Video – Ghost in the Shell (e una stranezza)

Fra pochi giorni, il 30 marzo, esce nei cinema Ghost in the Shell, adattamento dell’anime omonimo (in Giappone però è molto più noto come 攻殻機動隊 koukaku kidoutai). Non so per voi, ma per me è un “big deal”, non certo un fatto da poco, perché per me Gits è stato quello che per la generazione prima della mia è stato Akira e per la generazione dopo è stato Paprika: è l’anime che mi ha fatto aprire gli occhi.

Il fatto stesso che esistano anime come Gits e Hotaru no Haka mi autorizza a dire a chiare lettere che “chi pensa che gli anime siano roba da bambini non ha capito niente” (giusto per essere gentili).

Ma seguitemi in questo nuovo articolo, perché c’è molto più di un mio monologo sul valore degli anime.

Continua a leggere

Video – Non il solito Giappone: Okinawa

Okinawa è l’isola maggiore di un arcipelago di isole (anzi, una serie di arcipelaghi), entro un arcipelago più grande, quello del Giappone, ovviamente. Si trova a qualcosa come 3000 Km da Tokyo e ciò significa clima tropicale, spiagge bianche e acqua smeraldina.

È il luogo di nascita del karate, ospita sia un’università internazionale (i.e. dove si parla inglese) tra le migliori al mondo, e fianco a fianco (non letteralmente) alcuni splendidi templi ed un palazzo reale dallo stile di chiara influenza cinese ma al tempo stesso unico, che non ha eguali in Giappone. A parte ciò la sua gente ha una mentalità e una cultura quasi unica. Sono giapponesi e non giapponesi al tempo stesso, come prova un detto bello e unico come quello di nankurunai sa, di cui abbiamo parlato non molto tempo fa.

Eppure, nonostante ci sia ogni motivo per provare interesse, purtroppo Okinawa non è tra le classiche mete turistiche del Giappone, certamente perché non facile da raggiungere, ma anche perché poco conosciuta… o forse addirittura poco apprezzata? °__°!

Continua a leggere

Frederic – Oddloop

Il titolo della canzone è un gioco di parole… a guardare i loro titoli (come owarase night/owarase naito) sembra che questo gruppo li ami in modo particolare. Odd loop significa uno “strano circolo”, ma scritto unito e poi in giapponese è anche l’unione di odoru e ruupu, cioè “ballare” e, di nuovo, “(in) circolo”. Non so se sono l’unico a vederci il gioco di parole in questione, ma secondo me c’è, sicuro al 99%… e basta vedere il video per avere la stessa impressione 😉

Continua a leggere

Video – SoftBank, Justin Bieber e… Piko Taro?!

Spoiler: Justin Bieber parla giapponese in questo video. Risultati a parte, ora non avete più scuse.

Cosa ci fanno in questi giorni Justin Bieber e Piko Taro insieme, alla tv giapponese? Per di più con la mitica Aya Ueto e le giovani idol (in ascesa) Suzu Hirose e Sakurako Ohara?

Tutto è iniziato da questo primo spot della SoftBank in cui Justin Bieber compare per pochi secondi e promette di venire presto in Giappone…

Continua a leggere

Kozue – Te wo tsunagou

Recentemente ho pubblicato un articolo su un gruppo, Nanamujika (o Nanamusica, se preferite)… Ricordate che avevo detto che non è più in attività? Be, in effetti la vocalist ha poi ripreso a cantare, da solista.

Ho scoperto che è uscito da poco un suo video, Te wo tsunagou, “Prendiamoci per mano”, tratto dal suo ultimo album, Tsuchi no kaori, sora no kaori, kimi no kaori (ovvero “Il profumo della terra, il profumo del cielo, il tuo profumo”).

Noterete uno stile decisamente diverso, solare, rilassante, allegro. E se fate attenzione, una storia che si dipana, in tutta la sua tenerezza. Buona visione! ^__^

Continua a leggere

Musica – Nanamujika (…e Rosa Kato?!)

Di norma i post musicali riguardano una canzone, un video solo, ma questa volta semplicemente non resisto… non posso scegliere una sola canzone e/o presentarvi le altre nel corso del tempo, quindi faccio un post sul gruppo, con i suoi vari video… vedete voi quale preferite!

Il gruppo in questione (che adoro) è ナナムジカ nanamujika, ovvero nana-musica. Il nome originerebbe da “nana”, dea della luna (?!? Ci torniamo tra un secondo), e dal latino “musica” che significa… indovinate un po’?

Continua a leggere

ONE OK ROCK – The beginning

Questo pezzo dei ONE OK ROCK, The beginning, è anche la colonna sonora del live action di るろうに剣心 Rurouni Kenshin, meglio noto in Italia come Kenshin, Samurai Vagabondo.

Uhn?! Non sapete di cosa si tratta?!? Via! Di corsa a leggere il manga, forza! Sciò sciò! Che state ancora qui a leggere post, studiare giapponese…?! Manga! Subito!

Ehm…no, scusate, il video, prima il video^^;; Il pezzo è ormai del 2012, un po’ vecchio per qualcuno, ma lo dico proprio per chi è nuovo. Potete perdervi un pezzo così con ormai 75 milioni di visualizzazioni? No, giusto? E allora… Buona visione!

Continua a leggere

Tendenze – La popolarissima Koi-dance di Nige-haji

La 恋ダンス koi-dansu o koi-dance (volendo inglesizzare), ovvero la “danza dell’innamoramento” (se proprio vogliamo tradurre a tutti i costi, ma non è necessario), è una danza buffissima che ultimamente 流行っている hayatte’ru, cioè va molto di moda, o meglio, come si dice al giorno d’oggi, è ormai diventata virale. È imitata ovunque: su youtube dai principianti più improbabili, quanto negli studi televisivi da star affermate.

Il nome, un po’ sciocco, diciamocelo, viene dal titolo della canzone 恋 koi che fa da colonna sonora al ballo in questione; al titolo è stato poi aggiunto “dansu”, cioè “dance”, pronunciato a la giapponese, tutto qui… Ecco perché la traduzione data sopra è superflua e forse sarebbe meglio dire il ballo (della canzone dal titolo) “innamorarsi”. Lo so, fa schifo anche così. Ecco perché è importante studiare giapponese… sì, forse non è il motivo principale, ma… va be’, ci siamo capiti.

Continua a leggere