Proverbi – Kaze ga fukeba okeya ga moukaru

KAZE GA FUKEBA OKEYA GA MOUKARU

風が吹けば桶屋が儲かる

kana: かぜ が ふけば おけや が もうかる
Lett.: Se soffia il vento, i negozianti di secchi fanno buoni affari.
Lib.: Il battito d’ali d’una farfalla è in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo… cioè piccoli eventi possono dare vita a conseguenza inaspettate.

La traduzione libera non ha nulla a che fare con quella letterale, come avrete notato. Richiama infatti “l’effetto farfalla”, noto agli studiosi della teoria del caos, nonché agli amanti della fantascienza (si dice sia stato un libro di Bradbury a fornire il nome in questione). Se volete approfondire, lo trovate su wikipedia.

Se invece volete sapere perché quando soffia il vento i venditori di secchi fanno buoni affari, be’, dovete continuare a leggere…

Alcune note.

  • “Se soffia il vento, i negozianti di secchi fanno buoni affari”, ovviamente, messo così, non ha molto senso… e difatti la storia è più complessa. La si tace, per così dire, proprio per sottolineare che non si può mai dire con precisione cosa deriverà da un atto che sembra di poco conto. Attenzione, non c’è solo fatalismo, è anche di sprone a fare attenzione a cose che possono sembrarci piccolezze (uno sguardo male interpretato, una parola dura di troppo…).
    1. 大風で土ぼこりが立つ ookaze de tsuchibokori ga tatsu
      Per il gran vento si alza la polvere
    2. 土ぼこりが目に入って、盲人が増える tsuchibokori ga me ni haitte, moujin ga fueru
      La polvere va negli occhi e quindi aumentano i ciechi
    3. 盲人は三味線を買う moujin wa shamisen wo kau
      I ciechi comprano degli shamisen
    4. 三味線に使う猫皮が必要になり、ネコが殺される
      shamisen ni tsukau nekogawa ga hitsuyou ni nari, neko ga korosareru
      Diventa necessaria la pelle di gatto che si usa per gli shamisen e così
      vengono uccisi dei gatti
    5. ネコが減ればネズミが増える neko ga hereba nezumi ga fueru
      Diminuendo i gatti aumentano i topi
    6. ネズミは桶を囓る nezum wa oke wo kajiru
      I topi rosicchiano i secchi
    7. 桶の需要が増え桶屋が儲かる oke no juyou ga fue okeya ga moukaru
      Aumenta la richiesta di secchi e i negozianti di secchi prosperano
  • Posso immaginare le obiezioni… ciechi, shamisen, gatti… giusto? La cosa è semplice in realtà. Le occupazioni che si ritenevano adatte, o comunque tipiche, per le persone cieche erano due, massaggiatori e suonatori di shamisen, appunto.
    Bene, cosa c’entrano i gatti, poverini? La loro pelle era usata per la cassa di risonanza dello 三味線 shamisen (uno strumento a 三 tre 線 corde simile, nel funzionamento, alla chitarra). Una nota molto curiosa: i gatti dalla cui pelle ricavare le corde dello shamisen erano allevati apposta, perché i gatti randagi si graffiavano tra loro e questo ne rovinava la pelle e quindi il suono dello shamisen.
  • Esistono altre versioni della storia… più antiche (prima del 1600) che parlano di 箱 hako, scatole, e non di secchi… ma anche di diversa provenienza. Quella dell’Hokkaido ad esempio non coinvolge poveri gatti. E d’altra parte è logico, poiché lo tsugarushamisen (lo shamisen usato da quelle parti) era fatto diversamente, senza usare la pelle dei gatti, bensì quella dei cani, meno pregiata (non erano allevati appositamente), ma più dura e quindi adatta allo stile incredibile dello tsugaru shamisen (guardate questo video a seguire, tratto da un anime (Nitabou)… praticamente i giapponesi hanno inventato il rock, senza dirlo a nessuno, con centinaia d’anni d’anticipo).
  • Tanto per curiosità, sappiate che a Okinawa per il loro strumento musicale tradizionale, sanshin, usano la pelle di serpente… difatti esiste anche il nome 蛇皮線 jabisen, e guarda caso jabi è 皮 pelle di 蛇 serpente.
  • Scommetto che alcuni di voi si staranno chiedendo che razza di strani “secchi” stiamo parlando. Sono simili a quelli dell’immagine sotto. Contenitori del genere si usano oggigiorno in cucina, ad esempio, per lasciare a riposare il riso. Si usa(va)no anche nei bagni pubblici. Spero capiate che per “bagni pubblici” non intendo dei vespasiani^^ In tali bagni i secchi in questione si usano per versarsi addosso acqua fredda prima di entrare nella vasca dell’acqua calda. Inoltre essendo comunque dei contenitori sono “versatili”, utilizzabili per traportare qualche oggetto personale, ad esempio (sapone, shampoo, ecc.). Forse avete già sentito il nome di questi “bagni pubblici”, parlo dei 銭湯 sentou (ne avrete già visto uno in qualche anime^^).
    Poi ovviamente si useranno anche alle 温泉 onsen, le sorgenti termali attorno alle quali nascono “complessi alberghieri”, che però spesso cercano di mantenere un’aria molto tradizionale… e quindi quei “secchi” non mancano mai, sia che la vasca sia al chiuso, sia che si tratti del tradizionale 露天風呂 rotenburo (bagno all’aperto); se ci andate guardatevi in giro, ne vedrete sicuramente qualcuno… magari usato per far galleggiare sull’acqua una bottiglietta di sake, con il relativo piattino per bere mentre si ammirano i momiji (ho infilato una sfilza di stereotipi!).

5 pensieri su “Proverbi – Kaze ga fukeba okeya ga moukaru

    • Immagina di prendere in mano una chitarra a occhi chiusi… non credo sia impossibile, diciamo che la necessità aguzza l’ingegno?
      Molto più impressionante secondo me era Beethoven che suonava pur essendo sordo…^^;;

      Comunque, piccola nota per sicurezza, tutto ciò non significa che tutti i suonatori di shamisen fossero ciechi, né che tutti i ciechi suonassero lo shamisen^^

      Mi piace

      • LOL! Io credevo che il collegamento tra i ciechi e i suonatori fosse che questi ultimi intrattenevano i ciechi… Comunque e’ una serie di collegamenti stravagante ma un articolo super interessante… Mi ha sempre affascinata la teoria del butterfly effect… Un giorno ne devo leggere di più !!!

        Mi piace

この記事へのコメントをどうぞ! ヾ(。>﹏<。)ノ゙✧*。

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...