Pillole di Giapponese 08 – Presentarsi

pillole-di-giapponese-08

Eccoci ad un’altra lezione del corso Pillole di Giapponese: la lingua giapponese a piccole dosi! (⌒▽⌒)

La volta scorsa abbiamo visto i pronomi e come di solito si cerca di evitarli, oggi vedremo subito un’applicazione pratica di questo fatto con le presentazioni.

Oggi vedremo un esempio di dialogo che si può avere quando due persone si presentano (spesso scambiandosi dei 名刺 meishi, biglietti da visita).

中口:はじめまして。中口です。どうぞよろしくおねがいします。
Nakaguchi: Hajimemashite. Nakaguchi desu. Douzo yoroshiku onegai shimasu.
Nakaguchi: Piacere. Sono Nakaguchi. La prego, mi affido a Lei perché le cose vadano bene (tra noi/perché Lei mi tratti bene).
(libera) Piacere. Sono Nakaguchi.

高本:(はじめまして、)高本です。こちらこそ、どうぞよろしくおねがいします。
Takamoto: (Hajimemashite,) Takamoto desu. Kochira koso, douzo yoroshiku onegai shimasu.
Takamoto: (Piacere,) sono Takamoto. Semmai sono io che devo affidarmi a Lei perché le cose vadano bene.
(libera) Takamoto. Piacere mio.

Molti elementi non sono indispensabili. La prima persona potrebbe “saltare” l’iniziale “hajimemashite” ad esempio; il “douzo” aggiunge un certo grado di cortesia, ma può non esserci. Lo stesso vale per “onegai shimasu”. Allo stesso modo “kochira koso” (semmai sono io che…) non è strettamente necessario. Alla fine della fiera i due potrebbero dire solo i propri cognomi e nulla cambierebbe (certo, suonerebbe molto freddo e “brusco”, ma in anime o film sentirete anche di queste cose).

Attenzione alla pronuncia!

Ricordate che CH e SH si leggono all’inglese (come in “chat”/”champions” e “shampoo”)

  • hajimemash-te (la “i” tra SH e T scompare)
  • Nakaguchi des (la “u” finale scompare)
  • doozo (“ou” si legge “oo” salvo rare eccezioni)
  • yorosh-k(u) onegai shimas (la “i” tra SH e K scompare; la U finale è debole in yoroshik(u) o scompare come in shimasu)

Curiosità – Le presentazioni che trovate di solito nei libri di testo

Il normale modo di presentarsi riportato su molti testi (watashi wa xxx desu) è in realtà del tutto innaturale, salvo rare situazioni. Si agisce così per non mandare in crisi i madrelingua inglesi che hanno bisogno di avere sempre un soggetto nelle loro frasi. Per fortuna però inglese e italiano sono diversi e noi non abbiamo bisogno di questi sotterfugi. ^_^ Tenete dunque presente che presentandosi i giapponesi di norma non usano il soggetto “io” (watashi wa) salvo determinate situazioni in cui si può usarlo senza risultare innaturali, ma non è comunque necessario usarlo.

Lo stesso discorso vale per presentazioni tipo “Il mio nome è Pinco Pallino”, che uno può trovare in un libro dove il protagonista parla di sé e dice qualcosa del genere, ad esempio, ma non troverete al momento di una presentazione di norma. Si trova spesso nei libri perché ricalca il “My name is…” dell’inglese.

Gli articoli di questa rubrica sono raccolti nella pagina Pillole di Giapponese.

3 pensieri su “Pillole di Giapponese 08 – Presentarsi

    • Non usano darsi la mano. Si usa invece l’inchino, più o meno profondo a seconda della formalità e del livello sociale delle persone coinvolte (i.e. il dipendente si inchina più del capo). Questo non vuol dire che non troverai giapponesi pronti a stringere una mano tesa da uno straniero, ma i giapponesi, tra loro, sono restii all’idea del contatto fisico, anche tra amici, perfino tra familiari.

      Mi piace

この記事へのコメントをどうぞ! ヾ(。>﹏<。)ノ゙✧*。

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...