata-san atari ga…) per dire “uno come Nakata-san…” senza essere irrispettoso come quando si usa nanka.
    Atari si usa anche da solo (atari wo mireba… = se ti guardi attorno)
    hen può essere usato solo se preceduto da qualcosa, di norma kono/sono/ano (e derivati). Indica una generica area nello spazio (non si riferisce al tempo o a persone) oppure un generico punto nel mezzo d’una azione. P.e. in un lavoro “kono hen de, kyou no shigoto wa owari ni shimashou” “arrivati a questo punto direi di interrompere il lavoro di oggi”/”per oggi possiamo fermarci qui” (noi diciamo “qui”, ma non è un luogo, è più una quantità… difatti lo uso per dire che “basta”/”è abbastanza”. Es.:
    もうこの辺でやめませんか ca. “direi che è abbastanza, perché non la smetti?”
    その辺で、もうけんかはやめなさい lett. a questo punto smettetela con la lite
    cioè “ora basta, smettetela di litigare”)

    mi sa che hai frainteso… il verbo che ho scritto in kanji si legge “tobu” pure lui, quindi, certo, tobu vuol dire sia volare che saltare, ma si scrive con kanji diversi. Quello di volare 飛ぶ si usa anche in “aeroplano” 飛行機 (hikouki), mentre quello di “saltare” ovviamente no. 跳ぶ (tobu) vuol dire “saltare” e stop. Se provi a digitare “tobu” usando l’ime ti viene indicata la differenza tra i due verbi nella finestrella che si apre (se hai il dizionario attivato)

    Che 児 indichi bambini più piccoli di 子 non è sempre vero. Anche se neonato, infante, usa quel kanji, orfanotrofio non indica bambini appena nati, eppure usa lo stesso kanji e non “ko”… più che altro si tratta di termini più “tecnici” o specifici.
    Per neonato ad esempio si usa akachan o al più akanbou di norma… ma come puoi immaginare dal “chan” si tratta di termini più colloquiali (specie akachan).
    Per pediatria invece si usa 小児科 (shounika). In termini del genere, tipo pediatria, infanzia, asilo, orfanotrofio, ecc. riguardanti in bambini non si trova il kanji di “ko”, ma semmai 児 (ji/ni), 幼 (you) e 稚 (chi).
    子 si usa solo per indicare i bambini in un numero limitato di composti e sempre con quel significato, non con significati “derivati” dalla parola bambino o legati ad essa (es. infantile). A parte forse shison (discendente), deshi (pupillo), oshiego (allievo), gli altri vocaboli che usano 子 implicano sempre il termine bambino o figlio (p.e. shisoku = musuko = figlio; oyako = genitore/i e figlio/i; suekko = figlio più piccolo; edokko = figlio di Tokyo = abitante di Tokyo; maigo = bambino smarrito).
    E’ questo che intendo quando dico che non forma significati derivati a parte i 3 detti… bene o male significa sempre bambino o figlio.

    Riguardo alla differenza ko-shounen, sfatiamo un mito. “ko” spesso è più generico di “bambino”. Capita che si parli di una persona, specie se una ragazza, in termini tipo “ano ko” anche se quella persona ha vent’anni (ma chi parla di norma ne ha di più pur se di poco o la stessa età). Equivale esattamente al nostro “quella ragazza” (per quanto richiede il giusto contesto, se hai 26 anni e parli di una 25enne tua collega e sei a lavoro di fronte al tuo capo non dirai “ano ko”, ma puoi farlo parlando con un amico).
    Viceversa non diremmo mai “shoujo” di una ventenne (specie perché shojo, se scritto con la o breve, con i kanji 処女 significa “ragazza vergine”) o shounen di un ventenne, perché shounen equivale al nostro “ragazzino”.
    Sì, lo si usa anche come range d’età, fino ai 18-19 anni (p.e. gli shounen manga arrivano circa a quella fascia d’età), ma se vuoi dire “nee, shounen” per dire “ehi, ragazzo!” a un 18enne, quello se la prende. Puoi usarlo al più con chi ha 14 anni o giù di lì, al limite (ma consiglio “nee,/anou… kimi!”).
    Per dire “ehi, ragazza!” invece non si usa “nee, shoujo!” ma semmai “anou… kimi!” (più maschile e brusco) o “anou, ojousan” (più cortese)

    544 no, proprio “brusco”. Ad esempio si trova spesso nel linguaggio militare o nelle arti marziali. è usato solo da chi è in posizione più alta.

