È notizia di oggi (nel momento in cui scrivo però^^) l’elezione della prima donna sindaco di Tokyo nella storia del Giappone (forza Hillary, ora tocca a te, non lasciarci in mano a quel pazzo).

Queste elezioni però passeranno alla storia anche per un altro motivo: finalmente qualcosa si è mosso sul fronte della scarsa partecipazione (per usare un eufemismo, perché sennò dovremmo parlare di totale apatia) de giapponesi alla vita politica.

Il governo ha preparato un video per portare i 18enni al voto, protagonisti(?) le due starlette, fidanzatini, Peko e Ryuucheru, ultimamente alla ribalta tra i giovani grazie al sapiente uso del kawaii e del gender bendering che i due sono in grado di portare avanti.

Il fatto è che il video risulta… uhm… di “portata storica”, a prescindere dalla presenza dei due… Allora, curiosi?

Galleria di facepalm? Galleria di facepalm.

Qualcuno di voi non ha fatto un facepalm? Posso ricordarvi che il video è rivolto principalmente a dei 18enni (o non potrebbero votare)?

Bene, se ora tutti hanno fatto almeno uno o due facepalm possiamo proseguire. Ragazzi, che peso che mi son tolto…

Ad ogni modo, quel che proprio non si capisce è perché abbiano dovuto farlo!

Voglio dire, avete visto l’immagine a inizio articolo con 橋本紅子 Hashimoto Beniko? Si tratta della ragazza che guida il risveglio dei giovani (studenti e elettori) alla testa dei SEALDS (Students Emergency Action for Liberal Democracy)… Ora, a un 18enne giapponese (maschio), cosa serve di più per convincerlo ad andare a votare?

Ok, avete ragione, dovrei giudicare dai contenuti, non dall’aspetto… ma è così carina… ehm, volevo dire… ma una piccolezza del genere si può perdonare, no? In fondo nella politica italiana succede continuamente, ai più alti livelli, dicendo oscenità nemmeno paragonabili… e non è che poi qualcuno si dimette.

Ok, è vero, sembro un politico che cerca scuse risibili… mi scuso, punto e basta.
.
.
.
…però carina è carina, cavolo! (TдT)

5 thoughts on “Strane pubblicità (progresso?) giapponesi – Elezioni a Tokyo

  1. …però carina è carina, cavolo! (TдT)
    …Sei sicuro che tua moglie non sia già rientrata dalla spesa?
    Scherzi a parte, davvero sono messi così per qualsiasi tipo di elezioni(o votazioni) in genere?
    Non saprei dire se è meglio avere dei giovani politicamente impegnati o no, ma mi auguro che perlomeno un’idea su cosa fare al momento in cui dovranno prendere una decisione l’abbiano in mente.

  2. La pubblicità però è simpatica, graficamente intendo :D. Scusami, purtroppo mi manca la base per capire il contenuto del messaggio. Facepalm, nel senso che in questa pubblicità si sta spiegando come si vota, o che c’è qualcosa come un voto?

    1. Pur non capendo il messaggio il punto è che se permetti a qualcuno di votare è perché ha l’età mentale per farlo e quindi non dovresti trattarlo da bambino… O perlomeno, a prescindere da tutto ciò, il voto andrebbe visto come qualcosa di serio e trattato di conseguenza. L’educazione al voto si fa a scuola, formando ragazzi pensanti, capaci di interessarsi, capaci di capire l’importanza del voto… non si fa con i video… sennò poi la gente vota Salvini perché ha la maglietta più divertente, per capirci. Ecco perché il facepalm.

      1. Ok! allora avevo capito giusto, mi aveva dato l’impressione di essere abbastanza infantile come approccio. Marooonna un salvini Giapponese T____T … spero per loro di no…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.