Collaborazione Studiare (da) Giapponese e Aikikai, Associazione Italiana di Aikido

Un annuncio e un invito alla lettura. Come potete vedere nell’immagine sopra un mio articolo è stato pubblicato sulla rivista dell’Associazione Aikikai d’Italia.

Trattandosi di una rivista dedicata innanzitutto ai praticanti di Aikido, non sorprenderà sapere che il tema dell’articolo è anche il punto di contatto tra SdG e il mondo delle arti marziali. L’articolo è infatti una lezione di etimologia per spiegare da dove venga il kanji “dō” (道) della parola Aikidō, comune anche a tante altre arti marziali, dal Juudō al Taekwondo.

Chi volesse leggere l’articolo originale deve solo cliccare qui!

Horror Kanji (2): 道 la strada… verso l’inferno!

+++
Attenzione! L’articolo è stato praticamente riscritto rispetto alla sua prima stesura, per cui anche se lo avete già letto vi consiglio di rileggerlo in questa nuova, recentissima versione!

Un angolo di Giappone a Milano (e non solo)

È dai tempi dell’Expo, probabilmente, che Milano si sente orfana del Giappone. Per fortuna però ora ci sono due splendide iniziative (in pochi giorni) che riportano a Milano un angolo di Giappone per la gioia di tutti gli appassionati di Giappone e di Giapponese che si trovano nei dintorni.

La prima è Kanpai Milano, aperitivi in Giapponese e Italiano a Milano. Un’occasione da non perdere per chi volesse fare conversazione in giapponese o semplicemente con dei giapponesi.

Continua a leggere

Video – Viaggiare a cavallo tra Realtà e Realtà Virtuale

Viaggi in realtà virtuale? Le opinioni in rete sono contrastanti: grande opportunità o immensa tristezza? A voi la parola definitiva. E a voi decidere se questa sia una stranezza giapponese, una strana pubblicità, un video turistico, un articolo di tecnologia… o che so io. Quel che è importante è che vediate il video, anche questa volta tradotto (tranquilli, carissimi) e diciate la vostra… Buona visione!

Continua a leggere

Strane pubblicità (progresso?) giapponesi – Elezioni a Tokyo

È notizia di oggi (nel momento in cui scrivo però^^) l’elezione della prima donna sindaco di Tokyo nella storia del Giappone (forza Hillary, ora tocca a te, non lasciarci in mano a quel pazzo).

Queste elezioni però passeranno alla storia anche per un altro motivo: finalmente qualcosa si è mosso sul fronte della scarsa partecipazione (per usare un eufemismo, perché sennò dovremmo parlare di totale apatia) de giapponesi alla vita politica.

Il governo ha preparato un video per portare i 18enni al voto, protagonisti(?) le due starlette, fidanzatini, Peko e Ryuucheru, ultimamente alla ribalta tra i giovani grazie al sapiente uso del kawaii e del gender bendering che i due sono in grado di portare avanti.

Il fatto è che il video risulta… uhm… di “portata storica”, a prescindere dalla presenza dei due… Allora, curiosi?

Continua a leggere

Video privato di una idol utilizzato in uno spot

Un video con protagonista una idol ed il suo ragazzo, un video evidentemente privato, è stato utilizzato per creare uno spot commerciale… Che sia stato fatto davvero senza il suo consenso? A voi la decisione… Ma cominciate col godervi lo spot! (*´艸`*)

Attenzione però, è decisamente vietato ai deboli di cuore! 😉

Per una spiegazione di questa strana pubblicità, invece, continuate a leggere…

Continua a leggere

Il terremoto di Kumamoto del 28° anno dell’era Heisei

Il recente terremoto che ha colpito in particolare la prefettura di Kumamoto, nel Kyuushuu, è stato appena battezzato come 平成28年熊本地震 heisei nijuuhachi nen kumamoto jishin, il terremoto di Kumamoto del 28esimo anno dell’era Heisei. È triste a dir poco che il Giappone debba aggiungere l’anno al nome dei terremoti e non basti loro dire qualcosa tipo “il terremoto di Messina”, come possiamo fare noi per indicare un terremoto di cento anni fa.

