Corso di Giapponese

授業 jugyou, recita l’immagine qui sopra, cioè il termine che in Giappone si usa per indicare (di norma) delle lezioni fatte in classe (レッスン ressun sarebbe il termine più generico per delle lezioni online). Perché questa scelta? Perché qui siete in classe! Abbiamo un’enorme classe, grande almeno come tutta l’Italia, io vi farò umilmente da insegnante, voi, mi raccomando, studiate seriamente 😉 Se volete conoscere meglio i vostri compagni, c’è il sito dedicato alla community di SdG: Nihongo no kuni, postate e chiedete tutto quello che vi pare! 😄

Questa pagina è divisa in cinque parti!

  1. INTRODUZIONE AL GIAPPONESE
  2. GRAMMATICA
  3. DOMANDE
  4. ARGOMENTI VARI
  5. ESERCIZI

Buona lettura e buono studio! 😉

1. Introduzione al Giapponese

Quella che segue è solo un’introduzione al giapponese, a cui puoi far seguire le lezioni di grammatica (nate inizialmente per il JLPT che trovi più giù). Se invece stai cercando il mini-corso di giapponese di SdG, per quello c’è una pagina a parte: “Pillole di Giapponese”.

Introduzione alla scrittura giapponese: usi di kanji, hiragana e katakana
Introduzione: hiragana e roomaji
Lezioni/esercizi/trucchi per imparare hiragana e katakana
  1. Pronomi personali e verbo essere
  2. Pronunce e “tsu piccolo”
  3. Tema e predicato nominale
  4. Allungamenti vocalici
  5. L’uso delle particelle, も (“mo”, anche) e… un po’ di contesto
  6. Il negativo e la forma “piana” del verbo essere
  7. La particella の (no) del complemento di specificazione
  8. I pronomi personali 2! (tutti i pronomi che servono!)
  9. Le particelle と (to), や (ya) …e ancora の (no)
  10. L’ordine degli elementi nella frase giapponese

ERRORI COMUNI

  1. I suoni giapponesi più difficili da pronunciare e come dirli bene: H, F, R, I e U, E e O, S e Z, W e Y
  2. Tra il sì e il no c’è di mezzo il boh! – La difficoltà di tradurre parole semplici come “sì” e “no”

2. Principali argomenti di grammatica (ex-lezioni del jlpt)

  1. Verbo essere (come copula), です e だ
  2. Particella の (no) (post del verbo essere, agli ultimi 2 punti)
  3. Le domande e il tema nelle domande
  4. Aggettivi in い (in -i) o aggettivi verbali
  5. Aggettivi in な (in -na) o aggettivi nominali
  6. Ripasso – Gli aggettivi in -i e quelli in -na (tutte le forme)
  7. I verbi aru e iru (verbo esserci, trovarsi e verbo avere); di più? WA e GA con aru
  8. I classificatori (2a parte del post sui verbi aru/iru); di più? Posizione dei classificatori
  9. Le particelle で/に (usate per il complemento stato in luogo)
  10. Le particelle に/へ (usate per il moto a luogo)
  11. La particella に …quando la si usa per il tempo determinato
  12. La particella を del complemento oggetto
  13. Verbi giapponesi – Premesse
    1. Katsuyou (coniugazioni giapponesi)
    2. Promemoria sui verbi
    3. Verbi godan e basi dei verbi
    4. Forma piana e Forma cortese
    5. I verbi ichidan
      1. Come distinguo ichidan e godan?
      2. Approfondimento: kami-ichidan, shimo-ichidan …e ancora godan
      3. Verbi ichidan che sembrano godan
    6. Ripasso su verbi godan, ichidan e verbi che fanno eccezione
    7. Esercizi riassuntivi
  14. Verbi intransitivi e transitivi
    1. Le coppie di verbi “jidoushi/tadoushi”
    2. “Tipi” di coppie jidoushi/tadoushi
  15. Le frasi relative
    1. Kuu mono ga nai! Non c’è nulla… “da” o “con cui” …mangiare …?
    2. Relative particolari e particolarità delle relative (parte 1)
    3. Relative particolari e particolarità delle relative (parte 2)
  16. Il verbo suru (fare)
    1. Verbi composti con suru
    2. Particolarità dei verbi in suru
    3. Particolari verbi in suru
    4. Verbi in -jiru e -zuru
  17. Forma volitiva/esortativa in -ましょう
  18. La forma in -te
    1. La forma in -te – Come si costruisce?
    2. La forma in -te – Negativo, passato e forma cortese (?!)
    3. La forma in -te – Come imperativo
    4. La forma in -te usata per coordinare (1)
    5. La forma in -te – Come modale
    6. La forma in -te usata per coordinare (2)
    7. La forma in -te – Come causale
    8. Limitazioni e alternative alla forma in -te
    9. La forma in -te aru e i verbi durativi
    10. La forma in – te iru, i suoi tre usi principali e i verbi istantanei
    11. (a) Forma in -te + mo e (b) forma in -te + mo ii
    12. -te wa ikemasen e -nakute wa ikemasen

3. Domande

Le domande degli utenti a cui ho risposto con un articolo sono ormai molte. Alcune si trovano qui, altre sono nella pagina sui vocaboli e altre tra le domande frequenti.

