Numeri fortunati

Solo qualche giorno fa abbiamo parlato dei numeri sfortunati per i giapponesi. Il discorso ovviamente non è completo, vi chiederete di certo…

E i numeri più fortunati e “apprezzati”?

Eccoli qui, dunque. Intanto ci sono il 3 e l’8…
Il 3 credo sia propizio per via dei 3 tesori del Buddismo (Budda, i sutra e la vita monacale). Ad ogni modo, ricorre in vari detti e proverbi con un significato di evento positivo, del tipo “la terza volta è quella buona” (sandome no shoujiki). 3 condizioni sono richieste perché un uomo piaccia alle donne, anzi più che condizioni, in originale, sono 3 “altezze” (fisica, di stipendio e di status sociale)…
Mentre un altro molto “interessato” (lo avreste mai detto?) è il caro Confucio, per il quale 3 sono i tipi di amici che è bene avere: onesti, sinceri e… ben informati!. Ah, quasi dimenticavo, c’è anche il nostro “due teste sono meglio di una”, che in giapponese prevede 3 persone, non due… chissà perché, ma 2 non bastano^^
Quanto a proverbi, anche l’8 non scherza.
Difatti li troviamo anche insieme, il 3 e l’8, ad esempio in “momo kuri sannen ka hachinen”, pesche e castagne richiedono 3 o 8 anni… cioè le cose belle accadono, ma serve tempo (se la “giriamo”, diventa “al 3° e 8° anno succedono cose belle”).

Se sul 3 non sono troppo informato, posso però parlarvi dell’8.
L’otto in kanji è scritto 八 (o meglio ハ cioè, come il kana “ha”, la barra orizzontale in alto è parte d’una rappresentazione dovuta al font). Embé, checcefrega? Semplice! Sembra un ventaglio che si apre; si parla di 末広がり “suehirogari” (l’allargarsi, aprirsi, di un’estremità, come fa quella d’un ventaglio). L’origine stessa del kanji, due linee che proseguono dividendosi, allontanandosi una dall’altra, contribuisce all’idea finale di apertura e, peraltro, pluralità* (da cui il significato “molti” che il kanji di 8 a volte ha). “Apertura”, però, è l’opposto di “chiusura” e chiusura significa “fine”, termine… Inoltre pluralità, quindi “in gran numero”, dà un’idea di infinitezza (e quindi l’opposto di “fine”). Dunque, dato che l’opposto di un brutto termine è ovviamente positivo, 8 porta certamente fortuna.
*Se divido in due un pezzo di legno ho due pezzi di legno! Da qui l’idea di pluralità e il significato generico di “molti”, spesso usato in giapponese (“il Giappone ha otto milioni di Kami” significa che i kami, le divinità giapponesi, sono un numero enorme, infinito, non che sono 8 milioni precisi!).

E poi… E poi c’è il 7.
Anche il 7 un tempo portava sfortuna in realtà. Tanto che il detto che indica gli alti e bassi della vita (七転八起 che posso leggere “nana-korobi ya-oki” o, meglio, “shichitenhakki”), parla di cadere 7 volte e rialzarsi 8 volte (7 sfortunato, 8 fortunato …ovviamente gioca un ruolo essenziale il fatto che siano vicini).
Ad ogni modo, molto probabilmente per un’influenza americana la gente se n’è dimenticata e ha cominciato a parlare di “lucky seven” (i.e. il settimo è fortunato)… però questa è un’altra storia.

14 pensieri su “Numeri fortunati

    • juuichi, undici, è composto (è come dire dieci-uno), quindi di certo dà meno problemi… al più se uno avesse da ridire sull’uno E sul dieci… ad esempio se ho il numero 49, sicuramente qualcuno potrà pensare che sia sfortunato…
      Ad ogni modo, no, non ho idea di alcun “problema” con l’11. Anzi, mi viene in mente che 11 sono le facce della dea Kannon, una figura “materna”, dea della misericordia… non penso possa essere negativo^^
      Il 10 è associato all’idea di molto, vario, sufficiente… “dieci parti”, cioè juubun, è una parola che ha proprio questo significato. Per associazione il numero 12, o meglio juunibun, dodici parti, ha il senso di “più che abbastanza”, mentre hakkubu, cioè “8-9 parti” dà un’idea di “quasi”, “non del tutto”. Proprio sull’11, quindi, mi manca una buona info linguistica, ma spero che basti ^__^

      Mi piace

    • Se vedi un errore per favore la prossima volta dillo chiaramente che continuavo a non capire il riferimento! ^__^;;;
      Avevo scritto shichitenbattou perché sul momento avevo in testa un altro detto… 七転八倒 inciampare sette volte e cadere in terra otto volte… che viene inteso come “ritrovarsi in una terribile agonia”… come se una caduta mi procurasse un dolore molto più grande del dovuto, quasi “valesse doppio” (non è necessariamente questo il significato letterale, cerco solo di far combaciare il senso ai kanji per permettere di ricordarlo).

      Mi piace

  1. Ciao, sono Francesca. Intanto complimenti per il sito e per il gran lavoro, davvero. Ho un dubbio sul famoso proverbio “Cadere 7 volte rialzarsi 8”. Ho trovato due modi per scriverlo: 七転び八起き e 七転八起, non capisco bene la differenza, qual è il più corretto? Grazie!

    Mi piace

  2. […] Tuttavia il numero “sei” non si accosta di norma all’idea giapponese di “molti” (in questo caso “molti modi”). È piuttosto il numero “otto” a richiamare un’idea del genere. Non a caso si dice che in Giappone ci sono “otto milioni di divinità” (in realtà si intende semplicemente “infinite divinità” o “una moltitudine di divinità”): il numero otto è da sempre un numero pensato come grande e… fortunato come scritto nell’articolo Numeri fortunati in giapponese. […]

    Mi piace

この記事へのコメントをどうぞ! ヾ(。>﹏<。)ノ゙✧*。

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...