Ad ogni modo, ho deciso di riportare la notizia perché in questi giorni ho notato una colpevole velocità nel trattare quest’ultimo terremoto in Giappone sui media… come a dire “No, va be’, ma se non è di un grado 9, con un paio di fusioni nucleari, non supera la notizia precedente e quindi sorvoliamo”.

Non c’è stato incidente nucleare, né tsunami, ma il terremoto di Kumamoto è stato un disastro terribile, di enormi proporzioni, come vedrete voi stessi dalle immagini. Il numero di vittime è fortunatamente molto basso, grazie alla grande preparazione dei giapponesi, da cui tutto il mondo dovrebbe imparare, ma i danni ad abitazioni, strade, ferrovie ed al patrimonio culturale (e naturale) sono stati sconcertanti e, come scritto nell’ultima immagine a fine articolo, così ingenti da lasciare senza parole.

Continua a leggere

Happy Fukushima

Oggi sono cinque anni esatti dal disastro. Così vi propongo la versione di Happy (Pharrell Williams) girata a Fukushima (che tra parentesi significa “isola di felicità”) su iniziativa di un’azienda locale di social media. La “campagna” non ha riguardato solo Fukushima, anzi, ma ha avuto un grosso successo nella zona interessata dal terremoto e dal disastro nucleare dell’11 Marzo 2011 (che, ricordiamolo, non è avvenuto a Fukushima, ma ad Okuma). Che sia disinformazione, incoscienza, una campagna turistica o autentico desiderio di rivalsa, se qualcuno lo pensa, e pare sia così, ha il sacrosanto diritto di dirlo.

Ma Fukushima è sicura?

Continua a leggere

News – Un ignaro italiano arrestato in Giappone

Notizia freschissima. Prima della traduzione, però, il testo giapponese per chi volesse esercitarsi.

和歌山県を走るJR紀勢線の電車内で座席に座っていた女性客の額にキスをしたとして、警察は、イタリア人の無職、ビンチェンゾ・ディマイオ容疑者を現行犯 逮捕しました。御坊市内で若い女性が外国人にわいせつな行為をされる事件が相次いだため、4日にJR御坊駅で容疑者を見つけた警察が尾行していたところ、 犯行に及んだということです。ディマイオ容疑者は「キスをしたことは間違いありません。日本の法律に触れるとは思わなかった」などと供述しています。

In breve. In Giappone l’italiano Vincenzo Di Maio, disoccupato, è stato pedinato dalla polizia (erano già stati denunciati episodi simili) e quindi colto sul fatto quando ha baciato sulla fronte una ragazza seduta in treno. L’italiano ha ammesso le sue colpe, dichiarando nel contempo “Non immaginavo che fosse reato per la legge Giapponese”.

Prima di continuare datemi un secondo per eseguire un facepalm…

Continua a leggere

Tutti i pokemon potranno volare

L’ANA, una delle due compagnie di bandiera giapponesi (insieme alla famosa JAL), per l’estate 2014, così come succede da qualche anno in qua, farà un piccolo restyling all’immagine dei suoi aerei. Per la precisione quest’estate gli aerei dell’ANA saranno ricoperti di pokemon (non tutti, non credo).

Pokemon e ANA (7)Dunque, abbandonata la strada della precedente pubblicità che ridicolizzava gli stranieri (video), così tanto per gradire, la nuova campagna appare molto più gradevole, perfino per chi, come me, non è un fan, non è brutto vedere aerei così colorati… e distoglie l’attenzione dal fatto di essere in trappola a 10 Km di altezza senza poter scappare se qualcosa va storto!!! WAAAAHH!!! ヽ(´Д`ヽ)(/´Д`)/イヤァ~

Continua a leggere