Kanji del 1° anno (80字)

Salta ad un kanji in questa pagina:
111213141516171
Sbagliato anno? Vai ai kanji del 1° anno2° anno3° anno4° anno5° anno6° anno

Quelli che seguono sono gli 80 kanji imparati al primo anno delle elementari.
A fine pagina trovate delle note di consultazione (abbreviazioni ecc.).
I link di ciascun kanji conducono a pagine del sito in inglese Yamasa, con esempi di calligrafia e diverso font del kanji (scrittura a mano e col pennello).
I link sulle letture ON e kun rimandano a wikipedia, ma potete trovare una breve lezioncina sull’argomento in questo articolo scritto da me. Se poi foste interessati, per esempio, alla storia dei kanji o altro, potete andare all’indice, sezione kanji o usare la tag.
Ingrandite i kanji con lo zoom! Premendo Ctrl usate + e – (con Ctrl+0 torna normale)
Commentate per favore, per farmi sapere che ve ne pare, se avete consigli per migliorare il tutto, richieste particolari, ecc. …e poi 2136 kanji sono TANTI: voglio sapere se qualcuno mi segue o no… onegai, wakatte hoshii… (per favore, cercate di capirmi^^)

Kanji Letture On Letture Kun Significati Esempi ufficiali Note ufficiali
1 BUN, MON, (MO)* fumi scrittura, letteratura, carattere, lettera 文学、文化、作文、
文字、経文、天文学、
恋文
「文字」は、「モジ」・「モンジ」とも。
2 CHIKU take bambù 竹林、竹馬の友、爆竹、
竹、竹やぶ、さお竹
竹刀(しない)
3 CHOU machi paese, città (non una metropoli!) 町会、市町村、
町、町外れ
⇔ 街(まち)
4 CHUU mushi insetto 虫類、幼虫、害虫、
虫、毛虫
5 CHUU, JUU naka, [uchi]* dentro, nel mezzo; (suff) durante, nel bel mezzo di…; (suff) lungo, attraverso… 中央、中毒、胸中、
○○中、
中、中庭、真ん中
⇔ 仲(なか)
6 DAI, TAI oo.kii, oo.ki+na*, oo.i+ni, oo- grande 大小、大胆、拡大、
大衆、大した、大して、
大型、大通り、大水、
大きい、大きさ、大きな、大いに
大人(おとな)/大和(やまと)/大きな
7 DAN, (NAN) otoko maschio 男子、男女、男性、
長男、美男、善男善女、
男、男らしい
8 DEN ta campo di riso 田地、水田、油田、
田、田植え
田舎(いなか)
9 DO, TO tsuchi suolo, terra 土木、国土、粘土、
土地、
土、赤土
土産(みやげ)
10 EN maru, maru.i Yen; cerchio, circolare 円卓、円熟、一円、
円い、円さ、円み
⇔ 丸い(まるい)
11 GAKU mana.bu studiare; educazione 学習、科学、大学、
学ぶ
12 GATSU, GETSU tsuki mese; luna 月曜、明月、歳月、
正月、九月、
月、月見、三日月
五月(さつき)/五月雨(さみだれ)
13 GO itsu.tsu, itsu-, [i] cinque 五穀、五色、五目飯、
五日、五つ
五月(さつき)/五月雨(さみだれ)
14 GYOKU tama sfera, palla; pietra preziosa, gioiello; moneta; uovo 玉座、玉石、宝玉、
玉、目玉
⇔ 球、弾(たま)
15 HACHI ya, yat.tsu, you- otto 八月、八方、
八重桜、八つ当たり、八つ、
八日
八百屋(やおや)/八百長(やおちょう)
16 HAKU, [BYAKU] shiro.i, shiro, (shira-) bianco, (chiaro); candido (innocente); confessione 白髪、紅白、明白、
黒白、
白、白い、白黒、真っ白、
白壁、白む、白ける
白髪(しらが/はくはつ)
17 HON moto libro; origine; classif. per oggetti lunghi o cilindrici 本、本質、本来、資本、
本、旗本
⇔ 下、元、基(もと)
18 HYAKU cento 百貨店、百科全書、数百 八百屋(やおや)/八百長(やおちょう)
19 ICHI, ITSU hito.tsu, hito- [hi]* uno 一度、一座、第一、一般、
同一、統一、
一息、一筋、一月目、
一つ
一日(ついたち)/一人(ひとり)
20 JI mimi orecchio 耳鼻科、中耳炎、
耳、早耳
21 JI [aza] carattere (lettera, segno grafico) 字、字画、文字、活字、
字、大字
22 JIN, NIN hito, (-ri)*, (-to)* persona 人道、人員、成人、
人間、人情、人形、
人、人手、旅人
玄人(くろうと)/素人(しろうと)/仲人(なこうど)/若人(わこうど)/大人(おとな)/一人(ひとり)/二人(ふたり)
