Problemi con il sito

Ci sono problemi con il sito. Sto lavorando a una soluzione, nel frattempo NON RISPONDETE ai commenti CON IL TASTO “RISPONDI”, per poter commentare DOVETE scrivere un nuovo commento (scorrete la pagina fino in fondo fin dove dice “Questo sito usa Akismet”). Ho dovuto riportare l’aspetto del sito al suo (insoddisfacente) stato originale. Anche questo fastidio dovrebbe essere passeggero. eliminare la possibilità di rispondere al commento di qualcun altro: POTETE commentare, ma dovrete fare sempre nuovi commenti, non potrete più usare il tasto RISPONDI …almeno per ora, sperando le cose si risolvano.

Domande – Come studiare i kanji?

Ho ricevuto su Nihongo no kuni la tipica domanda, l’intramontabile (legittimo) dubbio: Come studiare i kanji? Per la precisione Jones mi scrive…

Mi sono innamorato dei kanji […] vorrei sapere se studiare la lista dei kanji del jlpt o la lista dei joyo kanji (magari anche solo da wikipedia) è la stessa cosa […]. Immaginando di trasferirsi per lavoro in Giappone, studiare i 2136 joyo kanji è sufficiente per vivere e lavorare lì o bisogna studiare tutti i kanji del kanji kentei (circa 6000 – NdKaze) ……

E per ora mi fermo un attimo qui perché c’è già tanto da dire!

Continue reading Domande – Come studiare i kanji?

Vocaboli – Seeno? Seno? Sennò? Pronti, via!

Sono molte le cose che non si trovano sui libri e tra queste c’è un’espressione molto comune che ha lasciato perplessi parecchi, perché udibile in molti anime, film, video su youtube: sto parlando di せーの (o anche せえの), letto seeno …L’avete già sentito? No? Sentitelo usare all’inizio di questa canzone, Ren’ai circulation

Continue reading Vocaboli – Seeno? Seno? Sennò? Pronti, via!

2 modi di essere felici in giapponese

Imparando il giapponese arriva un momento in cui ci si chiede “Ma come si dice felice in giapponese? Shiawase? Ureshii?” Ci sono infatti (perlomeno) 2 modi di dire “(essere) felice” e il loro uso è abbastanza diverso, tanto che i dizionari giapponesi di sinonimi non li paragonano neanche! Quando usare ureshii, dunque? Quando usare shiawase? Per saperlo vi basta continuare a leggere…

Continue reading 2 modi di essere felici in giapponese

Il giapponese che sai già… (forse)

C’è del giapponese che sai già. Pensaci. Karate? Lo sai. Sushi? Lo sai. Tsunami? Lo sai. …ecc. ecc. È pieno di parole giapponesi che già conosci! Addirittura ce ne sono alcune ormai italianizzate e i più non sanno nemmeno che sono in realtà parole arrivate dal Giappone, come tycoon (大君, taikun), risciò (dall’inglese rickshaw che deriva dal giapponese (人)力車, (jin)rikisha), tifone (台風, taifuu, anche se qui il discorso si complica e l’origine non è proprio chiara)… e così via.

Wow, se aggiungo arigatou, oniichan, sensei ecc., so già un centinaio di parole! – dirà qualcuno che le ha già contate (complimenti per la rapidità, tra l’altro). Ma, e qui arriviamo al punto, siamo proprio sicuri che le sai davvero? Non sono poche, infatti, le parole che crediamo di sapere ma in effetti storpiamo o sbagliamo a pronunciare XD

Oggi vediamo dunque 5+ esempi di parole giapponesi molto comuni… che tutti sbagliano ^__^

Continue reading Il giapponese che sai già… (forse)

Che significa divertirsi in Giappone?

Sono almeno tre le parole che vengono tradotte con “divertente” sui libri di testo e non è mai molto chiaro quale sia meglio usare, vero? Proviamo a confrontare allora tanoshii, omoshiroi e okashii, guardando anche alla loro (bellissima) origine, per capirle un po’ meglio.

Continue reading Che significa divertirsi in Giappone?

Che ci fa lì un “mini-ke”?!

Una domanda che ricevo spesso è che cosa sia il piccolo katakana ke che si trova in certe parole, che ci fa in una data parola, perché è piccolo… e così via. È un’ottima domanda, con una risposta che va ben al di là del poco che ci dicono i libri di testo o di quel qualcosina in più che ci dicono prof e sensei di solito, e siccome noi non siamo tipi da accontentarci (giusto?), eccovi la spiegazione di “Che ci fa lì quel mini-ke?”.

Continue reading Che ci fa lì un “mini-ke”?!

Mono no aware, Oltre il velo della bellezza

Il significato dell’espressione 物の哀れ mono no aware si è per certi versi perso nel manto di fascino che l’ha ormai avvolta. D’altronde dare spiegazioni complesse di cose molto semplici è una tentazione molto comune quando si parla di letteratura e ancora di più quando si parla di Giappone e giapponese tra noi appassionati di Giappone. Oggi cercheremo dunque di separare il concetto dalla parola, vedremo da un lato dove nasce questa affascinante idea, e dall’altro vedremo come nasce questa banale (sì, banale) parola.

Continue reading Mono no aware, Oltre il velo della bellezza

Vocaboli – Finché c’è vita…

Finché c’è vita, c’è speranza? Ok, ma quale “vita”? Se c’è una parola che ha talmente tante sfumature da farci sudare sette camicie quando cerchiamo di tradurla in giapponese, questa parola è “vita”. Oggi proveremo proprio a capire tutte le sue sfumature e traduzioni. Su una nota più mondana… vi stavate chiedendo dove fossi finito in questi ultimi mesi? È la vita che si è messa di mezzo, sempre lei. Nonostante due traslochi (due!), beghe d’ogni sorta e altri disastri, procede bene la stesura dei miei prossimi tre libri (Tre! Corso, eserciziario e kanji!). Ma non sto a raccontarvi tutto, per ora è il caso di dedicarci ad un argomento meno vasto: la vita, appunto.

Continue reading Vocaboli – Finché c’è vita…

Aria nuova in Home-page!

Solo un breve annuncio per dirvi che l’Home-page è cambiata! L’immagine di testa, ovviamente, ma anche gli articoli recenti, che ora sfruttano la timeline di twitter, visivamente molto più bella (per andare agli articoli cliccate sui link rosso-arancioni, non sulle immagini o vi rimanda a twitter). Poi ci sono una serie di altre piccole migliorie (si potrebbe volere di più, ma wordpress e il tema impongono precisi limiti).

Un grazie a Hofinitogliuser (aka orsettomalefico) per avermi dato lo spunto e l’occasione. Se anche voi voleste suggerire la pagina di Suggerimenti e Richieste su Nihongo no Kuni è ora aperta.