5. Obbligo e divieto
Anche quest’ultimo caso è strettamente connesso al terzo (o potremmo vederlo come caso particolare del 4°), ma dato che in italiano implica un concetto molto diverso, lo vediamo come caso a parte.

  • 何とかしないといけないんだ。 (18)
    nantoka shinai to ikenai-n-da.
    Bisogna fare qualcosa! (Se il soggetto fosse “io” ovviamente dirò “DEVO fare…”)

Ma come si collegano le frasi con to viste finora a questa forma di obbligo? Perché improvvisamente tiriamo fuori il verbo “bisogna” o il verbo “dovere”?

Vorrei rispondere subito, ma serve prima una premessa, per ricordare alcune cose già viste e per chiarirle.
Avrete visto almeno una costruzione di obbligo molto simile, p.e. X wo shinakute wa ikenai, significa Bisogna/Si deve fare X. I testi che che la insegnano però evitano di dire alcune cose che a mio parere (modesto, per carità) sono molto importanti.

  1. Queste cosiddette “forme di obbligo” (o di divieto, se la parte iniziale è alla forma affermativa, es.: shite wa ikenai) sono solo frasi ipotetiche… sempre! Significano tutte la stessa cosa: “Se non fai X, non va bene”.
  2. Le costruzioni di obbligo/divieto non sono così rigide come ci fanno credere (“naranai” non segue solo la forma in -nakereba e ikenai non segue solo la forma in -nakute wa; per esempio, ikanakute wa naranai va benissimo).
  3. Come visto sopra, nella prima parte della frase posso avere un presente negativo o affermativo, seguito da と e ottenere così una forma di obbligo o divieto, a seconda dei casi: boku wa X wo shinai to ikenai = devo fare X (suru to ikenai = non devo fare)

Un altro fatto spesso trascurato è il seguente. Le frasi giapponesi restano spesso “ufficialmente” in sospeso. Si elimina cioè la seconda parte della frase, per dare un tono meno “drastico” al tutto.

  • そろそろ帰らないと。 (19)
    sorosoro kaearanai to.
    A breve dovrei rientrare/rincasare…
    (lett.: Se a breve non ritorno… = devo tornare a casa; ma il soggetto non è scontato, può essere che sia DEVI tornare a casa, dovete o dobbiamo… come già visto sopra, insomma)

Similmente potete avere una frase tipo quella nell’immagine qui a destra, tratta dal manga Gisele Alain. 早く隠れないと hayaku kakurenai to …è chiaro anche solo dal contesto che significa “DOBBIAMO nasconderci in fretta!” o anche “Presto, dobbiamo nasconderci!”, se preferite.
Il punto però è lo stesso dell’esempio: la frase è spezzata, finisce alla congiunzione “to”.

Lo facciamo anche noi spesso (con altri tipi di frasi in genere): lasciamo la frase in sospeso a metà, mettendo poi i puntini di sospensione… Es.:
– Vorrei andarci… (manca “ma non posso”).
– E se ci andassi da solo…? (manca “andrebbe bene?”)
Nel nostro caso però la frase deve finire lì, con i puntini, ma non è così in giapponese. In giapponese, infatti, dove posso avere, per esempio, una particella finale come “ne” (sorosoro kaeranai to ne), o magari il tema posto in ultima posizione (inversione del tema; es. sorosoro kaeranai to, watashi).

Altro punto troppo spesso trascurato dai libri. Come “narai” e “ikenai” si possono scambiare di posto, così posso usare qualunque altra forma che renda lo stesso concetto. I negativi di iku, anche alla forma piana… ikanai, ikanu, ikan… vanno benissimo. Ma anche un aggettivo va bene! Ad esempio la prossima frase usa 駄目 (dame).

  • はっきり言わないとダメでしょ? (20)
    hakkiri iwanai to dame desho!?
    Devi dirlo chiaramente, ti pare?! (lett. Se non lo dici chiaramente, non va bene, no?)

…piccola nota a margine, spero sia chiaro il parallelismo con il punto 4, dove abbiamo visto “tojimari wo shikkari shinai to abunai”. Qui abbiamo “dame” invece di “abunai”, ma è lo stesso. Perché parlarne qui e non al punto 4, allora? Perché, come avrete visto nell’esempio, la traduzione letterale è davvero brutta e usare un’espressione d’obbligo (o divieto) è molto meglio… mentre “(se non chiudi)/non chiudere bene la porta è pericoloso” funziona benissimo… e tradurre “devi chiudere bene…” fa perdere qualcosa alla traduzione (l’idea di pericolo, ovviamente).