23 JO, NYO, (NYOU) onna, (me) donna, femmina 女子、女流、少女、
女人、天女、善男善女、
女房、
女、女心、女らしい、
女神、女々しい
海女(あま)/乙女(おとめ)
24 JOU, SHOU ue, (uwa), a.garu/geru, nobo.ru; [+++ kami, nobo.su, nobo.seru] alto; (parte) superiore; alzarsi; finire; dare; salire; (expr.) Xの上に, X no ue ni, sopra (a)/su (di) X 上旬、上昇、地上、
上人、身上を潰す、
上、身の上、
上着、上積み、
上、川上、
上げる、売り上げ、上がる、上がり、
上る、上り、上せる、上す
上手(じょうず)/「身上」は、「シンショウ」と「シンジョウ」とで、意味が違う。/⇔ 揚げる、挙げる/⇔ 揚がる、挙がる/⇔ 昇る、登る
25 JUU, JI+ too, [to] dieci 十字架、十文字、
十回、
十、十日、
十色、十重
十重二十重(とえはたえ)/二十・二十歳(はたち)/二十日(はつか)/「ジュッ」とも。
26 KA hana fiore 花弁、花壇、落花、
花、花火、草花
⇔ 華(はな)。「花弁」は「はなびら」とも書くが、普段は「花びら」と。
27 KA hi, [ho] fuoco 火災、灯火、発火、
火、火花、炭火、
火影
⇔ 灯
28 KA, GE shita, (moto), sa.garu/geru, o.riru; [+++ kuda.ru/su, kuda.saru, o.rosu, shimo] basso; inferiore; abbassarsi/e 下流、下降、落下、
下水、下車、上下、
下、下見、
下、川下、
下、足下、
下げる、下がる、
下る、下り、下す、下さる、
下ろす、書き下ろす、下りる
下手(へた)/⇔ 元、本、基/⇔ 提げる/⇔ 卸す、降ろす/⇔ 降りる
29 KEN inu cane 犬歯、愛犬、野犬、
犬、犬小屋
*野良犬(のらいぬ)
30 KEN mi.ru, mi.eru, mi.seru vedere, esser visibile, mostrare; opinione 見学、見地、意見、
見る、下見、見える、見せる、顔見せ
⇔ 診る
31 KI, KE, [KU]* spirito, aria; sfumatura/aria/ impressione di… (fig.) 気体、気候、元気、
気配、気色ばむ、火の気
意気地(いくじ)/浮気(うわき)
32 KIN, (KON) kane, (kana-) denaro; oro, dorato; metallo 金属、金銭、純金、
金色、金剛力、黄金、
金、金持ち、針金、
金物、金具、金縛り
33 KOU scuola 校閲、将校、学校
34 KOU, (KU) kuchi bocca 口述、人口、開口、
口調、口伝、異口同音、
口、口絵、出口
35 KUU sora, kara, a.ku/keru, (muna.shii)* cielo, aria; vuoto; aprirsi/e (lasciando un vuoto); vano 空想、空港、上空、
空、空色、青空、
空く、空き巣、空ける、
空、空手、空手形
⇔ 開く、明く
⇔ 開ける、明ける
36 KYUU yasu.mu/meru riposarsi/far riposare 休止、休憩、定休、
休む、休み、休まる、休める、気休め
37 KYUU, KU kokono.tsu, kokono-, [ko] nove 九百、三拝九拝、
九分九厘、九月、
九日、九重、九つ
38 MEI, MYOU na nome; fama 名誉、氏名、有名、
名字、本名、大名、
名、名前
仮名(かな)/名残(なごり)
39 MOKU, (BOKU) me, [ma] occhio; classificatore per numeri ordinali (p.e. ichi-jikan-me) 目的、目前、項目、
面目、
目、目立つ、結び目、
目の当たり、目深
「面目」は、「メンモク」とも。/真面目(まじめ)
40 MOKU, (BOKU) ki, [ko] albero 木石、大木、土木、
木造、樹木、材木、
木、並木、拍子木、
木立、木陰
木綿(もめん)
41 NEN toshi anno 年代、少年、豊年、
年、年子、年寄り
今年(ことし)
42 NI futa.tsu, futa-, [fu] due 二番目、二分、十二月、
二重まぶた、二つ
十重二十重(とえはたえ)/二十・二十歳(はたち)/二十日(はつか)/二人(ふたり)/二日(ふつか)/⇔ 双
43 NICHI, (NI-)*, JITSU hi, -ka giorno; sole 日時、日光、毎日、
連日、平日、休日、
日、日帰り、月曜日、
三日、十日
明日(あす)/昨日(きのう)/今日(きょう)/一日(ついたち)/二十日(はつか)/日和(ひより)/二日(ふつか)
44 NYUU hai.ru, i.ru/reru entrare, far entrare, inserire, metter dentro 入学、侵入、収入、
寝入る、大入り、気に入る、
入れる、入れ物、
入る
⇔ 要る(はいる)
45 ON, (IN) oto, [ne] suono, rumore 音楽、発音、騒音、
福音、母音、
音、物音、
音、音色
「観音」は、「カンノン」。
46 OU, [-NOU] re 王子、帝王 「親王」、「勤王」などは、「シンノウ」、「キンノウ」。
47 RIN hayashi boscaglia 林業、林立、山林、
林、松林
48 RITSU, (RYUU) ta.tsu/teru stare in piedi; ergersi/erigere 立案、起立、独立、
建立、
立つ、立場、夕立、
立てる、立て札
立ち退く(たちのく)/⇔ 建つ/⇔ 建てる
49 ROKU mut.tsu, mui-, [mu] sei 六月、六法、丈六、
六つ、
六日、
六月目、六つ切り
50 RYOKU, (RIKI) chikara forza, potere, potenza 権力、努力、能力、
力量、力作、馬力、
力、力仕事、底力
「自力(じりき)」は、「じりょく」とも。
51 SA hidari sinistra 左右、左翼、左遷、
左、左利き
52 SAN yama monte 山脈、高山、登山、
山、山登り、山手線
山車(だし)/築山(つきやま)/山手線(やまのてせん)は、正式的ではないが、「やまてせん」とも。
53 SAN mi, mit.tsu, mi+ tre 三角、三流、再三、
三つ指、三日月

