Hikikomori, RAI, treni e bufale.net (e i Mini-Post!)

Ho alcune esaltanti notizie da darvi! Premessa: tempo fa Anna Maria Caresta, giornalista Rai, mi ha intervistato per Radio Rai 1 sul fenomeno hikikomori (autoreclusione)… l’intervista, che era linkata nella pagina di info sull’autore, ormai purtroppo è stata rimossa dal sito della Rai (sono passati 2 anni). Ora però, ecco la prima notizia, è uscito anche un libro! Generazione Hikikomori, edito da Castelvecchi. Vista la passata collaborazione Anna Maria mi ha chiesto un’altra intervista, molto più approfondita (tanto che copre ben due capitoli del libro).

Non è però per la mia partecipazione che ve lo suggerisco: il libro è davvero ottimo, vero giornalismo di inchiesta, con dietro un gran lavoro di ricerca a cavallo tra Italia e Giappone. Così, se voleste riprendervi dal falso giornalismo sul Giappone stile Le Iene (ricordo pezzi agghiaccianti) e nel contempo documentarvi su un fenomeno sempre più importante anche in Italia… sapete cosa leggere 😉

Continua a leggere

Agende Gennaio-Dicembre, ancora 12 mesi di proverbi giapponesi!

I proverbi giapponesi del diario-agenda di SdG, questa volta vi accompagneranno da Gennaio a Dicembre. Si tratta della versione Gennaio-Dicembre dell’agenda di SdG che già conoscete e amate, (che va da Agosto a Luglio), aggiornata considerando le vostre preziose opinioni.

Vediamo subito le novità e le migliorie introdotte in questa versione!

Continua a leggere

Recensione – Minna no Nihongo? No, grazie.

Prima recensione di un libro non italiano e primo videopost. So che da un punto di vista tecnico c’è molto da migliorare, ho già scoperto come fare, ma volevo finalmente postare qualcosa quindi eccovi, un po’ di fretta, questa prima videorecensione sul tanto famoso quanto sopravvalutato Minna no Nihongo.

Ah! Forse vi siete chiesti come mai di questi lunghi, insoliti, silenzi tra un post e l’altro. Sono alle prese con un trasloco (vendita di casa vecchia, ristrutturazione della nuova, causa legale in corso con i muratori… un delirio!) e ovviamente la cosa mi toglie ogni tempo e energia. Non preoccupatevi però che la realizzazione del diario di SdG e ovviamente del libro per superare il JLPT N5 è proseguita… per il sito però ho tirato un po’ i remi in barca, perdonatemi e visto che siamo in tema di favori… pubblicizzate il sito quanto potete! ヾ(。>﹏<。)ノ゙✧*。

Ma ora bando alla ciance… Ingrandite a tutto schermo il video (è 1080p), alzate il volume e Buona visione!

Continua a leggere

Il diario di SdG… in regalo!

La sorpresa annunciata qualche tempo fa è finalmente arrivata. Tra tutti quelli che avranno acquistato e scritto una recensione per KANA – Caratteri e suoni della lingua giapponese entro il 15 luglio verranno estratte ben 5 persone a cui regaleremo l’agenda di SdG o, a scelta, il quaderno di giapponese che preferisce.

Ma come sarà l’agenda in palio? O dovrei dire LE agende? Vediamo subito!
Continua a leggere

Il primo libro di SdG – KANA, caratteri e suoni della lingua giapponese

Il primo libro di Studiare (da) Giapponese è finalmente qui. KANA – Caratteri e suoni della lingua giapponese (disponibile da oggi su Amazon) è una introduzione alla lingua giapponese che tratta in dettaglio la scrittura, la pronuncia e i due sillabari giapponesi, i kana appunto (hiragana e katakana).

La sua realizzazione ha richiesto quasi un anno di lavoro, il risultato però è stato al di là delle mie stesse attese. È il libro che avrei voluto quando ho iniziato a studiare giapponese: scende nei dettagli e risponde a tutte le domande che rischiano di bloccare gli studenti, ma lo fa usando sempre un linguaggio semplice e chiaro, da blog, e non quello tecnico e assurdo di tanti altri libri.

Basta con le tipiche espressioni da libri di giapponese… Cose tipo:

  • Il giapponese è una lingua polisillabica agglutinante (?!?)
  • La R è una consonante vibrante alveolare (?!?!?)
  • Impariamo il primo kana: あ, a. Vediamo un esempio: ありがとうございます… (?!?!?!?)

Frasi costruite apposta per farvi credere che il giapponese sia una lingua impossibile. Non fidatevi! Anche i bambini giapponesi lo imparano: DEVE essere più facile di così, basta che qualcuno ve lo insegni in modo semplice e chiaro.

Se siete d’accordo con me KANA – Caratteri e suoni della lingua giapponese  è il libro che fa per voi.

Continua a leggere

I miei primi quaderni di Giapponese (e un update sui libri)

Il primo libro di Studiare (da) Giapponese è in dirittura d’arrivo. Per prendere confidenza con tutte le procedure del self-publishing di Amazon, abbiamo deciso di avviare un progetto parallelo, che oggi vi presento.

Si tratta di un set di 4 quaderni, uno più bello dell’altro, pensati apposta per gli studenti di lingua giapponese, per aiutarli a prendere confidenza con i 原稿用紙 genkou youshi usati in Giappone.

Continua a leggere

Libri (in italiano) per lo studio del giapponese (4)

È passato del tempo dall’ultimo post per cui iniziamo con un riepilogo dei nostri articoli sui libri di giapponese in italiano!

0. Un’introduzione alla lingua e l’aiuto necessario per imparare hiragana e katakana
.1. Corso (il libro di testo, generalmente in 2 o 3 volumi)
2. Grammatica di giapponese
3. Dizionari di vocaboli (Vocabolari giapponesi-italiano e italiano-giapponese)
4. Dizionario di kanji
5. Eserciziari (per ora solo quelli de Il giapponese a fumetti, vd. punto 1)
6. Materiale utile per scrivere in giapponese

4. Dizionari di kanji (o meglio 字典 jiten)

Ok, veniamo ora ad occuparci delle recensioni dei dizionari di kanji in italiano. Innanzitutto scommetto che molti di voi saranno curiosi di sapere cos’è un “dizionario di kanji”, sbaglio?

Continua a leggere

Leggere materiale in originale

Da una domanda di nigosH:

mi piacerebbe sapere dove si può reperire online materiale di lettura di livello medio basso, ideale sarebbe fumetti ma qualsiasi cosa va bene.

Come fare a trovare materiale giapponese scritto in originale?

Possibilmente semplice e/o in livello graduati, per l’apprendimento, giusto? O magari preferite fumetti? Oppure siete ormai ferrati e volete cimentarvi con la letteratura. Sicuramente ci sono vari modi, ma potreste non esserne a conoscenza o evitarli perché “illegali” (in effetti siamo in una zona grigia, ma lasciamo perdere).

A prescindere dalle sfumature, di gusti e esigenze, questa è una domanda che ci siamo posti tutti (o almeno i più, suppongo). Cosa si può usare che sia legale E gratuito?

Continua a leggere