Per fare la vostra domanda per favore usate il sito dedicato alla community di SdG.

  1. I misteri dell’essere – Facciamo un po’ di luce su come rendere il verbo essere in giapponese e sulla sua vera natura! (°__°;; )
  2. Le forme negative -nai desu e -masen… che differenza c’è?
  3. Aggettivi giapponesi al passato
  4. Il passato di un aggettivo + desu è cortese… e il passato di un verbo con desu?
    (Seconda parte del precedente post)
  5. La formazione dei composti: come “nascono” le parole giapponesi?
  6. Le forme no desu (ndesu) e no da (nda)… a cosa servono?
  7. Ripasso su verbi godan, ichidan e verbi che fanno eccezione
  8. Il verbo avere in giapponese
  9. Come regolarsi con le pronunce di 4 e 7?
  10. Attenzione! I kanji non sono ideogrammi!
  11. Ripasso sulla forma esortativa/volitiva: -mashou(ka) / -(yo)u (ka)
  12. 日本語学校 Nihongo gakkou – Le scuole di Giapponese in Giappone (1)
  13. 日本語学校 Nihongo gakkou – Le scuole di Giapponese in Giappone (2)

4. Argomenti vari di livello più avanzato

Perché affrontare argomenti avanzati se le basi non sono terminate? Perché gli utenti che vengono qui sul sito non sono solo principianti, e io devo pensare a tutti.

  1. Anomalie temporali: 時 toki前 mae – 後 ato
  2. La coordinazione degli aggettivi (Miti da sfatare)
  3. Aggettivi giapponesi al passato o al presente?
  4. Le forme imperative – la forma in -te con o senza kudasai
  5. Le forme imperative – il VERO imperativo
  6. Gli strani ている e gli ancor più strani てある (potete partite da questi ultimi)
  7. Le particelle da usare con la forma in -tai (quando usare GA e quando WO?)
  8. Le forme in -to, -tara, -ba, -nara e -no nara… ci sono troppi “se”!
  9. -sou desu, differenza con l’altro sou desu e somiglianze con -you desu
  10. -you desu e -mitai… cosa c’è di diverso?
  11. Gli usi di -rashii: somiglianze con soudesu e confronto con -you desu
  12. Onomatopee giapponesi (articoli di Tenshi): primasecondaterza parte
  13. Le alternative a no (nel senso di の !)

NB Questi argomenti potrebbero rientrare pian piano nei punti precedenti. Se dei link mancano, è perché il post è solo in programma

5. Esercizi

  1. Raccolta di siti con esercizi da fare online
  2. Giochi e app dalla rete (su kana e altro)

Attenzione!

Per chi studia per il JLPT (Japanese Language Proficiency Test) ovvero per il Nihongo nouryoku shiken c’è una sezione apposta! Guardate in barra o seguite questo link per trovare il materiale necessario per il jlpt. Attenzione alle tag: le spiegazioni grammaticali saranno indicate con tag tipo JLPT N5 grammatica; usate invece la tag jlpt per vedere solo i post che parlano del jlpt.

L’indice di tutti i post, in ordine di pubblicazione si trova all’indice dell’archivio.

+++

Le curiosità (e tanto altro!) si trovano nella sezione Giappone (in particolare sotto stranezze giapponesi)

+++

Le sezioni “I kanji” e “L’etimologia dei kanji” sono state spostate.

+++
La sezione che riguarda “Proverbi, modi di dire, 四字熟語 (yojijukugo) ed espressioni varie…” è stata spostata.

+++
La sezione che riguarda i “Miti da sfatare” è stata spostata.

+++
La sezione che riguarda il “Folklore giapponese: kaidan, mostri, spiriti & affini” è stata spostata.

+++
La sezione che riguarda il “Materiale utile (siti, libri, guide…) e il metodo di studio” è stata spostata.

Per ritrovare le immagini, i video e la musica (videoclip, a volte con testi in romaji o hiragana e traduzioni), ci sono a disposizione le categorie qui linkate (le rispettive tag sono più “ampie”) oppure i relativi indici con gli articoli più interessanti da me raccomandati (non tutti perché sarebbero troppi!). Li trovate nella pagina Giappone – Cultura e curiosità!

31 pensieri su “Corso di Giapponese

    • Mochiron saa! (Ma certamente!)
      Mi fa molto piacere leggere questo tipo di commenti ed è proprio quel che mi spinge a continuare… e cioè il vedere che c’è chi studia davvero, con passione, appoggiandosi proprio a questo blog (-_^)

      Mi piace

  1. CIAO, scusami ma ho notato che cliccando i link:
    “Pronunce on e kun (cenni) ~ Pronunce on e kun (cenni 2) ”
    (nella sezione kanji)
    Si aprono pagine intitolate rispettivamente:
    “i 103 kanji del livello N5” e “i Kanji sono caratteri cinesi ma…”
    è normale?

