JLPT – Come è andata?

Oggi escono i risultati online del JLPT del dicembre 2012

Per controllarli andate a questo indirizzo e inserite il vostro Examinee Registration Number (quello che inizia con 12B), che trovate anche sul voucher, e la vostra password (decisa da voi e presente sul foglio del modulo che non avete mandato o vi hanno rispedito dall’Istituto di Cultura di Roma).

Attenzione però a una cosa… 

Più del voto contano le singole votazioni, quelle delle varie aree (grammar/vocabulary, reading, listening) perché vi permettono di capire in cosa siete più deboli e dovete migliorare. O almeno è quel che io miro a fare prima di sostenere l’N1 a luglio in Giappone.

Come riferimento vi ricordo i criteri per essere promossi.

La sufficienza per singola sezione è 19/60 (38/120 dove ho due sezioni accorpate nel livello N5 e N4). Dunque se non si è raggiunta la sufficienza (pari a circa un terzo) su una data sezione non si passa comunque, anche se nelle altre sezioni del test si ha il massimo.

Nel complesso invece, sommando tutte le prove, servono questi punteggi per passare:

  • 100 punti si 180 per l’N1,
  • 90 punti su 180 per l’N2,
  • 95 punti su 180 per l’N3,
  • 90 punti su 180 per l’N4 e
  • 80 su 180 per l’N5.

Per quel che mi riguarda personalmente… Vi posto i miei risultati, non perché mi voglia vantare (dal mio punto di vista non ha nemmeno senso farlo), ma perché voglio anche farvi vedere che non siete qui a imparare da un cretino^^;;

Come potete vedere sono nella situazione di cui sopra, con prevedibili risultati (avevo già iniziato a prepararmi per l’N1) in due sezioni e un brutto risultato nelle letture, perché, diciamocelo… non danno abbastanza tempo, accidenti! Sono troppe e ho saltato la penultima… o ho sparato a caso, non ricordo (p.s. chissà se sbagliare da una penalità^^).

risultati test N2 modL’immagine è modificata in vari modi per cercare di evitare che chiunque la trovi
su google possa appropriarsene e usarla come valida certificazione

La domanda, la immaginerete, è: “A voi come è andata?”.

Spero bene, ma se è andata male e volete dirlo, riflettere su quali sono i vostri punti deboli o i punti deboli del test (su cui c’è indubbiamente molto da dire e recriminare), sappiate che tutte le opinioni sono apprezzatissime!

23 pensieri su “JLPT – Come è andata?

  1. NON SONO PASSATO, ma non mi arrendo, è l’occasione per prepararmi meglio e migliorarmi notevolmente, solo che nella sezione grammatica e vocaboli pensavo di aver fatto quasi tutto bene, non mi illudevo di passare perche ho avuto poco tempo e molti argomenti li sto trattando adesso, ma molti vocaboli li conoscevo anzi quasi tutti invece reading sono proprio andato male, pensa ho preso una C, dove non mi aspettavo di andare bene è lestering.
    Non sono proprio deluso, perche voglio riprendere tutto da zero e rifarlo meglio, solo spero di non averti troppo deluso, dopo tutto l’aiuto che mi hai dato.

    Mi piace

    • E’ una tua battaglia personale, non badae a cosa pensano gli altri… se poi vuoi una risposta, no, non sono affatto deluso, anzi. Intanto, perché mi avevi già detto che non ti sembrava d’averlo passato e poi perché so bene che stai imparando solo ora vari argomenti.
      Dicevo, “tutt’altro che deluso” perché hai comunque fatto bene a provare (e posso ammirare, semmai, la tua dedizione), perché così hai avuto modo di vedere com’è il test e quando proverai la prossima volta sarai più sicuro di te, più tranquillo e avrai più possibilità di passarlo al momento della “prova vera e propria”.

      Mi piace

    • Un solo punto di differenza e non passavi, questo sì che è CUL0! …proprio così, tutto maiuscolo.
      Giusto stamattina leggevo di un tizio che non era passato per 1 punto all’N1 (e lì, con tutto lo studio fatto c’è davvero da mangiarsi le mani)!

      Il mio consiglio è, ora festeggia, poi dacci dentro con l’N4 ^___^

      Mi piace

  2. non l’ho passato e sono molto demotivata. Continuo a ripetermi che se non ci avessi provato, ora starei peggio ma ci tenevo ,mi sono impegnata ed ho fallito.
    Non so se ci riproverò. Ora come ora ho un rifiuto tale da impedirmi di pensare al giappone/giapponese in modo sereno. Spero passi.
    T________________________T

    Mi piace

    • C’è un intero anno per riprenderti! Coraggio!
      Se posso darti un suggerimento, più che ai testi, puoi spostare l’attenzione su ciò che ti piace del Giappone e cercare di usarlo per imparare… io a mio tempo traducevo sigle di anime… e avevo fatto solo 5-6 unità del corso hoepli, non l’ho mai finito. Traducevo, grammatica alla mano, facendo qualcosa che mi piaceva… Secondo me lo studio del giapponese deve partire da lì ^__^

