Vocaboli – Penso quindi sono

penso quindi sono vocaboli giappoense pensare omou kangaeru 01

Una domanda che si sente spesso tra gli studenti di giapponese è “Per rendere il verbo “pensare”, cosa uso? Omou? Oppure kangaeru?”. È una buona domanda, per cui oggi cercheremo di dare una risposta.

Innanzitutto, di ciascuna parola guardiamo il kanji e la sua origine, perché spesso i kanji ci svelano moltissimo riguardo ad una parola, la sfumatura che possiede, e spesso anche quello che è (o dovrebbe essere) il suo corretto uso.

Continue reading Vocaboli – Penso quindi sono

N5 in sintesi – La congiunzione “e” per unire due nomi

La congiunzione e le particelle to e ya

La congiunzione “e” come la intendiamo nella maggior parte delle lingue occidentali non esiste in giapponese. Non c’è infatti una “parolina” breve breve come “e”, “and”, “et”, “y”, “und” ecc. che permette di unire parole o frasi allo stesso modo.

Elencare due o più elementi in giapponese richiede innanzitutto di distinguere. Voglio mettere una “e” tra due nomi o tra due frasi? Perché se di nomi si tratta, bene, basta usare “to”, a volte, e a volte “ya” (ora ci arriviamo), ma se si tratta di frasi il discorso cambia del tutto e bisogna dimenticarsi della “e”: serve una forma verbale apposita per creare una frase coordinata, la forma in -te di cui abbiamo già parlato (es. “bevo e mangio”, nomu to taberu, nonde taberu).

Oggi ci occuperemo dunque del caso in cui si vuole unire due nomi, che, come vedremo, non è poi così semplice come dire “io e Maria”, “mare e montagna” o “questo gatto è bianco e nero”.

Vedremo cosa succede se si crea un semplice elenco di due o più nomi (es.: pizza, birra e patatine), oppure si uniscono dei nomi che poi sono anche soggetto, oggetto o complemento della frase (es.: pizza, birra e patatine sono buoni, ma ingrassano). Vedremo la differenza tra le particelle che è possibile usare in questi elenchi e anche i casi particolari del tipo “X è A e B” (es.: mio madre è medico e insegnante).

Siete pronti?

Le particelle と TO e や YA

Continue reading N5 in sintesi – La congiunzione “e” per unire due nomi

Vocaboli – Non mi ricordo…

Pochi vocaboli sono più fraintesi del caro 覚える oboeru… poverino. Non vi fa pena? No? Solo perché non conoscete la sua storia, se solo sapeste quante ne ha passate… Ma ora sto deragliando (mi pareva più appropriato di “divagando”), quindi torniamo a noi.

Il verbo oboeru è universalmente scambiato per il verbo “ricordare”. Quindi quando qualcuno vuole dire “non mi ricordo” uso il verbo oboeru alla sua forma negativa… e sbaglia. Ma non solo: sbaglia clamorosamente e tragicamente.

L’uso di 覚える oboeru e 思い出す omoidasu

È importantissimo cogliere la differenza tra i due verbi in questione perché tra loro passa una differenza sottile, sì, ma profonda come un crepaccio dell’Himalaya.

Continue reading Vocaboli – Non mi ricordo…