三つ、三日(みっか)
三味線(しゃみせん)。「三日」は、「みっか」・「サンニチ」で、場合によって意味が異なる。
54 SEI, [SHOU] ao.i, ao blu; verde, acerbo, inesperto 青天、青銅、青年、
緑青、紺青、群青、
青、青ざめる、青い、青さ
真っ青(まっさお)
55 SEI, SHOU i.kiru, u.mareru/mu, nama; [+++ i.kasu, i.keru, ki, ha.eru, ha.yasu, o.u] vita, vivere; venire alla luce/dare alla luce; a crudo 生活、発生、先生、
生滅、一生、誕生、
生きる、長生き、生かす、生ける、生け捕り、
生まれる、生まれ、生む、
生い立ち、生い茂る、
生える、芽生える、生やす、
生糸、生地、生一本、
生の野菜、生水、生々しい
芝生(しばふ)/弥生(やよい)/⇔ 産まれる/⇔ 産む
56 SEI, SHOU tada.shii, tada.su, (masa+ni) giusto, corretto, correggere; precisamente 正義、正誤、訂正、
正直、正面、正月、
正しい、正しさ、正す、
正に、正夢
57 SEKI,
[SHAKU],
[KOKU]
ishi pietra 石材、岩石、宝石、
磁石、
石高、千石船、
石、小石
58 SEKI, [SHAKU] aka.i, aka, [aka.ramu/rameru] rosso, arrossire, far arrossire; neonato (aka.n.bou, aka-chan) 赤道、赤貧、発赤、
赤銅、
赤、赤字、赤ん坊、赤い、赤らむ、赤らめる
真っ赤(まっか)
59 SEN chi mille 千円、千人力、千差万別、
千草、千々に
60 SEN kawa fiume 川柳、河川、
川、川岸、小川
川原(かわら)/⇔ 河。
「小川」は、「おがわ」と。
61 SEN saki, [ma.zu]* precedente, scorso; prima (nel tempo); più avanti (luogo) 先方、先生、率先、
先、先立つ
62 SHA kuruma auto; carrozza (del treno o con cavalli); veicolo con le ruote 車輪、車庫、電車、
車、歯車
山車(だし)
63 SHI yo, yon, yot.tsu, yo+ quattro 四角、四季、四十七士、
四人、四月目、
四つ角、
四日(よっか)、四つ、
四回、四階
64 SHI ito filo 綿糸、蚕糸、製糸、
糸、糸目、毛糸
65 SHI, (JI), SU, [TSU] ko bambino, (ragazza/o);piccolo…(pref.); parte, oggetto; aspetto.
(Cfr. vocaboli: kodomo; koinu; genshi; isu, shouji; yousu.)
子孫、女子、帽子、
金子、扇子、様子、
子、親子、年子
迷子(まいご)/息子(むすこ)
66 SHICHI nana, nana.tsu, nano-, [na] sette 七五三、七福神、
七月目、七つ、
七日
七夕(たなばた)/「七日」は、「なぬか」とも。
67 SHIN mori foresta 森林、森閑、森厳、
68 SHOU chii.sai, chii.sa+na, ko-, (o-), [sa-] piccolo 小心、大小、縮小、
小さい、小さな、
小型、小鳥、小切手、
小川、小暗い
小豆(あずき)/ 小さな | 小さだ
69 SHU te, (ta) mano 手腕、挙手、選手、
手、手柄、素手、
手綱、手繰る
上手(じょうず)/下手(へた)/手伝(てつだ)う
70 SHUTSU,
[SUI]
de.ru, da.su uscire; tirar fuori 出入、出現、提出、
出納(すいのう)、
出る、出窓、遠出、
出す
71 SOKU ashi, ta.riru, ta.su piede; gamba; esser sufficiente (cfr. anche ta.ru); aggiungere 足跡、遠足、補足、
足、足音、素足、
足りる、舌足らず、足す
足袋(たび)/⇔ 脚
72 SON mura villaggio 村長、村落、農村、
村、村里、村芝居
73 SOU, SA+ haya.i, (haya.ku), haya.maru/meru veloce; presto (“sul presto” e “in fretta”); affrettarsi/far fretta 早朝、早晩、早々に、
早速、早急、
早い、早口、素早い、早まる、早める
早乙女(さおとめ)/早苗(さなえ)/⇔ 速い/⇔ 速まる/⇔ 速める
74 SOU kusa erba 草案、雑草、牧草、
草、草花、語り草
草履(ぞうり)
75 SUI mizu acqua fredda 水分、水陸、海水、
水、水色、水浴び
清水(しみず)
76 TEN [ame], (ama)
paradiso; cielo 天地、天然、雨天、天、
天の川、天下り
「天」は、「あめ」、「テン」とも。
77 U ame, (-same)*, ama- pioggia 雨量、降雨、梅雨、
雨、大雨、
雨雲、雨戸、雨具
五月雨(さみだれ)/時雨(しぐれ)/梅雨(つゆ)/「春雨」、「小雨」、「霧雨」などは、「はるさめ」、「こさめ」、「きりさめ」。
78 U, (YUU) migi destra 右岸、右折、右派、
左右、座右、
右、右手
79 [SEKI] yuu sera 今夕、一朝一夕、
夕方、夕日、夕べ
七夕(たなばた)
80 kai conchiglia; (denaro se radicale) 貝、貝細工、ほら貝