      Considera poi che farò uscire un libro guida su ciò che è essenziale per l’N5, nel giro di alcuni mesi… se questo era il tuo livello sono fiducioso che potrà aiutarti parecchio ^__^

      Mi piace

  3. L’ho passato!(N5) e anche meglio di quanto osassi sperare, pensavo proprio di non avercela fatta o al massimo sul filo del rasoio perchè non ero arrivata all’esame preparata quanto avrei voluto, invece è andata bene!(81/120-34/60, tre A…voti al di là dei miei più rosei sogni)
    Con la grammatica sono già un po’ migliorata rispetto a quanto sapevo a dicembre, il vocabolario è da arricchire parecchio, dovrò fare soprattutto molte full immersion di ascolto, ma non sarà certo un sacrificio 🙂 non mi resta che rimboccarmi le maniche per la prossima prova!
    Per quanto riguarda l’esame in sè, era la prima volta che lo sostenevo, da parte mia non ho grandi critiche da fare (a parte il tentativo di tramutarci in tante statuine di ghiaccio mentre attendevamo ansiosamente che aprissero le porte T_T ma questo è più un problema organizzativo).

    Mi piace

    • (ΦωΦ)ふふふ Via alle sessioni d’ascolto allora! Vado giusto a vedermi anch’io un drama appena scaricato che mi sembra molto interessante (Perfect Blue).

      p.s. “statuine di ghiaccio”? Allora eri tu quel blocco di ghiaccio all’entrata! Io ero un blocco di ghiaccio un po’ più a sinistra dell’ingresso… peccato non esserci notati, ma sai come sono i blocchi di ghiaccio… si assomigliano^^

      Come ulteriore problema del test c’è la famosa assenza di speaking.

      Io non ho mai modo di parlare con nessuno e all’esame ho incontrato un prof giapponese dell’università… stupito perché non credeva che potessi passare l’N2 (non lo ha detto, ma si è capito quando ha detto “ma devi fare l’N2?”), d’altronde mi ha solo sentito parlare…
      Ora… tanto di guadagnato per me, ma una lingua che si conosce solo sulla carta o è una lingua morta o non si può dire di conoscerla davvero…

      Mi piace

      • Io sto guardando il drama Kaseifu no Mita 🙂
        di recente ho fatto alcuni esperimenti di visione con i sottotitoli giapponesi ma sono ancora troppo limitata e la cosa diventa penosa e inutile, così ho elaborato una nuova strategia: prima sottotitoli in inglese poi in giapponese o senza sottotitoli del tutto,per concentrami sulla comprensione: mi sembra che così funzioni un po’ meglio ma non riesco a farlo per interi episodi per ora. Perfect blue non l’ho ancora visto ma ce l’ho in lista! 🙂

        AHAHAH! Stavo per dire la prossima volta mi porto una stufetta portatile…ma in realtà più che altro…cibo e acqua…a metà esame stavo morendo! XD sì ecco,a mia discolpa posso dire che normalmente non sono così sprovveduta…

        Per l’assenza di speaking…tempo fa avevo letto che si era proposto di introdurlo per il JLPT; ora…da una parte ritengo che la sua mancanza renda il test fortemente incompleto, dall’altra la sola idea mi mette terrore: nonostante i 33 anni di volenterosi tentativi non sono riuscita a superare la mia timidezza patologica (ancora mi stupisco di aver finito scuola e università XD) – immagino il mio balbettio/scena muta in giapponese TAT
        Comunque se migliorassero il JLPT da questo punto di vista la parte seria di me plaudirebbe all’iniziativa e senz’altro tenterei lo stesso l’esame, con che risultato non saprei XD ma d’altra parte desidero imparare il giapponese allo scopo di parlarlo, non solo di capirlo, quindi devo superare questo blocco in qualche modo!

        Mi piace

        • Io ho deciso di provare con lo “shadowing” per un motivo abbastanza semplice. In Giappone pur avendo chiara la frase in testa al momento di dirla mi impappinavo, incespicavo sulle parole. E’ ovvio se ci pensi! Uno che ascolta e pensa ma non ha occasione di parlare è come qualcuno che è muto dalla nascita. Se per caso riacquistasse la parola non saprebbe parlare correttamente perché non ha, fin da bambino, educato la lingua e i muscoli della bocca a muoversi correttamente… insomma non è solo questione di pronuncia. Se devi dire correttamente “tsukatte kurereba ii-n-da” devi esercitarti una o due volte prima di incespicare su ts-katte e su kuREREba.