    591 giuntura, nodo sia in anatomia, che “nodo” per indicare le giunture del bambù;
    Il segno ° fa riferimento al fatto che quel significato è associato solo a quella pronuncia (fushi). La pronuncia in sé però capita anche in altre parole… come katsuobushi (vd. il proverbio neko ni katsuobushi di cui ho parlato sul forum)
    Capita anche in queste parole:
    stagione (kisetsu); paragrafo (setsu, bunsetsu); moderazione (setsuyaku, setsuden);
    °musica …con la pron. “fushi” si usa per un tipo di musica giapponese (ogiebushi) e, a dire il vero, anche con la pronuncia setsu può avere a che fare con la musica (in parole come 曲節 kyokusetsu, melodia, e 節奏 sessou, ritmo
    Con la pronuncia “sechi” indica i piatti tipici di capodanno, parlo di o-sechi ryouri

    627 in questi casi devi prendere un dizionario di kanji o un dizionario software gratuito come tagaini jisho e cercare parole per quel kanji perché semplicemente si tratta di troppe cose per scriverle tutte nel poco spazio a disposizione nell’elenco (lo stesso vale per il 591).
    I classici nel senso di “testi classici” (es. i grandi classici della letteratura). La parola in questione è “koten” 古典.

    638 proprio la parola “crudele”, non è che abbia altri significati^^
    Si dice zankoku 残酷

    Per la lista, puoi caricarla su mediafire.com (è facilissimo), e poi passarmi il link… ti avvero però che rispetto alle liste dei kanji questo progetto ha bassa priorità, mi aspetto che ci vogliano mesi e mesi, se non un anno, prima che veda la luce.

    Mi piace

  5. ciao,
    grazie mille di tutte le spiegazioni…
    mi ci vorrà un po’ ragionare bene su tutto anche perchè dovrei concentrarmi di più sullo studio di altre materie (soprattutto ora in vista degli esami) ma al momento stanca delle materie universitarie mi interessa solo il giapponese….

    cmq sì potrei aver frainteso (sapevo che ci sono diversi kanji che si leggono allo stesso modo infatti per quanto sia difficile memorizzare tutti i kanji leggere un testo solo in hiragana mi crea ancora più confusione) ma soprattutto perchè uso sempre materiale in inglese e da qualche parte avevo trovato un significato tipo jump anche per 飛… ora non mi ricordo ma per esempio guardando wikipedia:

    飛び上がる (tobiagaru): spring, jump up
    飛び込む (tobikomu): jump in

    comunque il 1°grade l’ho imparato abbastanza rapidamente (e sono andata discretamente bene con il secondo e gran parte del terzo) ne sapevo già alcuni da altre fonti in ordine sparso e quando ho trovato un sito che li spiegava in ordine di anno mi sembrava una cosa più organizzata…
    le maggiori difficoltà a mio parere sono:
    – kanji con tanti significati: a volte si tratta solo di individuare la parola che meglio si avvicina al senso del kanji (per esempio spesso si trovano per SAKU,572 i significati di precedente, ieri e forse anche altri… hai ragione tu a scrivere solo precedente perchè tanto per scrivere kinou serve anche giorno, e quindi giorno precedente!)
    – (collegato al punto precedente) a volte però significati completamente diversi sono assunti dal kanji combinato con altri… probabilmente c’è qualcosa che sta dietro, tipo l’etimologia o non so che spiega perchè un concetto è stato scritto con determinati kanji… però credo sia importante distinguere che quel significato è associato al composto e non ai singoli kanji… ecco magari l’hai specificato da qualche parte ma non avevo capito che “crudele” e “classici” erano appunto parole “composte” (non so se mi spiego, non è che anche l’italiano lo abbia imparato tanto bene da piccola!!!) insomma per quanto riguarda koten, mi sembra più facile ricordare che con “vecchio/antico testo” si intendono i classici piuttosto che associare a 典 anche il significato di classici.
    – per ultimo ma è la difficoltà maggiore: diversi kanji con significati simili… ora capisco dove hai scritto “ampiezza semantica più vicino all’italiano che all’inglese” (o qualcosa del genere) infatti mio marito mi dice sempre come in greco ci sono 5 termini diversi per amore in modo che in una sola parola è già descritto il termine mentre in italiano e ancora di più in altre lingue come l’inglese serve un maggior numero di aggettivi o specificazioni…
    allora si bisogna trovare il modo di capire quali sono queste diverse sfumature di significato tra i diversi kanji in modo da capire ed esprimersi al meglio.