Salta ad un kanji in questa pagina:
111213141516171
Sbagliato anno? Vai ai kanji del 1° anno2° anno3° anno4° anno5° anno6° anno

NOTE:
Esempi/simboli → significato
♠ shiro.i → prima del punto ho la pronuncia del kanji, il resto è in kana
♦ a.ku/keru e aprirsi/e → corrispondono a aku/akeru, cioè aprirsi/aprire (rispettivamente)
♠ chii.sa+na → +na, indica la possibilità di creare un aggettivo in -na (vd. prossimo)
♦ masa+ni → +ni, idem per gli avverbi in -ni (la pron. può essere a sé: masayume)
♠ ama- → pronuncia che è solo prefisso/compare solo a inizio parola
♦ -ri → pronuncia che è solo suffisso/compare solo a fine parola
mit.tsu = みっつ (scritto 三つ) → la pronuncia del kanji termina in “tsu piccolo” (っ)
♦ mi+ → come il precedente (ma l’okurigana non è specificato)
♠ (nan) → pronuncia che si trova in poche parole ma abbastanza comuni
♦ [BAI] → pronuncia di secondaria importanza che potete anche non ricordare
♠ +++ → se vi sembra che il kanji abbia TROPPE pronunce, trascurate quelle con +++
♦ * → pronuncia irregolare/non ufficiale, p.e. (-ri)* che è bene sapere (se non ha le […])
♠ # → kanji per cui ho trascurato delle pronunce di scarsa importanza
♦ !! → il kanji possiede una pronuncia irregolare (identificabile o no)
♠ ! → il kanji compare in un composto importante in cui un altro kanji ha pron. irregolare
♦ ° → semplice rimando che lega un significato a una pronuncia (ma non viceversa)
♠ ¹,² → rimandi che legano strettamente significato e pronuncia

A proposito degli ultimi punti…
Una pronuncia irregolare identificabile implica, in genere, che l’altro (o gli altri) kanji nel composto abbiano pronuncia regolare. P.e. 手 possiede pronuncia irregolare identificabile in “jouzu“, mentre la pronuncia dei kanji in 今日 kyou (oggi), non è chiaramente identificabile per nessuno dei due. Le pronunce irregolari sono molte proprio perché si tratta di kanji di base, andando avanti diminuiranno (e in generale avremo anche meno pronunce regolari).
Ho pubblicato una lista dei composti con pronuncia irregolare di (almeno) un kanji che è bene sapere (116 secondo il ministero dell’istruzione). Prima o poi la amplierò. Ho usato dei riferimenti nella lista per chiarire cosa va imparato prima e cosa dopo (non è detto che una parola con pronuncia irregolare che contiene un kanji del primo anno vada imparata subito. P.e. 弥生 , Yayoi, contiene 生 , ma non serve certo impararlo subito).
Dove dico di “controllare” altre pronunce, mi riferisco ad usare un programma (gratuito) come tagaini jisho o zkanji.
Per lo studio vi consiglio l’uso di un programma SRS come Anki che vi permette di creare “mazzi di carte”, flashcard, “virtuali” e studiarle con la giusta, studiata tempistica per ricordarle al meglio (il programma decide quando riproporvi vecchie carte e quando proporvene di nuove. Non siete nemmeno obbligati a crearvi un mazzo: potete scaricare quelli creati da me, con Anki o da questa pagina.
In tagaini jisho è integrato un programma simile (un po’ meno evoluto… non potete scaricarvi alcun mazzo già pronto, ma vale la pena dargli un’occhiata).

238 pensieri su “Kanji del 1° anno (80字)

    • La mia esperienza è del tutto opposta. Ho studiato giapponese e vissuto in Giappone, lo parlo fluentemente ogni giorno con mia moglie… e poi mi sono avvicinato anche al cinese, perché amo molto i kanji …e devo dire che il cinese è decisamente più difficile. Tutti i miei amici cinesi E giapponesi dei tempi in cui vivevo in Giappone concordano con me… il cinese è più problematico.

      Mi piace

    • Questo pure, proprio no, dai.
      Gli hanzi semplificati del cinese mandarino sono simili, ma appunto semplificati, non identici… Già kanji si scrive 汉字 e non 漢字. Per di più in vari casi cambia il significato… a volte leggermente, a volte sostanzialmente.
      Gli hanzi tradizionali poi sono spesso più complessi di quelli giapponesi… per quanto simili, basta sempre vedere la forma tradizionale di 漢 leggermente diversa da quella classica.

      Mi piace

  1. Come dire che è meglio imparare una lingua per la sua facilità e non perché piace
    Io devo dire che per la prima volta ho trovato una lingua che non solo mi piace ma è anche complicata, difficile, strana fino alla follia in alcuni casi e infine quasi completamente inutile qui in Italia, ma stranamente mi sto impegnando ogni giorno da tre mesi e le cose che capisco sono si e no il 10% di quello che leggo, e lo dico dopo aver tentato con ben quattro lingue che assolutamente non apprezzo (per opinione personale)
    Poi … de gustibus
    La cosiddetta facilità di una lingua è solo oggettiva, è il piacere che è soggettivo
    Fate prima a studiarvi una lingua che vi piace, nonostante tutto il resto
    Concludo augurando buona serata a tutti =)

    Mi piace

  2. Parlo fluentemente inglese, francese, tedesco (studiati alle superiori), cinese (all’università in Italia e ho vissuto e studiato in Cina) e posso dire di avere un’infarinatura di giapponese e di coreano (sempre università italiana). Per esperienza qualsiasi lingua è bella quando si vive, si pratica e si studia con piacere. Sono queste 3 variabili a mio parere che la rendono facile o difficile. Personalmente la più difficile tra le lingue che ho cercato di imparare è il coreano ma per il semplice fatto che quando l’ho studiata, l’ho fatto più per dovere che per piacere.