          Dunque shadowing… che, come capita spesso con il giapponese, è un bel nome usato solo per fingere di aver inventato un metodo.
          In effetti si deve solo fare quello che abbiamo sempre fatto tutti cercando di cantare una canzone straniera stando dietro alle parole. Si prende un brano audio (parlato… come un videoblog di youtube) e si prova a ripetere a pappagallo quel che viene detto cercando di andare quanto più possibile in contemporanea all’audio originale.

          Mi piace

  4. Passato(N5 sostenuto per la prima volta 81/180 così suddiviso:
    Language Knowledge/ Reading 56/120
    Listening 25/60

    Vocabulary :A Grammar B Reading A

    Lo so ,non ho particolarmente brillato, ma era quello che più o meno mi aspettavo .Nella vita sono sempre stato spietatamente realista ma ciò non toglie che questo traguardo sia da stimolo sufficiente necessario ad applicarmi di più, anche se conciliare lavoro e studio è dura .

    Un complimenti a tutti quello che lo hanno passato
    e un augurio a non mollare a quelli che non sono riusciti

    Mi piace

  5. Ho passato l’N5 (91/180) anche se avevo molti dubbi sull’esito, in particolare ero molto pessimista sul listening che invece è andato molto meglio del previsto!!
    La grammatica invece non è andata molto bene (anche io ho preso una B) per fortuna che almeno per l’N5 il voto per vocabolario-grammatica-lettura è unico, e quindi è più facile compensare i punti deboli.
    Anche se non fosse andata bene sono stata comunque contenta di aver sostenuto la prova,
    era il mio primo tentativo e per di più distante anni-luce dalle mie ultime esperienze come studentessa…!
    Adesso l’importante è non rilassarsi in attesa del prossimo livello, aspettando che Kaze pubblichi l’N4 in sintesi….!!!!

    Mi piace

    • >> Anche se non fosse andata bene sono stata comunque contenta di aver sostenuto la prova

      Come ho detto a qualcuno poco tempo fa, è davvero la cosa più importante. Andando avanti si vede che la quantità di cose richieste per l’N5 è poca, la “montagna” da superare è uno scoglio mentale, rendersi conto che “si può fare” e entrare un po’ nel meccanismo… poi i kanji aumentano, ma ti pesano meno.
      Dunque complimenti per aver scalato la tua montagna ^__^

      Mi piace

  6. Complimenti a tutti quelli che ci hanno provato, ma soprattutto a quelii che ci riproveranno, sono loro ad avere più bisogno del nostro incoraggiamento. Dateci dentro, avete tutto il tempo per farlo!

    Mi piace

  7. Ciao a tutti! Io purtroppo sono talmente stordito da aver perso il registration number… ho la password ma non trovo più il foglio in cui avevo trascritto il registration number!

    Qualcuno sa se si può ricavare in qualche modo?

    Tra l’altro se non ricordo male i numeri erano in sequenza all’interno della stessa stanza.
    Mi chiedevo quindi se qualcuno che ha fatto l’esame N5 a Milano potesse darmi il suo codice e la posizione a spanne nella stanza, così posso provare i codici adiacenti con la mia password. Io ero nella prima aula sulla sinistra entrando nell’edificio ed ero seduto in quinta o sesta fila a sinistra (guardando la lavagna).

    Non so, magari non ha senso quello che dico, ma ho troppa voglia di sapere come è andato l’esame! ^__^

    Mi piace

  8. I primi numeri sono uguali per tutti…
    12B 6040201
    Poi hai il livello, quindi aggiungi 5
    Poi hai il posto. Una fila avrà avuto 5 persone da noi, perché all’N2 ero il numero 11 e stavo in seconda fila a destra. Se ero il primo della seconda fila allora mi sbaglio e c’erano 10 persone per fila.
    La 5a fila quindi avrà i numeri dal 21 al 25… o, se avevate un’aula affollata, dal 41 al 50.
    Molto semplicemente provali tutti. Il numero sarà
    12B 60402015 00XX
    Al posto della XX prova i numeri tra il 20 e il 30 e tra il 40 e il 60-65 per sicurezza… casomai vai ancora a salire.
    Se non sbaglio eravate un centinaio su due aule… quindi se non funziona così puoi prendere queste cifre e aggiungere a tutte 50 (così da controllare, virtualmente, la seconda stanza) e riprovare con lo stesso sistema, con numeri tra 70 e 110 o 120 (bisogna considerare che qualcuno, una decina di persone magari, potrebbe non essersi presentata all’esame).

    Mi piace

  9. Anche io passata! Ho sostenuto l’N5 in Giappone e ho dovuto attendere che la scuola di lingua che frequentavo me lo mandasse in Italia (e ovviamente è stato fermo alla dogana per 3 giorni)…ma anche io… passato! totale: 138/180 grammatica e lettura: 92/120 con tre A e ascolto: 46/60… e ora sotto con l’N4! Yuppi!

    Mi piace

この記事へのコメントをどうぞ! ヾ(。>﹏<。)ノ゙✧*。

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...