Pillole di Giapponese 19 – I numeri

Nella pillola 17 – Quantità e verbo esserci abbiamo capito come dire “C’è un panda in cucina” e anche come dire “ci sono tanti panda in cucina”. Ancora però non sappiamo come dire “Ci sono due panda in cucina” né come dire “Ci sono alcuni panda in cucina”. Per capire come fare è necessario affrontare i numeri e i “classificatori”, argomento che ci terrà impegnati nelle prossime lezioni.

I classificatori sono delle parole che seguono di solito i numeri quando questi servono per contare delle cose, più o meno concrete. Insomma, in giapponese, una cosa è dire “uno, due, tre, quattro…”, per esempio contando quando si gioca a nascondino, e una cosa completamente diversa è dire “ci sono due cani” o “ci sono quattro bambini” o “ci sono tre frigoriferi”.

Oggi ci occupiamo dei numeri puri e semplici, quelli che usiamo non per contare le cose, ma per contare e basta, come quando contiamo giocando a nascondino. Non ho mai fatto una lezione sui numeri giapponesi (non li amo molto), per cui solo per questa volta concedetemi di fare una lezione più lunga e completa… Dal canto vostro vi basterà saltare le parti che vi sembrano meno utili.

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 17 – Quantità e verbo “esserci” (1)

Con le ultime due pillole abbiamo visto come dire “ci sono”, “ci sei”, “c’è”, ecc. quando il soggetto è inanimato e quando il soggetto è animato. Con frasi di questo genere, a ben pensarci, potrebbe venirci voglia (prima o poi?) di inserire una quantità… tanto, poco, molti, tre, due, uno, nessuno e centomila.

È proprio questo argomento che vediamo con la pillola di oggi. È davvero facile da mandar giù, per cui forza, niente scuse e cominciamo! (⌒▽⌒)

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 16 – Il verbo “esserci” per le persone (e gli animali)

La scorsa volta abbiamo affrontato il verbo “arimasu”, cioè il verbo “essere” inteso come “trovarsi (in un posto)”, quindi, per es. “C’è una tv in cucina”, ma non “La Sony è una buona marca”. Fatto molto particolare, il soggetto del verbo “arimasu”, abbiamo detto, deve essere inanimato, una cosa insomma (come “una tv”). Ma allora, come facciamo quando il soggetto è invece animato? Come facciamo se il soggetto è una persona o una cosa?

Scopritelo in questa nuova Pillola di Giapponese! (⌒▽⌒)

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 15 – Le (altre) particelle e il nostro primo verbo!

Di particella abbiamo già parlato nelle ultime lezioni, ma lì si trattava di “particelle di fine frase”, oggi affronteremo le cosiddette “posposizioni”, che per comodità io chiamo sempre “particelle” (e basta). Per farlo però dobbiamo presentare anche un verbo. Uno qualunque andrebbe bene, ma ho deciso di partire dal verbo “arimasu”… Vi chiedete perché proprio “arimasu” e cosa vuol dire?

Scopritelo in questa nuova Pillola di Giapponese! (⌒▽⌒)

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 14 – Le particelle di fine frase (3): Le domande sono vietate?

Se le domande fossero vietate, già dal titolo dell’articolo di oggi saremmo nei guai. Ovviamente in giapponese le domande non sono vietate, ma il punto di domanda è una “invenzione” di noi occidentali. Come fanno i giapponesi per domandare, dunque? Evitano rispettosamente?

Scopritelo in questa nuova Pillola di Giapponese! (⌒▽⌒)

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 13 – Le particelle di fine frase (2): Mettere in guardia qualcuno?

Eccoci ad un’altra lezione del corso Pillole di Giapponese: la lingua giapponese a piccole dosi! (⌒▽⌒)

Oggi continuiamo a vedere le particelle di fine frase (vi ricordo che “particelle” vuol dire essenzialmente “paroline”). Dopo il ね ne, tanto simile al “ne piemontese”, oggi vediamo la nostra seconda particella di fine frase: yo.

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 12 – Le particelle di fine frase (1): a cavallo tra giapponese e piemontese

Eccoci ad un’altra lezione del corso Pillole di Giapponese: la lingua giapponese a piccole dosi! (⌒▽⌒)

In giapponese esistono due tipi di “particelle” (parola che vuol dire essenzialmente “paroline”): le posposizioni, simili alle nostre preposizioni (a, di, da…), e le “particelle di fine frase”. Oggi vediamo la nostra prima particella di fine frase… e siamo molto fortunati, perché la conosciamo già.

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 11 – Gli aggettivi (3): gli aggettivi all’opera

Eccoci ad un’altra lezione del corso Pillole di Giapponese: la lingua giapponese a piccole dosi! (⌒▽⌒)

Nelle lezioni precedenti, quando abbiamo preso la pillola 9 sugli aggettivi in -i e la 10 sugli aggettivi in na, abbiamo visto che gli aggettivi possono essere usati anche da soli, per creare delle vere e proprie frasi, per quanto semplici. Oggi vedremo come usare gli aggettivi insieme ai nomi (sostantivi) per parlare per esempio di una macchina rossa, di un vecchio amico, di un pc nuovo, di un bel tramonto

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 10 – Gli aggettivi (2): gli aggettivi in na

pillole-di-giapponese-10

Eccoci ad un’altra lezione del corso Pillole di Giapponese: la lingua giapponese a piccole dosi! (⌒▽⌒)

La volta scorsa abbiamo visto che gli aggettivi possono essere usati per creare delle vere e proprie frasi, per quanto semplici. Abbiamo però trattato solo il primo tipo di aggettivi esistenti in giapponese, gli aggettivi in -i, oggi vediamo il secondo tipo: gli aggettivi in na.

Continua a leggere