    Liked by 1 persona

  3. Grazie mille❤️ Mi piace molto il tuo blog e poi era da un casino di tempo che cercavo tutti i kanji (anche se sono un casino lo so) io ho incominciato solo l’anno scorso ma tutto questo mi eccita tanto solo a pensarci💕💕 non vedo l’ora di conoscerlo

    Liked by 1 persona

  4. Studiare i Kanji è bello ed affascinante, anche se complesso. Ció che peró andrebbe detto a chi vuole intraprendere questa strada è che non si tratta soltanto di imparare i kanji, bensì di apprendere le combinazioni di due o più kanji che formano i veri e propri vocaboli da utilizzare per la lettura e scrittura. I bimbi del primo anno studiano 80 kanji istituzionalmente, è vero, ma studiano anche come utilizzare quegli 80 kanji in combinazione con i kana e con altri kanji. E questo vale ovviamente per tutti i livelli e la complessità cresce a livello esponenziale passando agli anni successivi. Non è per scoraggiare, bensì per rendere consapevoli: si dice che un adulto di buona cultura di livello universitario e post universitario conosce circa 3000 kanji o più. Non è soltanto questo. In realtà conosce tutte le combinazioni tra kanji (decine di migliaia) che gli consentono di leggere o scrivere. Se non si studiano le combinazioni di kanji, i 3000 kanji in sè non servono quasi a nulla poichè da soli costituiscono ben poche parole. Infatti solo dall’uso combinato dei kanji (con le molteplici pronunce che vi sono per ogni kanji) nascono le frasi. Quindi non basta imparare 80 kanji per pensare di essere al livello di un bimbo di prima elementare. Bisogna utilizzare quegli 80 kanji in molti composti esistenti nella lingua giapponese. A quel punto di potrà dire di aver raggiunto la fine del primo livello. Anche perchè 80 singoli kanji si apprendono in un mese.

    Mi piace

    • Ciao Carletto! ^__^

      Non so se pensi che abbia “tenuto nascosta” la verità di cui parli. Semplicemente io sono un sostenitore dello studio dei kanji in aggiunta allo studio dei vocaboli (c’è chi sostiene basti studiare vocaboli). Nel sito è presente ovviamente anche materiale per studiare vocaboli e nei miei prossimi progetti sui kanji è prevista una maggiore integrazione con lo studio dei vocaboli (se mi segui, vedrai).

      Sempre in giro per il sito ho detto sì “sarete da meno di un bambino delle elementari? coraggio!”, ma per il semplice motivo che so che c’è chi si scoraggia davanti ai kana, anzi davanti a 5-10 kanji, non davanti a 80 …o 3000.

      Ricordare come dici tu, che “studiare il kanji in sé è un ausilio allo studio dei vocaboli, non un traguardo in sé e per sé” o che “i vocaboli che compaiono nell’N1 sono scelti in un “bacino” di 18 mila vocaboli…”, be’, ti assicuro , e ti giuro, che la gente si scoraggerebbe. Non c’è bisogno di fare gli spartani, si può accompagnare nello studio… tanto alla fine tutto si impara senza davvero accorgersene, poco alla volta, se si studia ogni giorno con costanza.

      Ps conviene parlare più di composti (jukugo) che non “combinazioni di kanji”. Le combinazioni di kanji sarebbero un numero infinitamente più grande e la maggior parte non sarebbero parole vere.

      Mi piace

  5. Dopo aver studiato un po’ di grammatica mi accingo a iniziare i kanji … sono emozionatissima, perché fino a pochissimo tempo fa il giapponese non era altro che strani disegnini che “chissà cosa c’è scritto lì?” invece ora ho imparato qualche parolina e riconosco qualche kanji🙂
    però…dilemma: come li studio? cerco di spiegarmi meglio: qui sono in ordine alfabetico di lettura On, mentre l’app Ja Sensei me li propone per ordine crescente di numero di tratti (partendo quindi da 一) sempre divisi per anno soclastico, un’altra app, scopiazzata da Anki credo, me li ordina per livello del JLPT facendomi iniziare da 国 dell’N5.
    Un’altra cosa: ha senso imparare un lunghissimo elenco di simboli con relative pronunce On e Kun e significato in italiano e poi non sapere come usarli e quale pronuncia scegliere? In pratica mi chiedevo se potesse avere senso imparare i kanji con relativo significato senza scervellarmi a ricordare tutte le pronunce, che imparerei in un secondo momento, magari quando inizierò a formare veri e propri composti e frasette di senso compiuto appena saprò qualche verbo.
    Spero si capisca

    Mi piace

    • Ottima domanda. Faccio un articolo perché capita spesso mi chiedano cose del genere e tu hai riassunto i dubbi di molte persone. In particolare mi concentrerò sui vari ordini però (spoiler: uno vale l’altro), mentre tu chiedi soprattutto se ha senso imparare i kanji. Per quello leggi la parte relativa ai kanji nell’articolo “posso evitare di imparare xxxxx?” che trovi nella sezione FAQ in barra.
      Anche l’idea di imparare separatamente le pronunce l’ho affrontata in un articolo su Heisig (stessa sezione FAQ). Citerò l’idea è darò la mia opinione su cosa sia meglio fare a seconda della situazione (p.e. affrontare il jlpt non è come uno spensierato studio da autodidatta).
      Spero per ora ti basti perché non ho idea di quando uscirà, magari ora magari tra una settimana o un mese… Se così fosse scusa, ma sappi che ci sarà un motivo valido se va così.

