Come scrivere (al meglio) in Giapponese

google ime comic1

Come scrivere, al meglio, in Giapponese significa due cose: Input Method Editor, aka IME, e font giapponesi. Innanzitutto però un avvertimento: il post di oggi sarà molto, molto utile, specie per chi ha iniziato a seguirmi solo di recente.

1. Come scrivere in Giapponese

Per poter inserire caratteri giapponesi in qualunque “campo di testo” (cioè non solo in un programma di scrittura, ma anche nelle caselle di ricerca o nei nomi dei file) avete bisogno di uno specifico programmino chiamato Input Method Editor, o, per gli amici, IME. La buona vecchia Microsoft ne inserisce uno in Windows che potete all’occorrenza installare… ma non vi conviene, vi dirò. Per usare l’IME di Microsoft dovete installare un’altra lingua, cosa che non è necessaria (a meno che vogliate visualizzare windows interamente o parzialmente in giapponese… sì, potete farlo in Windows 8 e 10).

Potete avere un IME a disposizione grazie a Google. Esiste infatti Google Japanese IME (esiste anche una versione personalizzabile creata da Baidu …e se foste interessati c’è anche Google Chinese IME), che vi permette di avere un IME in pochi click… non solo, si tratta di un programma indubbiamente migliore e più divertente di quello di Microsoft (basti dare un’occhiata alle spiegazioni fornite da google).

Continua a leggere

Installare i fonts, usarli… e problemi connessi

Dei font per caratteri giapponesi abbiamo parlato altre volte, sia di dove scaricarli (una ridotta selezione si trova qui, tra i post per Anki) sia di come installarli.

Inoltre abbiamo difatti già parlato di come selezionare un dato font per la visualizzazione dei kanji all’interno del browser, nello scorso post.
Dove parlavamo di dimensione, come potete vedere dall’immagine, potete impostare anche il carattere. Se volete potete anche obbligare il sito a usare il vostro font (ma l’impostazione vale sempre, quindi io preferisco evitare): per farlo vi basta togliere il segno di spunta vicino alla scritta “Permetti…” nell’immagine citata.

Insomma, perlopiù l’argomento è già stato trattato, ma mi preme affrontare un discorso venuto fuori parlando dei font usati per Anki. Continua a leggere

Visualizzare i caratteri giapponesi in TUTTI i programmi

Oooops!

Siamo certamente a buon punto, ma non tutto è risolto.

Alcuni programmi, come Blocco note, Winrar ecc., ancora non visualizzano correttamente i kanji e i kana. A differenza del vostro browser questi sono “programmi non-Unicode“.

Dovreste ricordare come arrivare alle Opzioni internazionali e della lingua (dal pannello di controllo), se non lo ricordate bene tornate all’indice e guardate il post al punto 1.

Continua a leggere

I caratteri giapponesi su qualsiasi sito: la codifica dei caratteri

Punto primo, usate Firefox.

Poiché vedrete che vi sarà di assoluta utilità una particolare estensione per Firefox (che vi spiegherò più avanti come installare e usare), Firefox vi sarà comunque necessario nel vostro studio del giapponese, quindi tanto vale installarlo subito …e perciò le istruzioni che darò sono quelle valide per questo browser (programma per navigare in internet) del tutto gratuito e decisamente apprezzabile.

Continua a leggere

I caratteri giapponesi nel browser e vari altri programmi

Se la 3ª riga nell’immagine corrisponde a i caratteri め へ ね て せ, saltate questo post.

Come forse sapete esistono diversi sistemi operativi. Purtroppo non posso aiutare chi ha un Mac (e chi ha Linux non ha bisogno del mio aiuto probabilmente), quindi cerchiamo di concentrarci su Windows (ma se qualcuno sa e vuole condividere, commenti pure!).
Chi ha un vecchio Windows, come Windows 98 o Windows Me, può guardare qui o qui.

Chi ha un Windows più recente, Windows Vista o Windows 7, non ha bisogno di questo primo passo di cui ci occupiamo oggi! Ma lo stesso non si può dire di chi ha Windows XP (o sistemi “quasi-contemporanei” 2000, 2003, NT…).

Continua a leggere

Visualizzare i caratteri giapponesi

Visualizzare i kanji e i kana (farli “leggere” al PC), in breve “i caratteri giapponesi”, ma anche “visualizzarli al meglio”, decidendo cioè come devono apparire sullo schermo, è un problema che prima o poi devono affrontare tutti quelli che si avvicinano a questa lingua… anche solo perché sono, per esempio, appassionati di J-Pop e non per forza alle prese con lo studio (verrà loro la voglia/curiosità di stampare dei kanji, fare un karaoke… no?).

Il problema si divide in più parti, ma le due fondamentali sono visualizzarli e scriverli.
Continua a leggere