N5 in sintesi – Le forme in -tari di verbi (e aggettivi)

Le forme in -tari

Lo studio dei verbi italiani può essere molto noioso (tutti quei tempi e modi!), ma con il giapponese è diverso, molto diverso: ci sono forme, come la forma in -tari, a dir poco particolari, se non addirittura “bizzarre” …ai nostri occhi di occidentali.

Ma bando alle ciance e andiamo a scoprire il fascino di questa curiosa forma verbale e come in realtà sia davvero poco conosciuta anche da chi studia giapponese e ha già fatto il JLPT.

Continua a leggere

N5 in sintesi – L’idea di “mentre” resa con ~ながら -nagara

N5 in sintesi l'idea di mentre resa con nagara stranezze giapponesi

Oggi, come da titolo, lezione di JLPT… ma anche “stranezza giapponese”, come vedete nell’immagine qui sopra, che recita: “Poter usare il portatile da sdraiati (/mentre si è sdraiati)”.

Uno dei possibili modi per dire “mentre” in giapponese, infatti, è usare nagara. Le limitazioni al suo uso però sono molto importanti e decisive, quindi fate molta attenzione quando lo usate.

Continua a leggere

N5 in sintesi – La congiunzione “e” per unire due nomi

La congiunzione e le particelle to e ya

La congiunzione “e” come la intendiamo nella maggior parte delle lingue occidentali non esiste in giapponese. Non c’è infatti una “parolina” breve breve come “e”, “and”, “et”, “y”, “und” ecc. che permette di unire parole o frasi allo stesso modo.

Elencare due o più elementi in giapponese richiede innanzitutto di distinguere. Voglio mettere una “e” tra due nomi o tra due frasi? Perché se di nomi si tratta, bene, basta usare “to”, a volte, e a volte “ya” (ora ci arriviamo), ma se si tratta di frasi il discorso cambia del tutto e bisogna dimenticarsi della “e”: serve una forma verbale apposita per creare una frase coordinata, la forma in -te di cui abbiamo già parlato (es. “bevo e mangio”, nomu to taberu, nonde taberu).

Oggi ci occuperemo dunque del caso in cui si vuole unire due nomi, che, come vedremo, non è poi così semplice come dire “io e Maria”, “mare e montagna” o “questo gatto è bianco e nero”.

Vedremo cosa succede se si crea un semplice elenco di due o più nomi (es.: pizza, birra e patatine), oppure si uniscono dei nomi che poi sono anche soggetto, oggetto o complemento della frase (es.: pizza, birra e patatine sono buoni, ma ingrassano). Vedremo la differenza tra le particelle che è possibile usare in questi elenchi e anche i casi particolari del tipo “X è A e B” (es.: mio madre è medico e insegnante).

Siete pronti?

Le particelle と TO e や YA

Continua a leggere

N5 in sintesi – Le particelle da usare con la forma in -tai

Tranquilli, la prossima immagine spiegherà molto meglio quando usare ga o wo con le forme in -tai

Abbiamo già affrontato la volontà espressa con la forma in -tai.  Non abbiamo però parlato di un aspetto e cioè la giusta particella da usare quando il verbo è alla forma in -tai. Sì, perché i testi di solito dicono che quando un verbo viene messo alla forma in -tai il complemento oggetto si ritrova ad avere が ga al posto di を wo …peccato che le cose non stiano così! (¯―¯٥) (´-_-`;)

C’è una diversa sfumatura nell’uso di una o dell’altra particella. Inoltre ci sono situazioni in cui non è possibile usare sia l’una che l’altra anche a costo di cambiare leggermente il senso della frase.

Continua a leggere

N5 in sintesi – La forma in ~たい -tai

La volontà espressa con ~たい -tai

“Volontà” è un termine abbastanza generico. In fondo il presente, usato come futuro (sia in giapponese che in italiano), esprime la nostra volontà (es. Domani vado in banca). La forma in “… tsumori desu”, esprime intenzione …e quindi la nostra volontà di fare qualcosa. La forma in -mashou idem. Se poi invece di dire “volontà” parliamo di “desiderio” (in fondo la volontà di fare qualcosa e il desiderio di fare qualcosa non sono concetti così diversi), allora possiamo coinvolgere anche le frasi con hoshii, viste l’ultima volta.

Per praticità, anche se per certi versi sono concetti lontani, si studiano spesso in sequenza quest’ultima forma e la forma in -tai. Il motivo è semplice: si possono “sintetizzare” così…

  • Quando desidero una cosa uso hoshii
  • Quando desidero fare qualcosa uso la forma in -tai (base in -masu + -tai)

Detta così è semplicissima (ma non è tanto più complicata). Scendiamo nei dettagli…

Continua a leggere

N5 in sintesi – Il desiderio espresso con ほしい hoshii

hoshii e tai per la terza persona b

“Voglio XXX” usa l’aggettivo ほしい hoshii

Quando vogliamo qualcosa (non quando vogliamo fare un’azione, di quello parleremo la prossima volta), ci ritroviamo ad usare l’aggettivo ほしい hoshii (in kanji sarebbe 欲しい, ma agli inizi e per lungo tempo lo ritroverete solo in hiragana).

Perché un aggettivo? Perché in giapponese non usiamo un verbo come “volere”, ad esempio “io voglio un gelato” (= “io desidero un gelato”). Usiamo invece l’aggettivo in -i “hoshii” per descrivere il gelato come qualcosa di desiderabile.

Continua a leggere

N5 in sintesi – Le frasi in ので node

arimasen node kara

“Youmuin-san wa yuusha jaarimasen node.”
(Dato che) gli inservienti non sono degli eroi (non aspettatevi gesti eroici).

Prima di affrontare questo argomento leggete Le frasi in から kara, o andatelo a ripassare.

Le frasi con kara e node sono più complesse di quel che sembra, proprio per questo di norma viene detto solo “node è una forma più cortese di kara”, sempre che si degnino di dirlo. Questa frase è però una grossolana approssimazione della vera differenza tra i due (ci sono più livelli di approssimazione …e molta confusione sul tema). Per oggi ci limiteremo molto nella nostra trattazione, pensando più che altro all’esame, ma in un articolo a parte vedremo anche di far luce su alcuni punti di solito ignorati o fraintesi riguardo alla differenza tra i due.

Continua a leggere

N5 in sintesi – Più, il più, -issimo e così via

ichiban comparativi, superlativi

Comparativi e superlativi

Oggi vediamo come dire in giapponese “X è più…”, “X è il più…” e “X è …issimo” (= X è molto…). Le ultime due espressioni sono dette “superlativi” (es. “il più grande” è superlativo relativo, mentre “grandissimo” è superlativo assoluto). La prima espressione invece è un comparativo di maggioranza. Ci sono anche comparativi di uguaglianza e minoranza, ma non sono nel JLPT N5 e quindi non ce ne occuperemo.

Se vi danno problemi (o volete solo saperne di più) le espressioni とても totemo, あまり amari, もっと motto, より yori, のほうが no hou ga, の中で no naka de

Continua a leggere