      Mi piace

      • Grazie per la risposta!
        Ho riletto la mia domanda e in effetti non si capiva bene: non volevo dire che penso che non abbia senso imparare i kanji, anzi! Più che altro si tratta di trovare un modo sensato di impararli, ecco…
        Mentre aspetto l’articolo intanto ne imparo qualche altro, che male non fa😛

        Mi piace

    • Ho letto gli altri commenti, per cui sono un po’ scettico anch’io. Non penso sia impossibile, ma una cosa è la memorizzazione permessa da un SRS (ci sono molti programmi come quel kanatrainer di cui parli e si chiamano “srs”), una cosa diversa è saper veramente i kana… che implica saperli leggere velocemente e scrivere
      Prova a trascrivere una frase giapponese da roomaji a kana e vedi se sei abbastanza veloce, se no ti serve ancora esercizio prima di passare ad altro.
      Te ne fornisco una d’esempio, prova a esercitarti e giudica tu se sei veramente a posto con lo studio dei kana. Se sì, complimenti ^__^
      ore no toukou wo teisei shiyou to suru nante, zuibun namaiki na yatsu da naa. maa, ii sa, yurushite ageru kedo.

      Mi piace

      • Su questo si , sono lento a scrivere ovviamente , intendevo imparati che li so riconoscere senza troppo sforzo , scusa se non ho precisato la mia definizione di imarato . Comunque si continuo sempre a esercitarmi spero di impararli perfettamente ecco , scusate ancora se mi spiego male , e che sono un pò un tipo strano😄 non so come definirmi ….

        Mi piace

  6. Gli hiragana, fra sillabe pure, impure, semipure e contratte sono 106, e i katakana 109, quindi hai imparato 217 simboli in 6 ore a una media di 1 ogni 100 secondi. Dunque per imparare i 2000 kanji di base impiegherai solo 200000 secondi, cioè 55 ore. Studia 8 ore al giorno e fra una settimana sei a posto, non hai bisogno di aiuto.
    (scusa Riccardo, non ho resistito)😉

    Mi piace

    • con il kanatrainer 2.00 ci sono riuscito , è facile grazie a quel programma si ho imparato anche i kya kyu kyo etc e tutte le forme dakuten e handakuten ( il cerchietto e le ude virgolette vicine ai kana , solo che il cerchietto ce la solo l’H quindi mi ha semplificato tutto >.<).

      Mi piace

      • Ma non sono un genio e che a forza di vedere sempre i soliti segni , alla fine dopo tre ore che vedi hiragana li riconosci , e poi usavo sto programma kanatrainer che ti dice dove sbagli , provalo sta su internet è gratis e non c’è nulla da pagare . Per i Kanji invece e dura alcuni sono molto complessi e non mi pare esista un kanji trainer purtroppo , tanto ti vogliono sempre spillare i soldi , se vuoi imparare bene qualcosa hhihi

        Mi piace

      • Non lo nego. Io per arrivare a 250 kanji ci ho messo 2 anni quindi è più bravo di me.
        Magari dopo il giapponese (facile) potrebbe passare a qualche altra lingua più ostica….. (visto che “il cerchietto ce la solo l’H”).
        Ok scusa. Oggi mi sono svegliato storto.
        ooommmmm…. respira… oooommmmmm
        Quello che volevo dire è che lo studio di una lingua non dovrebbe essere un atto di forza bruta, altrimenti si fa come quelli che cronometrano il tempo di salita e dicono di amare la montagna.
        Imparare i kana in 6 ore non è difficile, una memoria mediamente allenata sopporta bene certi sforzi. Il problema è che usi solo la memoria a breve termine, e per le lingue serve quella a lungo termine che si consolida solo con la paziente ripetizione dei concetti (magari applicando anche metodi di psicologia cognitiva, vedi Anki). Se continui a questi ritmi, cioè diciamo che ti ingurgiti 20-30 kanji al giorno, i casi sono due: o sei un genio (e come detto non posso negarlo) oppure col cavolo che fra un mese ti ricordi tutto. Per forza dovrai poi consolidare i dati acquisiti esercitandoti per mesi a richiamare e fissare ciò che hai buttato lì alla rinfusa fra i neuroni. Ergo: tanto vale tenere ritmi più umani, che puoi sostenere per molto tempo.
        Dico male kaze?