    la lista la puoi trovare su:
    http://www.mediafire.com/?68iswund8gh0xed (uso open office, odt)
    http://www.mediafire.com/?5ze965ubhou3e5e (risalvato in doc)

    sono appunti e quindi non sono molto ordinati (ora purtroppo non ho molto tempo e ieri appena tornata dai ponti ho dato un’occhiata veloce al livello 5) ma si dovrebbe capire…
    cmq questo per quando hai tempo e se anche a te sembra un progetto meritevole…

    un’ultimissima cosa:
    usando fisso e portatile sto facendo un po’ di confusione (per quanto riguarda le modifiche alle schede di anki… ho visto solo ora che c’è la possibilità di sincronizzare, ma per quanto riguarda le modifiche già apportate sai come posso confrontare i 2 file? o conviene che semplicemente abbandono uno dei 2?)

    grazie mille per il tuo lavoro e la tua pazienza

    Mi piace

  6. Con quell’esempio ho capito meglio cosa volevi dre…
    Ecco:

    E’ il discorso già visto in parte… Il verbo tobiagaru (che però, bada bene, usa anche “agaru” quindi naturalmente varia un po’ di senso) si scrive con il kanji di “saltare” come vedi nell’immagine, ma se voglio attribuirgli una sfumatura di senso, allora uso il kanji di volare. Difatti tra i significati inglesi trovo anche “fly up”.
    Ma è così strano? Anche noi diciamo “volo!” per dire che “arrivo” o “vado” molto in fretta, no?
    Piccola nota personale. Non fidarti troppo di wikipedia. Ho finito in questi giorni di sistemare le pessime pagine su kanji, jouyou, jinmeiyou, on’yomi, shinjitai… erano messe davvero male con fraintendimenti pazzeschi, senza considerare che non erano aggiornate da secoli. Ma c’è di peggio…
    Ho preso gli elenchi di kanji da lì e alla fine ho fatto più lavoro che a farmeli da solo, perché erano fatti con i piedi… ad esempio, ricordi il kanji di “punto”? E’ 点 giusto? Quante pronunce ha? Una, cioè “ten”.
    Quante pronunce gli attribuiscono i dizionari online e wikipedia? 12. Una più inutile dell’altra. Proprio a sforzarsi possiamo dargliene un altro paio, ma non servono a chi studia.

    >> a volte però significati completamente diversi sono assunti dal kanji combinato con altri
    A volte un kanji può essere usato solo foneticamente. P.e. “segreto” è 内緒 (naisho), oltre che himitsu. ma se in himitsu i kanji hanno perfettamente senso, non l’hanno in naisho, perché sono usati foneticamente.
    Altre volte il nesso c’è, ma non si vede. 組織 (soshiki, organizzazione) è scritto con i kanji di “gruppo” e “telaio/tessere”… ma il kanji di telaio/tessere, implica l’organizzare i fili, da “organizzare” arriviamo a “organizzare un gruppo (組) e quindi ad “una organizzazione”.
    Così è chiaro, ma se uno si metteva a pensare perché i telai hanno a che fare con delle “organizzazioni”… stava fresco prima d’arrivarci^^

    >> però credo sia importante distinguere che quel significato è associato al composto e non ai singoli kanji… ecco magari…
    Lo studio è fatto anche dello scontrarsi con queste cose e risolverle, o almeno provarci e alla fine chiedere, come hai fatto. Se si fa così, alla fine risulta più difficile dimenticare.
    Il mio criterio nell’associare i significati sta nel mettere anche i significati delle parole più comuni il cui senso si discosta dal kanji. Proprio perché sono parole comuni vanno sapute e bisogna saperle scrivere con entrambi i kanji e uno non può cadere dal pero quando “scopre” come si scrive una parola perché il kanji che contiene è strano, quindi inserisco di questi rimandi.

    Per confrontare i due file puoi Esportarli come file di testo, aprire il file txt e copiare tutto il contenuto, quindi apri excel o “open office calc” e incolli tutto lì (se viene tutto in una solo casella annulla l’azione e fai “Modifica – incolla speciale” e assicurati che ci sia un segno di spunta dove dice Tabulazioni nella finestra che ti si aprirà). Fai lo stesso per l’altro mazzo nella colonna a fianco e le confronti.
    Se ti sembra che non siano nello stesso ordine puoi ordinare selzionando tutte le celle relative al primo mazzo, poi porti il cursore sulla prima cella della colonna delle pronunce ON e, tenendo premuto ctrl ci clicchi (così è deselezionata), la riclicchi (ora è selezionata e contornata di nero. A questo punto puoi ordinare tutte l’area selezionata in ordine alfabetico in base alla colonna delle pronunce on.
    Se fai lo stesso per l’altro mazzo, potrai confrontare sicuramente i due mazzi avendo su ciascuna riga lo stesso kanji per tutti e due i mazzi.