Infine con i prossimi esempi vorrei far notare che un’espressione d’obbligo o di divieto non è “a sé stante”. Qui di seguito la vediamo posta come domanda con “no desu”, la vediamo usata come soggettiva (il verbo è all’infinito) nella frase 20 e infine, nella frase 21, la vediamo in un discorso indiretto retta da “to iu” (in questa frase と云う con un kanji che forse non siete abituati a vedere, ma capita abbastanza spesso).

  • 借金ができた事情を詳しく言わないといけないのですか? (21)
    shakkin ga dekita jijou wo kuwashiku iwanai to ikenai no desu ka
    Devo parlare (per forza) nel dettaglio della situazione che mi ha portato a questi debiti?
  • 辛い時に頑張りますと言わないといけないのは辛い。 (22)
    tsurai toki ni ganbarimasu to iwanai to ikenai no wa tsurai.
    Nei momenti (più) duri dover dire “ce la metterò tutta” è (davvero) dura.
  • 妊婦さんは、お墓参りに行くといけないとは云われていないですよね? (23)
    ninou-san wa, o-haka-mairi ni iku to ikenai to wa iwarete inai desu yo ne?
    Non si dice che le donne incinte non devono andare al cimitero, vero?

6 thoughts on “Gli usi di と (to) come congiunzione

  1. aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhh!!!!confusioneeeeeeee!!!!!ma perchè è così difficile!!!!!!!!XDXD
    comunque, complimenti!le tue spiegazioni sono molto più chiiare di quelle date in molti libri!!!:)

  2. Non la mettere giù così drastica… puoi prenderla anche in modo più banale e meno nel dettaglio.
    Diciamo così. Posto che la frase è scritta con questa forma: Aと、B
    a) l’uso di と suggerisce che dopo A avviene B in modo spontaneo o automatico.
    b) a volte posso usare “se” o “quando” nella traduzione (provi a tradurre e noti che non cambia il senso della frase italiana se usi uno qualunque dei due termini. Ad esempio…
    – se premi questo bottone, esplode tutto
    – quando premi questo bottone, esplode tutto
    …sono la stessa cosa, no?)
    SE LA FRASE ITALIANA NON CAMBIA DI SENSO se usi SE o QUANDO, allora la frase giapponese vuole と sempre che B sia l’immediata conseguenza di A.
    c) a volte rende un’abitudine (es. ogni volta che vado a Kyoto incontro sempre Yuzuchan), tuttavia non è un gran problema, perché posso usare anche “se” o “quando” e il senso non cambia.
    d) si usa per creare degli obblighi o dei divieti, secondo l’idea giapponese che una forma di obbligo si scrive dicendo “Se non fai X, non va bene” (X wo shinakute wa ikenai/Xwo shinakereba naranai/X wo shinai to, ikenai/dame, ecc.)

    Se tieni a mente queste poche cose, anche se non sai i dettagli te la dovresti cavare ^__^

  3. Mmm! Sempre bravissimo.. Ma mi sa che sono capitato in un post di grammatica avanzata!! Aiuto.. Non ce la posso ancora fare 😉 meglio se faccio qualche passo indietro..
    Cmq bravo veramente! È sempre un piacere leggerti quando ho un po’ di tempo libero..

  4. Ciao 🙂 è il mio primo commento qui 🙂 tempo fa cominciai ad imparare il giapponese partendo dalla scrittura, arrivata a 800 kanji ho dovuto lasciare per una serie lunghissima di sfighe, però il giapponese è sempre nel mio cuore e prima o poi riuscirò ad impararlo!!è__é tutto questo per dirti…ti prego continua a fare il corso!*__* mi piace un sacco come spieghi, ho letto qui e lì, ma SICURAMENTE (perdonami il maiuscolo) ti seguirò 🙂 sono anche iscritta al tuo blog per non perdermi i tuoi post…è un’isola felice qui. Grazie mille^^
    ps. scusa per avertelo lasciato qui il commento!

    1. Finalmente qualcuno a cui posso consigliare kanji ABC …è un libro che a mio parere è fatto apposta per chi è nella tua situazione (che era anche la mia situazione tempo fa), perfetto per chi ha le basi e cerca un modo per ripassare da un lato e per avanzare, velocemente se possibile, dall’altro… ti linko la pagina di Amazon se ti interessasse…
      Kanji ABC Kanji ABC: A Systematic Approach to Japanese Characters a Systematic Approach to Japanese Characters
      p.s. so che c’è tanta roba, ma se cominci a guardare la barra in alto, (l’indice, lancia un urlo, domande…) e i “progetti principali” nella colonna di destra in prima pagina, penso riuscirai a orientarti… La prossima volta ad esempio un commento come questo puoi metterlo in CHAT (sotto Lancia un urlo, che trovi in barra)

Fatti sentire!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.