        Mi piace

        • Si hai perfettamente ragione , per ora sono tre settimane da quando li studiai e continuo comunque sempre a fare qualche pratica sugli hiragana e katakana ovviamente , eh che ho sempre amato alla follia il giappone per via degli anime e manga , trovando per caso tra youtube e altri siti , lezioni di giapponese gratuite , mi sono fiondato come un pazzo >.< , ma ribadisco , per me è importante riuscire a imparare il giapponese , magari è stato anche quella spinta ad aiutarmi a imprimermeli bene in testa , il giapponese è difficile come lingua infatti non so ancora scrivere frasi sensate e spero qui di riuscire a migliorare , a fatica so dire io sono in giapponese Ç_Ç

          Mi piace

  7. ciao avrei due domande e possono sembrare delle domande elementari ma proprio non riesco a venirne fuori i kanji hanno due letture ovviamente on e kun ma tipo nero si pronuncia kuro ma ha una pronuncia o più di una in on e a volte anche più di una lettura in kun quello che non riesco a capire è per tutti i kanji serve sapere entrambi i metodi di lettura? e quando i kanji presentano più di una lettura in kun o on quale devo memorizzare? scusate la confusione della domanda e grazie mille in anticipo

    Mi piace

    • Sì, vanno saputi i due metodi. Sul numero di pronunce, guarda quelle che trovi qui sul sito nella sezione kanji (divisi per anno scolastico). Le liste che trovi su internet sono generate automaticamente e spesso inaffidabili.
      Per ogni altro dubbio ti rimando alle FAQ e in particolare all’articolo
      https://studiaregiapponese.com/2015/02/25/domande-frequenti-posso-evitare-di-studiare-xxxxxx/
      Il punto 3 parla proprio di on e kun; anche il punto 4 potrebbe interessarti.

      Ciao!

      Mi piace

      • Ho cercato qualcosa del genere tempo fa ma non ho trovato niente di valido.
        Per questo invece mi sono fidato di te e l’ho preso a scatola chiusa.
        Gravissimo che non sia tradotto in italiano….. proponiti tu come traduttore!!!🙂

        Mi piace

        • C’è pochissimo materiale anche in inglese purtroppo, specie aggiornato.
          L’etimologia ha visto una specie di rinascimento prima del 2000 con nuovi scavi e scoperte in Cina che hanno sconfessato i testi cinesi più antichi come “fantasiosi” a tratti… E quindi tutti i lavori su essi basati. Finora solo testi cinesi e, in parte, giapponesi (più conservatori e affezionati alle opere del compianto Shirakawa) hanno presentato le nuove teorie… Questo testo promette di presentarle tutte. Speriamo.

          Comunque, visto lo scarso interesse dell’editoria anglofona, la vedo dura per un testo in italiano, anche se sarebbe bello e mi ci tufferei al volo ^^;;;

          Mi piace

  8. Riccardo, una domanda. Le pronunce dei kanji le sto imparando tutte e ricordando quale è la On e quale la Kun (forse ci sto riuscendo perché per ora ho fatto solo i kanji del primo anno), però mi chiedevo, quanto è importante sapere qual è la lettura On e quale la Kun? Ad esempio, se chiedessi a un giapponese, saprebbe distinguermi per ogni kanji le due letture? Forse sì, perché appunto la On ricorda i suoni del cinese e io che non parlo nessuna delle due lingue non me ne accorgo?

    Mi piace

    • È importante se vuoi provare a indovinare la pronuncia di una parola che non conosci dai kanji… Però non è un grosso problema.
      Le pronunce lunghe, e/o con okurigana sono kun, quelle molto brevi (una sola sillaba), che finiscono in enne, ecc. sono on.
      Ovvio, non vale sempre… Ad esempio “se” è la pronuncia kun di un kanji e la pronuncia on di un altro, però di solito funziona.
      Il mio consiglio è di studiare prima le kun e poi le on o viceversa, in modo che l’ordine ti aiuti quando le richiami alla mente (es. JIN, NIN – pausa – hito). Usa anche maiuscolo e minuscolo così: si fissa meglio in testa.

      Mi piace

      • Grazie! Sì sto facendo così, come sono proposte nel tuo articolo, prima le On in maiuscolo e poi le Kun in minuscolo. Devo dire che per ora sta funzionando.
        Un’altra cosa (non so se va bene qui, ci provo): sto cercando un libro o sito web che siano fatti proprio bene bene, dove trovare le etimologie dei kanji, quelle vere, non storielle per cercare di ricordare come sono fatti e memorizzarli. Hai qualcosa da consigliarmi? Anche in inglese o spagnolo andrebbe bene.

        Mi piace

        • Sei fortunata perché è appena uscito, dopo mesi e mesi di ritardo… (e forse qualche giorno ancora ritarderà per i lunghi tempi di consegna) quello che forse è l’unico testo davvero buono e aggiornato (stando a quel che se ne dice)… Ovviamente in inglese perché ci sono zero possibilità di avere testi così in italiano e il materiale davvero buono e ricco si trova solo in cinese e giapponese.
          Sì tratta di
          The Complete Guide to Japanese Kanji: Remembering and Understanding the 2,136 Standard Characters

          Buona lettura! ^__^

          Mi piace

        • Grazie ancora! Prendo il libro al più presto😀 Hehe, mi sa che per me per poter leggere materiale del genere direttamente in giapponese se ne parlerà fra una decina d’anni -.-‘
          (tra l’altro scusa per il doppio nome utente, ma non capisco perché wordpress a volte mi fa accedere come Kagura e altre come kagura85)

          Mi piace

        • Perfetto
          (Può dipendere dai vari posti in cui ti sei iscritta… P.e. su wordpress, registrandoti alla community di Sdg, su gravatar, ecc.
          Se scegli uno stesso nome su gravatar, in wordpress sotto impostazioni generali e sotto utenti – profilo, dovresti avere la certezza di usare sempre lo stesso nome🙂 )