    Mi piace

    • Sì, se provi a leggere vedrai che lì ho effettivamente fatto dei cenni al tema… poi ho approfondito con il post che trovi linkato subito sotto.
      Se trovi altre situazioni strane o link morti non esitare a dirmelo… gli errori capitano continuamente, a volte un copia e incolla di un link può rovinare un sacco di lavoro utile, quindi se hai un dubbio segnalmelo come questa volta, grazie! ^__^

      Mi piace

    • Non ci sono due particolari significati per kanji. Un kanji può avere uno o più significati… raramente possono essere usati in una parola solo per la loro pronuncia, senza contribuire con il proprio significato alla “creazione” della parola. Ad esempio 内緒 naisho, segreto, si scrive con i kanji di dentro e filo, ma il senso non importa in questa particolare parola.

      Un kanji di solito però ha due TIPI di pronunce. Ciò non significa che abbia sempre due pronunce.
      Può avere due o tre pronunce ma dello stesso tipo, ad esempio. O può avere 3 pronunce di un tipo e 6 dell’altro tipo… per quanto sono eventi abbastanza rari… di norma non hai mai più di un paio di pronunce per ciascun tipo di pronuncia (i tipi sono detti “on’yomi” e “kun’yomi”).
      A tal proposito qui nell’indice trovi del materiale per capire le pronunce on’yomi e kun’yomi.

      Mi piace

  2. Ciao. Vorrei chiederti che cosa scegliere nei numeri 4 (yon/shi) e 7 (shichi/nana). Perche su un video ho visto che per 70 e 77 si usa per forza nana tipo 70 nanajuu (e non shichijuu) e 77 nanajuunana (e non shichijuushichi). Evero? E per 71,72,73,74,75,76,78 e 79. Grazie in anticipo.

    Mi piace

  3. Ciao vorrei chiederti una cosa. per scrivere gigante e adulto si usa il kanji di persona piu quello di grande, solo che quello di grande è diverso nelle due parole. Qual’e la differenza tra i due kanji? Forse uno intende grande dal punto di vista dell’eta e l’altro intende la grandezza fisica? Scusa se ho scritto qua ma non sapevo dove scriverlo. I due kanji di grande scrivendoli su google traduttore forse li ha tradotti male? Anche perché credo che sul traduttore se disegno un singolo kanji almeno quello dovrebbe darmelo giusto spero. Grazie in anticipo e scusa se ho sbagliato posto dove fare la domanda generica, potresti dirmi in che posto devo farlo?

    Mi piace

  4. Domanda. Nella sezione 2 principali argomenti di grammatica i primi 2 post ossia verbo essere come copula e particella no sono uguali e un errore ho è propio così? Devo ancora leggerli so che sono uguali perché salvato il primo nei preferiti, quando salvo il secondo mi dice ché è già esistente. Grazie

    Mi piace

  5. Troppo spesso i libri di testo (in italiano, ma anche in inglese) offrono solo spiegazioni stringate, un paio di esempi spesso oscuri e complicati che contengono altre sessantamila regole, e tanti saluti. Sul tuo sito trovo spiegazioni dettagliate e numerosi esempi alla portata del lettore. Complimenti e grazie per questo enorme servizio che rendi a noi discenti di lingua italiana! 😀

    Mi piace

    • Grazie dei complimenti! 😀

      P.s. Il tuo commento era finito per errore tra lo spam (è wordpress che fa tutto, non so perché fosse lì) e me ne sono accorto per una coincidenza. Se ti dovesse ricapitare di non vedere comparire subito un tuo commento, mandami una mail dalla barra nera dei menù! 😉

      Mi piace

  6. Ciao, (spero di non aver postato la domanda nella sezione sbagliata del sito) ho cercato di capire la differenza tra てもかまわない e なくてもかまわない ma non ho trovato granchè, l’unica cosa che mi sembra di aver capito è che significano entrambe “non importa se…” solo che nel primo caso la frase subordinata è positiva mentre nel secondo è negativa. Tuttavia secondo me ci deve essere dell’altro, una sfumatura che mi sfugge…qual è la differenza?

    Mi piace

    • C’è il link Domande nella barra nera dei menù
      https://studiaregiapponese.com/domande/

      Le due forme sono uguali, solo che in un caso non importa se si fa una cosa, nell’altro non importa se non la si fa. Vengono usate come -te mo ii e -nakute mo ii quando si tratta di dare una autorizzazione (Fai pure la cosa X/Non importa se non la fai).

      Sia per le forme con kamawanai/kamaimasen sia per le forme con ii/ii desu la vera differenza sta nell’uso di “mo” che aggiunge cortesia.

      ashita konakute mo ii yo = domani puoi anche non venire (=prenditi un giorno di riposo)
      ashita konakute ii (yo) = domani non venire = sei licenziato

      Liked by 1 persona

この記事へのコメントをどうぞ! ヾ(。>﹏<。)ノ゙✧*。

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...