    Puoi anche decidere di importare il mazzo più nuovo sul mazzo più vecchio, facendo Aggiorna, cioè trasformi il mazzo nuovo in un file di testo, apri con anki il mazzo vecchio, fai Importa e selezioni il file txt …controlli che i “campi” siano giusti, quindi clicchi aggiorna invece di importa. Credo che così ti aggiunga solo le carte in più che il mazzo più nuovo aveva, senza toccare le carte vecchie del vecchio mazzo… ma non so se è quel che ti serve o no.

    Mi piace

  7. Ti ringrazio di nuovo x il grande lavoro che hai fatto, di tutti i kanji letti ne ho memorizzati pochissimi, ma col tempo aumenteranno!Quando ero piccolo mia madre diceva “se non finisci la lezione non mangi” ora e’ mia moglie che dice se non smetti di studiare non mangi, praticamente x me studio e mangiare sono legati assieme. un saluto da     ジュリアーノ

    Mi piace

    • …più che altro mi pare che per te siano lo studio ed il digiuno ad essere legati! ^___^
      Mah, che dire di serio… il giapponese non scappa, prima pranza così non fai spazientire tua moglie ^_^ Certo, lo dice uno che ieri notte è rientrato all’1 e mezza…e alle 3 stava studiando grammatica… ma io sono un caso patologico^^

      Mi piace

    • quando il senso è difficile secondo me è meglio guardare le parole di uso comune
      以下 Fino a, meno di…
      以上 almeno, non meno di…
      以後 / 以降 Dopo di che, da qui in poi
      以外 ad eccezione di
      以前 / 以来 prima di, precedente
      以内 All’interno / meno di
      いらい since; henceforth
      Common word, Adverbial noun, Temporal noun

      da solo invece è il più particolare:
      以て もって è una congiunzione, dato che, poichè…
      puoi vedere delle frasi esemplificative su:
      http://tatoeba.org/ita/sentences/search?query=%E4%BB%A5%E3%81%A6&from=jpn&to=ita

      Mi piace

      • quindi 以 si mette prima di un kanji che esprima un modo, un luogo o un tempo? sì lo so che c’è scritto lì sopra ma voglio essere chiaro. qualche frase d’esempio per favore? 🙂

        Mi piace

        • In genere, questo è quel che ho scritto, la cosa che precede quel kanji è il punto di partenza, il kanji che lo segue dà una “direzione”.
          Ad esempio:
          3歳以上 significa da “3 anni in su”
          1995年以降 dal “1995 in poi”
          50%以下 dal 50% in giù
          10分以内 entro 10 minuti
          あなた以外に a parte te (lett.: al di fuori di te)

          Mi piace

  8. Ciao… non riesco a capire bene una cosa: il kanji 選 (588, sen) ha significato anche da solo o solo se accompagnato da altre particelle? se lo scrivo da solo rende comunque il concetto di scelta/scegliere?

    Mi piace

    • Le particelle sono elementi della frase, in genere equivalenti alle nostre preposizioni.
      Come “gli alberi” ha senso senza la particella “tra” posta prima, così anche un kanji di solito ha senso senza particelle.
      Il problema è se quel kanji, preso a sé stante, forma o no una parola… così come “alb” non ha senso se non è seguito da “eri”, allo stesso modo molti kanji “presi da soli” non si trovano in un testo come sostantivi indipendenti (o, a volte, altre elementi della frase).
      Ad esempio 最 sai è un prefisso per indicare “il massimo” di qualcosa… e non lo trovi mai “da solo”, precede uno o più altri kanji.

