JLPT livello N5 – Grammatica – Il verbo する suru (fare)

Dopo ichidan e godan esiste un terzo gruppo di verbi, comunemente detti (perlomeno da me) “verbi in suru”. Questi verbi sono sostantivi seguiti, molto semplicemente, dal verbo “suru” (cioè “fare”). Dunque, prima di affrontarli (nella prossima lezione) è necessario parlare un po’ del verbo suru, specialmente perché, ahimé…

Il verbo suru è irregolare

È il secondo esempio di verbo irregolare che vediamo dopo aru (vi ricordo che le poche eccezioni dei verbi giapponesi verranno riassunte in un post a parte). Purtroppo risulta molto più irregolare di aru (che si limita a fare “nai” al negativo), in compenso però, se non altro, non si scrive mai con il kanji che sarebbe assai complesso (為る).

Le basi di suru sono shi-/sa-*, shi, suru (suru), sure-, shiro/seyo, shiyo(u) (l’ultima è l’ishikei, la falsa base). Temo sia difficile ricordarsele così, al volo, dopo averle viste una sola volta, quindi vediamole con calma, riprendendo anche i vari termini che indicano le basi e facendo i dovuti esempi.

Mizenkei, usata per la forma negativa: shi-. Quindi “non faccio” è shinai (per sa- vd. oltre)
Ren’youkei, usata per la forma in -masu: shi. Es.: ho shimasu (aff.) e shimasen (neg.)
Rentaikei e shuushikei sono identiche: “faccio” è suru, che sia attributivo o conclusivo
Kateikei, per la forma ipotetica, è sure-. Es.: sureba significa “se faccio”
Meireikei, diversa dalla kateikei come accade per gli ichidan… e come per gli ichidan ha due possibili forme: shiro e seyo, di cui la seconda risulta più letteraria (e “aulica”)
Ishikei, la falsa base, dà la forma volitiva: shiyou (facciamo!)

Ovviamente nel tempo faremo anche tutto quel che ora non vi torna, tutte le basi assai poco familiari appena citate (vi ricordo che dovete sapere solo le prime tre per ora).

Nota 1 – Dalla mizenkei non deriva solo la forma piana negativa (es. shinai)

A partire dalla mizenkei non costruisco solo la forma piana negativa (attenzione! Questo vale per tutti i verbi, non solo “suru”!).
Come ormai dovreste sapere, anche la falsa base, l’ishikei (detta anche “forma volitiva” o “pseudo-futuro”) nasce dalla mizenkei. Ma – e questo è un fatto molto più risaputo e, per certi versi, molto più importante – anche forme come la forma passiva, la causativa e la potenziale derivano dalla mizenkei.

“Tuttavia, perché parlarne proprio adesso?” – vi chiederete – “Perché non rimandare tutto alle lezioni su queste forme?”
Perché – e qui si vede ancora una volta la forte irregolarità di questo verbo – il nostro caro suru possiede una forma alternativa per la base mizenkei. Se è vero che dalla mizenkei “shi-“ costruisco la forma negativa piana “shinai” (non faccio), è anche vero che esiste una diversa forma della mizenkei: “sa-“.

Per suru è a partire da questa “variante” (sa-) che costruisco la “forma passiva” (sono fatto) e la “forma causativa” (faccio fare).
Nel caso di “suru” queste forme si appoggiano alla “variante” della mizenkei indicata sopra: “sa-“. Dunque la forma passiva è sareru, mentre la forma causativa è saseru.
Inoltre la forma potenziale (di cui ci occuperemo fra un bel po’) è anch’essa irregolare. Questa forma di norma è identica alla passiva. Esiste anche una forma alternativa scritta, nel caso dei godan, come se fosse la kateikei+ru [per esempio si prenda il verbo “scrivere” 書く , avrò kaku → kake- (kateikei; cfr. kake-ba) → kake-ru].
La forma potenziale di suru, più che “essere irregolare”, semplicemente non esiste: non posso usare la forma passiva, né la forma “alternativa” citata per i godan. Se voglio rendere “poter fare” devo usare un verbo a parte che considero forma potenziale di suru. Questo verbo è “dekiru” ( = “poter fare” o, se preferite la prima persona, “posso fare”), che posso scrivere in kanji, 出来る , ma più spesso lo trovo scritto in kana.

Ripeto: non preoccupatevi se non ci avete capito nulla! Essendo la lezione su suru, non posso non dire certe cose, ma in futuro le rivedremo con comodo, a tempo debito e capirete facilmente quel che oggi vi sembra un casino^^

Nota 2 – Dalla ren’youkei derivano altre forme (non solo la f. cortese in -masu)

Ci sono altre due forme che non abbiamo visto in dettaglio ma dobbiamo citare per forza. Sono molto simili tra loro però: cambia solo una lettera!
Entrambe derivano di solito da una “forma alternativa” della ren’youkei… ma con suru siamo fortunati, perché derivano direttamente dalla ren’youkei, nessuna “alternativa”! ^__^
Alla forma passata piana abbiamo già accennato ed è ovvio cosa sia, anche solo dal nome, mentre della forma in -te parleremo presto, per ora non curatevi di cosa significa, sappiate solo che esiste.
La forma in -te e la forma passata piana di suru sono identiche a quelle di un verbo godan in -su (v5s). Sono rispettivamente “shite” e “shita”, mentre (forse lo sapete già) un v5s, un godan in -su, come per esempio “hanasu” farà “hanashite” alla forma in -te e “hanashita” alla forma passata piana).

Ecco un riassunto di tutte le forme di suru. Ovviamente per ora guardate solo le basi e le forme che conoscete, tornerete in seguito per vedere le altre.

Basi (e forme derivate) Basi di suru Esempio Es. al passato
未然形 Mizenkei shi- shinai
(non faccio)
shinakatta
(non ho fatto)
++++++↳ F. passiva sa- sareru
(sono fatto)
sareta
(sono stato fatto)
++++++↳ F. causativa sa- saseru
(faccio fare)
saseta
(ho fatto fare)
連用形 Ren’youkei shi (aff.) shimasu,
(neg.) shimasen
shimashita, shimasen deshita
++++++↳ Forma in -te
shite (es. facendo)
(invariabile)
++++++↳ F. passata piana
shita (ho fatto)
(già al passato)
連体形 Rentaikei suru suru (faccio) (vd. f. passata)
仮定形 Kateikei sure- sureba (se faccio)
(uso altra forma)
命令形 Meireikei shiro / seyo shiro (Fa’! imperativo)
*seyo è più letterario
(non esiste)
意志形 Ishikei shiyou
*(pron.: “sciiò”)
shiyou (Faccio/amo… proposta, esortazione, imperativo 1ª plurale) (non esiste)

この記事へのコメントをどうぞ! ヾ(。>﹏<。)ノ゙✧*。

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...