Non sai se e come imparare una lingua?

non-sai-se-imparare-una-lingua

Qualcuno che evidentemente vorrebbe studiare arabo… o forse voleva disegnare i propri capelli?

Vi siete mai detti “Voglio imparare il Giapponese!” (o un’altra lingua, ma se siete qui probabilmente pensate al giapponese, no?). Se sì, il vostro successivo pensiero probabilmente è stato “Ok, ma come?! Da dove inizio?”. Conosco quello stato d’animo e tantissimi utenti mi hanno fatto questa stessa domanda e tante altre simili, per cui ho deciso di creare una “guida” per aiutare chi ha deciso di imparare il giapponese e non sa come muoversi (attenzione perché molti consigli valgono a prescindere dalla lingua con cui vi state per misurare).

Imparare una lingua, lo sappiamo tutti, non è impresa facile. Se si tratta di una lingua di un paese così lontano che a volte pare un mondo a  parte, basata su un sistema di scrittura molto più complesso del nostro alfabeto, be’, è inevitabile, le cose si complicano ulteriormente. È ovvio quindi che ci sia una certa dose di ansia in chiunque tenti quest’impresa. Non importa se la voglia di imparare c’è sempre, intatta, magari da anni: quando si tratta di riprendere in mano i libri o poco dopo, per un motivo o per l’altro, una o mille ansie ci bloccano.

Cerchiamo allora di dissipare queste ansie dando una risposta chiara alle domande più comuni (tutte domande che mi sono state realmente poste qui sul sito, per email o dai miei studenti). Tra queste ci saranno domande come: Vale la pena imparare una lingua? Perché studiare giapponese? E se non ce la faccio? Ho bisogno del libro giusto! Devo vedere dei risultati: voglio parlare al più presto! Kana? Kanji? Da dove inizio? …eccetera eccetera.

A queste si aggiungeranno sicuramente altre domande, ma vi invito fin d’ora a scrivere nei commenti i vostri personali dubbi e i problemi che vi bloccano nel vostro studio: vi risponderò sicuramente ampliando questo post o in un articolo successivo. Vi invito inoltre a condividere ovunque possibile questo articolo, perché anche altri possano proporre i propri dubbi e problemi. Collaborando così riusciremo a creare una serie di articoli che sia davvero utile al maggior numero possibile di (fantastiche) persone che, come voi, mirano a imparare cose nuove, a crescere, a migliorarsi sempre.

Continua a leggere

SHISHAMO – Natsu no koibito

shishamo-natsu-no-koibito

A dir poco adatto a questo fine estate, l’ultimo video del gruppo SHISHAMO, natsu no koibito (un amore estivo), ci mostra due aspetti del Giappone assai poco pubblicizzati, anzi, davvero trascurati.

Il primo è il mare, che spesso, ad essere onesti, non merita (anche se ci sono devi veri paradisi tropicali nelle piccole isole del Sud, come Okinawa). Il secondo aspetto, invece, è la bella campagna giapponese… che non è la campagna toscana, certo, ma è anch’essa ricca di fascino, con i suoi colori, i suoi ritmi, la sua poesia. Fatta di piccolissimi borghi che sembrano sempre sull’orlo dello spopolamento, spesso viene vista come “immobile” ma in realtà è anche ricca di energie, come abbiamo visto negli articoli sulla Tanbo Art e su Yanagawa.

Vorrei dire che è proprio per farvi conoscere la campagna giapponese che posto questo video, ma il vero scopo è meno nobile, quasi egoista: semplicemente adoro il pezzo nel finale, cantato a cappella ^^;;

Continua a leggere

Lo sapevate? – Il sistema scolastico in Giappone

lo-sapevate-il-sistema-scolastico-giapponese-influenze-straniere-jukensei-s

In Giappone il sistema scolastico è uno strano mix di influenze straniere. Un po’ come la cucina giapponese: che ci crediate o no, tenpura, tonkatsu, curry rice… perfino il sushi, sono tutti piatti d’origine straniera (so che suonerà strano, ma di tenpura ho parlato nell’articolo ramen in stile svedese).

Ma torniamo al tema di oggi, la scuola; un tema quantomai appropriato visto che siamo in settembre e milioni di studenti sono appena tornati a sedersi ai loro banchi, o stanno per farlo.

La scuola pubblica in Giappone è stata istituita all’inizio dell’epoca Meiji (che inizia nel 1870). Inaspettatamente i giapponesi, famosi per essere un popolo alquanto “docile”, non presero bene la riforma e protestarono dando alle fiamme molti degli edifici scolastici appena costruiti, perché la scuola, per usare un’espressione comune, toglieva braccia all’agricoltura.

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 05 – Il verbo essere

pillole di giapponese 5

Eccoci con una nuova lezione del corso Pillole di Giapponese: la lingua giapponese a piccole dosi! (⌒▽⌒) Oggi vedremo il verbo essere, ma soprattutto inizieremo a capire l’enorme importanza che il contesto (sia il contesto della frase che il contesto sociale) assume in giapponese.

Il verbo essere in giapponese è davvero una strana creatura: ci sono perfino studiosi che sottolineano come un vero verbo essere in giapponese non esiste nemmeno! I più curiosi, e chi magari sa già qualcosina di giapponese, possono leggere l’articolo I misteri dell’essere …tutti gli altri, mi seguano! (XD)

Continua a leggere

N5 in sintesi – L’idea di “mentre” resa con ~ながら -nagara

N5 in sintesi l'idea di mentre resa con nagara stranezze giapponesi

Oggi, come da titolo, lezione di JLPT… ma anche “stranezza giapponese”, come vedete nell’immagine qui sopra, che recita: “Poter usare il portatile da sdraiati (/mentre si è sdraiati)”.

Uno dei possibili modi per dire “mentre” in giapponese, infatti, è usare nagara. Le limitazioni al suo uso però sono molto importanti e decisive, quindi fate molta attenzione quando lo usate.

Continua a leggere

Strane pubblicità giapponesi – Samurai droni, gatti, idol, mosse pazzesche ecc.

strane pubblicita giapponesi nissin ramen katana samurai liceale

Eccoci qua con un’altra strana pubblicità giapponese, un’altra di quelle pubblicità in cui troviamo concentrato tutto il Giappone in pochi secondi, tutte quelle cose che ci fanno dire “Wow!”, “Che carina!”, “Io amo il Giappone!”, “Ma che caz**?!?” …e a volte ci lasciano semplicemente senza parole. Stavolta la liceale impugna una katana, non un fioretto, ma non è tutto qui… Oooh no, proprio non è tutto qui.

Ah, già, dimenticavo… ovviamente si tratta di una pubblicità di ramen istantaneo, ma immagino che non ci fossero dubbi su questo.

Continua a leggere

Pillole di Giapponese 03 – Le caratteristiche della lingua

pillole di giapponese 3

Di nuovo benvenuti al mini-corso di Studiare (da) Giapponese, Pillole di Giapponese: il giapponese a piccole dosi😉

Prendendo la nostra prima pillola (di giapponese) abbiamo visto che un testo, o anche solo una frase, può contenere, insieme, kanji, hiragana e katakana. Riprendiamo la frase d’esempio in questione per vedere alcune altre importanti caratteristiche del giapponese.

Continua a leggere