      選ぶ erabu, o 選 sen, non ha la pronuncia indipendente “sen”, stando al dizionario di kanji “halpern”.
      Cioè se scrivi da sola la semplice pronuncia on’yomi di “libro”, 本 hon, – lo puoi fare – questa significa “libro”.
      Invece se scrivi da solo il kanji in questione, non hai una vera e propria parola.
      Per altri dizionari posso usarlo come suffisso, in un certo senso, o come sostantivo se in compagnia di qualcos’altro.
      Per esempio con il prefisso 再 “sai” della ripetizione di qualcosa, saisen, indica nuove elezioni o il termine rielezione (dove elezione è di norma “senkyo” e non “sen”), o dopo un termine che indica una carica indica le elezioni per quella carica (es. shichou, sindaco, dà shichousen, le elezioni per la carica di sindaco).
      Si usa poi come sostantivo legato a dei verbi, per esempio sen wo suru, sen ni hairu… espressioni in cui appare come sostantivo.
      L’idea alla base del “sen” è la stessa, un’elezione, una selezione, o una compilation, perfino.

      Non direi che si tratti di usi troppo comuni, ma cosa significa tutto ciò? Che non posso scrivere il kanji del tutto da solo e intendere qualcosa? Nemmeno questo è corretto. Un kanji è al tempo stesso un simbolo, non è solo questione di parole intese con un ruolo grammaticale, es. sostantivi o verbi (come invece avviene in italiano).
      In sostanza, quel kanji da solo non è una parola d’uso comune, come sostantivo a sé si trova in genere in espressioni precise, ma se vuoi semplicemente trasmettere un concetto con un’immagine, che è quel che fanno i simboli (e i kanji non sono che questo), allora puoi usarlo come ti pare. ^__^

      Mi piace

  9. Ciao Kaze, sono al kanji 545. Non capisco bene il suo utilizzo: “mizu WO mitasu” per “riempire CON acqua”, e poi “hara wo mitasu” che è “riempire lo stomaco”. La prima frase è solo un modo di dire, una frase fatta o lo posso sempre usare per esprimere il concetto di riempire CON qualcosa? Se wo introduce il compl. oggetto, qui mizu lo si può considerare tale?

    E poi mi faresti un esempio con mitsu, o meglio con ni mitanai?
    Grazie mille

    Mi piace

    • Mitasu ha due significati: “soddisfare” (esigenza, desiderio, domanda, appetito; condizione, criterio…) e REFILL
      Come con l’inglese refill puoi avere come complemento oggetto sia il contenitore sia il liquido in sé (could you refill my coffee?/could you refill my cup?).
      Quindi コップに水を満たす ma anche コップを満たす (コップをいっぱいにする)
      Inoltre possiamo avere 腹を満たす hara wo mitasu, riempire lo stomaco (anche in senso figurato, come nell’espressione italiana “soddisfare un appetito”).
      Non solo. Si può dire anche 減った分を満たす hetta bun wo mitasu, riempire(?) la parte mancante (come se riempissimo un contenitore per la parte venuta a mancare ).
      XはYで満たされている significa “X è pieno di Y” (= XはYでいっぱいです)
      XはYに満たされた significa “X fu riempito da Y”

      満ちる è il corrispondente “riempirsi”, quindi いっぱいになる, invece che “ni suru”.
      Aに満ちている pieno di A
      Xに満ちたY un Y pieno di X

      XにはYが満ちていた X era piena di Y (in X c’era Y in abbondanza)
      プールには水が満ちていた La piscina traboccava d’acqua/Nella piscina l’acqua traboccava
      …ma posso anche dire CはDに満ちていた , C era piena di D, es.:
      高原は夏の光に満ちていた L’altopiano era pieno della luce estiva

      満つ sarebbe sostanzialmente lo stesso di michiru, ma è usato essenzialmente al negativo in espressioni tipo ~に満たない prima di un sostantivo (es.: 3歳に満たない子 un bambino di meno di 3 anni).

      …per concludere… non ti serve tutto ciò se non le cose davvero essenziali. Ricorda il significato e ignora i dettagli di tutti gli usi possibili, finché non lo incontrerai in qualche brano o romanzo.

      Mi piace

      • Wow, mi aspettavo un paio di esempi e invece… in pratica una lezione sul riempire le cose in tutti i modi possibili ;-p (con il bonus di frasi con -te+iru e esempi con naru/suru, fantastico!)
        So che non mi serve conoscere tutto al momento ma mi piace sapere come funzionano le strutture grammaticali (mitasareru, anche se non l’ho studiato, dovrebbe essere il passivo di mitasu). Così, quando leggerò qualcosa di più impegnativo, riuscirò a cogliere il senso più velocemente.
        Grazie dell’impegno che ci metti!

        Mi piace

この記事へのコメントをどうぞ! ヾ(。>﹏<。)ノ゙✧*。

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...