          Mi piace

  9. ciao Riccardo ho un altra domanda oltre ai kanji presenti qui ho scaricato anki come hai consigliato alla fine dei vari anni dei kanji e uso i mazzi creati da te (ora uso solo il mazzo del 1°anno) ma ho ancora difficoltà a memorizzare le pronunce i simboli li riconosco bene o male ma quando lo vedo non mi ricordo come si pronuncia o se lo vedo scritto in hiragana o katakana non riesco a ricollegarlo al kanji sarà che dovrò fare ancora tanta pratica comunque la mia domanda è: oltre ad anki è un pò che uso un app obenkyo non so se la conosci e ha sezioni di studio e quiz di hiragana, katakana, kanji(suddiviso nei vari livelli jlpt da 5 a 1 ), numeri e vocabolario e poi ha sezioni per la grammatica le particelle tutto più o meno ed è inglese-giapponese secondo te è valida come app o mi può creare più confusione? grazie mille in anticipo

    Mi piace

    • In breve, NON usarla per i kanji, usa le liste e i mazzi che trovi qui, perché le pronunce e i significati sono verificate da una persona, me, e non da una macchina. Stesso discorso per i vocaboli.

      Se vuoi usarla per la grammatica, il contenuto è quello del sito di Tae Kim, per cui ti consiglio l’app Learning Japanese.

      Pensavo di fare un post per parlare di Obenkyo (non sei il primo a fare questa domanda), immagino settimana prossima, mercoledì o giovedì… ma non farò altro che spiegare perché sconsiglio la maggior parte delle app e dei programmi come obenkyo (non sono parte di una crociata antitecnologica, è solo che la maggior parte dei programmi usano uno stesso database con dei problemi sostanziali).
      Quindi alla fin fine, se ti fidi, non ti serve aspettare l’articolo.

      Mi piace

  10. Ciao riccardo, volevo chiederti un’altra cosa sto cercando di scrivere delle frasi per riuscire ad abbinare i kanji e leggerli correttamente tra le due letture on e kun, questa frase: この文を英訳せよ。non sono sicuro su come si legge non ho usato google traduttore perchè non mi fido della traduzione (per traduzione intendo la lettura in romaji), io l’ho tradotta [konofumiwoeiakuseyo] ho usato la lettura kun nella prima parte この文を ma nella seconda 英訳 ho usato la lettura on, va bene come ho fatto o andava completamente in on? [konobunwoeiakuseyo] grazie mille in anticipo.

    Mi piace

    • La seconda, diciamo… Sì scrive così
      Kono bun wo eiyaku seyo (non eiaku)
      Bun è “frase”, con la lettura fumi significa lettera (postale), quindi dipende anche dal contesto.
      Seyo è imperativo un po’ aulico/letterario di suru, quindi equivale a “shiro” (attenzione, con l’accento sulla “o”, se l’accento è sulla ” i” significa bianco)

      Mi piace

      • Ok grazie mille dell’aiuto, un’altra cosa sui siti che consigli tu in tutte le carte anki mi apre i siti con delle frasi che contengono quel determinato kanji con la traduzione sotto, ma nella frase ci sono kanji che fra il mazzo che studio ora (quello del 1°anno) non ci sono prima di usare quei siti devo studiare più mazzi o vanno bene comunque? chiedo perchè essendo che nel tuo mazzo non ci sono non vorrei andare fuori strada e fare confusione già per me è difficile imparare se poi sbaglio qualcosa addio non ci riesco più😄

        Mi piace

        • Puoi ignorare i vocaboli presenti in ogni carta, studia il kanji e basta o scegli uno o due parole semplici se vuoi.
          I vocaboli devono solo darti un’idea dell’uso possibile di quel kanji, non vanno saputi per forza perché contengono anche vocaboli kanji di livello più difficile

          Mi piace

  11. Ciao, avrei qualche dubbio, il kanji di sera (夕) assomiglia molto al “ta” del katakana , mi pare di aver notato solo che il trattino in alto a sinistra sporge leggermente di più nel kanji.
    Vale lo stesso discorso per i kanji 口 二 力 sembrano tutti katakana, come si fa a non confondersi?
    p.s.: complimenti per il sito mi sta aiutando molto e mi ha fatto venire voglia di mettermi a studiare constantemente e tirare fuori i libri presi qualche mese fa e poi abbandonati in un cassetto^^

    Mi piace

    • Non si confondono perché non devi guardare solo al simbolo, ma alle parole nel complesso.
      Il katakana カ “ka” comparirà circondato da altro katakana, non da solo, né con altri kanji… mentre il kanji di “forza” compare in 力持ち

      Le differenze che vedi ci sono a livello di font (es.: cfr. カ-力), ma non si notano a livello di scrittura a mano… è quel che ho appena detto che alla fin fine ti permette di capire al volo che si tratta di un kanji e non di un kana.

      p.s. ci sono anche hiragana e katakana di “he”, identici al millimitro in molti font: へヘ

      Mi piace

  12. Ciao, chiedo solo una cosa: ma i kanji che si studiano durante il primo anno di scuola in Giappone sono più o meno gli stessi di quelli del JLPT N5? L’ordine scolastico e’ simile a quello del JLPT?

    Mi piace

この記事へのコメントをどうぞ! (´-﹏-`;)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...